Passa ai contenuti principali

CONTINUO A NON CAPIRE

Girando in Internet trovo questo articolo:

La Russa: «I soldati italiani combattono da un anno: Prodi e i ...

Bertolt Brecht
Quando chi sta in alto parla di pace, la gente comune sa che ci sarà la guerra. Quando chi sta in alto maledice la guerra, le cartoline precetto sono già state compilate.


Si considera la guerra un male da evitare, certo, ma si è ben lontani da considerarla un male assoluto: alla prima occasione, foderata di begli ideali, scendere in battaglia ridiventa velocemente un'opzione realizzabile. La si sceglie, a volte, perfino con una certa fierezza. Una reale, profetica e coraggiosa ambizione alla pace io la vedo soltanto nel lavoro paziente e nascosto di milioni di artigiani che ogni giorno lavorano per suscitare un'altra bellezza e il chiarore di luci limpide che non uccidono. (Alessandro Baricco)

E' vero, sono solo aforismi che trovano il tempo che trovano. Certo è facile ora piangere, edulcorare responsabilità sotto l'egida di un bene comune, un bisogno necessario.
In un discorso fra amici, quelli dove si mette in discussione vita, amori, credenze e sofferenze sono arrivato alla facile conclusione che il mondo in cui viviamo è maledettamente triste. Si muore in mare cercando speranza, si muore al lavoro per una qualche forma di dignità, si muore di fame e sete, si muore in terre lontane, si muore...troppe volte.
Resta il dolore, che il giusto prova per quel male che qualcuno ha introdotto nella realtà, che ormai esiste, indelebile... e quindi già parte di una Storia intrisa di eccessiva crudeltà. Perchè per troppe volte, riusciamo a trovare un significato anche allo sbattere la testa contro il muro.


Commenti

Maurone ha detto…
Anch'io ho pensato alla stessa canzone oggi sentendo La Russa... distribuiscono medaglie alla memoria alle fasmiglie, mentre loro intascano i soldi dalle aziende di armamenti...
il Russo ha detto…
Su son puliti il culo con l'articolo 11 della Costituzione e quella pallottola di carta e merda l'hanno chiamata Pace.
Bruno ha detto…
sono patetici...non sono piu' credibili neanche nei discorsi tragici...... sempre il fenomeno la russa ha detto..."sono morti per insegnare la libertà e la democrazia in quel paese" ... ma dove? e a chi? e poi con la faccia cupa si aggregano al dolore delle famiglie..... avevo la pelle d'oca a sentire quelle parole
Alessandro Tauro ha detto…
Io purtroppo mi sono imbattuto anche negli articoli datati 2007 in cui Di Pietro e Bossi etichettavano come "No global" e "traditori" tutti coloro che proponevano exit-strategy, ritiro e riconversione della missione.

Turigliatto e Rossi al Senato per un periodo della nostra storia politica erano diventati il "male assoluto" per tutti quanti, soprattutto per gli elettori di centrosinistra.

Oggi tutti fanno a gara a richiedere il ritiro delle nostre truppe dall'Afghanistan. E a chiederlo sono gli stessi che 2 mesi fa votavano compatti, all'unanimità, per il suo rifinanziamento...

In questo frangente disprezzo più persone come Di Pietro e Bossi che uomini senza scrupoli collaudati come La Russa.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Alessandro: io disprezzo tutti, perchè le responsabilità sono trasversali.
Adesso piangono, solo perchè capiscono che botta può essere questa situazione per il consenso interno.
Zion ha detto…
io speravo che queste perdite di vite umane sarebbe servito a svegliare qualcuno in modo che si pensasse a un "beh, l'italia ripudia la guerra, questa è una guerra, leviamoci dalle oo". Illusa.
Anonimo ha detto…
molto intiresno, grazie

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…