Passa ai contenuti principali

IO CONOSCO COSA SONO

C''è una corsa a definire nei più svariati modi la gente di sinistra.
Non conosco il motivo, ma mi piace troppo questa canzone di Ascanio Celestini.



Io sono una zecca comunista, un idealista che non sopporta ogni volta che un diritto diventa privilegio.

Io sono una zecca, un negro, un palestinese, un ebreo, un abitante del Sahrawi, un clandestino, un etero, un barbone, un trans, chi muore di fame, un honduregno, un disoccupato, un precario, un fannullone, un afghano, un iracheno, un indigeno del Perù amazzonico che lotta contro l'inquinamento delle multinazionali, un sindacalista in Colombia, uno dei tanti nella folla ogni volta che nasce una rivolta per i diritti.

Non mi dovrò sempre sentire dire da altri cosa sono? Sono in grado di capire cosa sono.

E poi, siamo sicuri che questa tanto decantata etica del lavoro sia una cosa giusta, quando si lavora per un sistema che distrugge il mondo e per fare cose inutili?

E ancora, quell'1% della popolazione mondiale che si arricchisce sempre più, lavora?

Bene amici, purtroppo la zecca comunista per qualche giorno deve lasciarvi. Sperando che, nonostante i tanti problemi, la sosta sia breve. Eccheccazzo, non saranno solo pugni in questa vita.

Grazie a tutti per l'affetto che dimostrate a questo blog.
Marco.

Commenti

luce ha detto…
Caro Marco, la vita non è fatta solo di pugni, vai tranquillo: ci sono anche carezze, canzoni e sorrisi, tanti.
Un abbraccio forte e mi raccomando torna, torna, sta casa aspietta a tte! :-)
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Spero cara Luce.
In questi giorni potrebbe arrivare un montante da ko. Sarebbe difficilissmo rialzarsi e trovare la forza di andare avanti.Anche se la vita, deve continuare comunque.
Ma siamo positivi.
Andrew ha detto…
è fanstastica questa canzone!

ti va uno scambio link? fammi sapere sul mio
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Provo schifo, per quella bestia che a Treviso ha investito un immigrato e poi lo ha ucciso a bastonate.
Bastardo.
emanuela ha detto…
Caro Marco, torna presto e spero che il montante da ko non arrivi. Sai, nell'ascoltare la canzone mi sono detta che è bello sapere chi siamo, ma lo sappiamo veramente?
il Russo ha detto…
In bocca al lupo Schiavi, noi "zecche" saremo qui ad aspettarti!
Silvia ha detto…
Buondì Marco!

Adoro Ascanio Celestini! Per fortuna è tra i tanti ospiti al festival dell'Internazionale quindi avrò modo di vederlo :)

A presto allora...
Pierprandi ha detto…
Io sono un altra zecca che ti aspetterà, torna presto. Hasta la vista compagneros!
La Mente Persa ha detto…
I miei auguri, ti aspettiamo tutti :)
gio
Le Favà ha detto…
Torno io e sparisci tu.
Ti aspetto, a presto Marco!
natalibera ha detto…
Caro Marco,non riesco a dirti niente...se non che spero di rileggerti presto e ...in bocca al lupo !
Rouge ha detto…
Ciao Marco, nella vita non arriva mai nulla che non siamo in grado di ricevere sopportare e superare. Se arriva il montante è perchè abbiamo i mezzi per incassarlo.
In bocca al lupo e arrivederci su queste pagine.
Zion ha detto…
torna presto! :-) spero che terrai botta, compagno!
Pupottina ha detto…
ciao Marco
la speranza è l'ultima a morire e si può sempre migliorare, superarsi e sorprendersi per qualcosa di inaspettato

^____________^
l'incarcerato ha detto…
Marco, non so ma percepisco che stai passando un periodo difficile. Forse mi sbaglio, ma se fosse così datti forza e vedrai che lo supererai.

Purtroppo oltre i problemi quotidiani e della vita, alla gente come noi si aggiunge sempre qualcosa in più: il malessere per le ingiustizie sociali.
Nicolanondoc ha detto…
Ciao Marco, ad ogni pugno...una carezza :-)Tieni duro, questo blog ha bisogno dei tuoi scritti.
Un caro saluto
Io sono me stesso con le mie emozioni, la mia voglia di giustizia e di libertà. Ed essere me stesso non mi impedisce e non deve impedirmi di sentire il dolore altrui e combattere per cancellarlo.

Un abbraccio
Daniele
PS: torna presto Zecca!!!! Ti attendo impaziente!
Alessandro Tauro ha detto…
Un saluto affettuoso da un'altra di queste "insopportabili zecche"!
Fatti rivedere prestissimo...!
Maurone ha detto…
ecchecazzo spero davvero non siano solo pugni sulla mia testa!
riri ha detto…
Ti abbraccio Marco, in attesa del tuo ritorno, sei una persona speciale!
natale ha detto…
Torna... Torna Catalessi... Falli tutti FESSI... Torna!!!

;) A QUANDO IL RITORNO? SoL
elena ha detto…
Ciao Marco (e ciao tutti). Passavo di qua solo per informarti che finalmente ho parlato di Lisbona (pur con tanti dubbi) e scopro che te ne sei andato, oltrettutto con previsioni poco belle... accidenti.
Non ti dirò che mi dispiace (anche se è vero). E non ti porgerò la mia spalla su cui sfogarti (c'ho già abbastanza magagne di mio per non volermi prendere anche i reumatisimi).
Ti scrivo solo che la rompiscatole co....na e farabutta si aggiunge alla lista di coloro che aspettano impazienti il rientro di una zecca. E che zecca! :)
Per quel che riguarda il possibile ko, se vuoi scrivimi in privato (non pretendo che tu metta in piazza le tue vicende se non ti va): non prometto nulla, ma se posso fare qualcosa per te, ci sarò.
Sennò cosa siamo compagni a fare?
Ti abbraccio.
elena ha detto…
Ripensando a quello che ho scritto, mi son trovata oltremodo supponente e presuntuosa. Quindi proverò a spiegarmi: non penso di essere la prima della classe e nemmeno la più brava, la più rossa o che altro.
Credo di aver solo espresso esplicitamente quello che in molti pensiamo: la solidarietà come stile di vita e non solo come semplice parola con cui riempirci la bocca.
Suerte.
calendula ha detto…
perchè non ho saputo nulla dell assassinio di una persona a Treviso? ma checavolo........
torna carico come sempre.
Anonimo ha detto…
Ciao Schiavi, ieri a Ferrara Ascanio Celestini ha cantato anche questa canzone da te citata nel post, ti regalo l'energia di quel momento...spero ti possa servire durante questa sosta.
Fatti forza.

Melo
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie Melo.
Grazie a tutti voi.
Un caro saluto.
natalibera ha detto…
Marco,fai avere notizie...sono un po in apprensione....

Un abbraccio carico d'affetto...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…