Passa ai contenuti principali

INFORMAZIONE

Dal sito di Paolo Barnard, pubblico questo articolo sul caso Gabanelli-Report.

Carogna mangia carogna.

Avete letto? La RAI toglie la copertura legale a Report e ai suoi inviati. Presumo che Milena Gabanelli sia pienamente d'accordo, visto che proprio lei ha alacremente lavorato assieme alla RAI per negare la copertura legale a quello che era un suo giornalista di punta; ha cioè per anni avvalorato e controfirmato il medesimo abbandono in caso di grane giudiziarie che oggi i suoi dirigenti decretano per i suoi collaboratori. Ma bando alle ciance.
Milena Gabanelli, la falsa paladina della libera informazione RAI, si comportò da carogna con Paolo Barnard, tradendolo dopo 10 anni di fedeltà, tradendo tutto il libero giornalismo italiano, e schierandosi come uno stuoino ai piedi dei suoi padroni di viale Mazzini quando negarono al giornalista di Report qualsiasi appoggio legale in occasione di una citazione per danni. La vicenda è narrata per intero qui http://www.paolobarnard.info/censura.php e fu ripresa dalla Rete per mesi.
Oggi, a Gabanelli e ai suoi codazzi di redazione capita esattamente la stessa cosa. Accade che la RAI tradisce Gabanelli. La carogna RAI mangia la carogna Gabanelli. Sul Corriere della Sera del 05/09/2009 Aldo Grasso scrive:
“… Non è un mistero che una trasmissione come quella di Milena Gabanelli sia a rischio. Non solo per compatibilità con la nuova dirigenza ma anche perché il dg Masi le ha tolto lo scudo dell'assistenza legale nonostante non abbia mai perso una causa (ogni autore dei servizi sarà responsabile in proprio di eventuali azioni legali, un sistema per togliere coraggio anche ai più coraggiosi)”.
Brutta notizia. Ma quando, come si diceva, la medesima cosa, e molto peggio, fu fatta dalla RAI a Paolo Barnard nel 2005, Gabanelli e i suoi codazzi di redazione non solo rimasero muti, non solo aggredirono le proteste di Barnard dandogli del vigliacco e del bugiardo, ma appoggiarono in pieno la condotta della RAI. Peggio: Barnard si trovò appunto senza copertura legale da parte dell'Azienda in un procedimento giudiziario originato da una sua inchiesta di Report - vale a dire abbandonato a pagare spese ed eventuali danni - ma scoprì che oltre tutto RAI e Gabanelli si accanivano contro di lui in aula di tribunale, nonostante quell’inchiesta di Barnard fosse stata da loro approvata, trasmessa, lodata e replicata.
La mia protesta di allora parlava proprio di Censura Legale, quella che Grasso ha sintetizzato fra parentesi, e lanciavo un allarme sul suo potenziale di strangolamento della libera informazione. Ma poiché a quel tempo era la 'paladina' Gabanelli a infliggere Censura Legale, nessuno fra le 'belle anime' dell'Antisistema italiano volle muovere un dito. Travaglio pur di difendere la sua amica Milena mi diede pubblicamente del bugiardo. Oggi Censura Legale si abbatte sulla signora di Report, e tutti gridano allo scandalo. Che ipocriti.

Oggi carogna mangia carogna. Giusto. Che altro dire? Ah, sì, una cosa. Barnard all’epoca si rivolse anche ad Aldo Grasso per chiedergli di parlare di quell'ignobile ingiustizia che subiva. Grasso gli rispose: “Ma… sai… io sono amico della Gabanelli, e prima di attaccare un’amica dovrei vedere meglio...”. Barnard gli inviò le prove. Grasso non scrisse nulla. Oggi invece… Che pietà.

P.s. Grasso, non è vero che Gabanelli non abbia mai perso una causa. Ha perso proprio quella dove si accanì contro di me.

Fonte a questo link:
http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=133

Commenti

Pape Satan Aleppe ha detto…
Avevo già letto della storia ed ora la cara Milena non può certo lamentarsi più di tanto: della serie chi la fa l'aspetti ...
PS Marco ti va lo scambio link (basterebbe aggiornare il vecchio)
Ciao!
calendula ha detto…
che schifo, e io che credevo che quella di report fosse una grande famiglia unita contro i soprusi... sono delusissima..
sai marco,conosco questa storia ed è il soggetto stesso che la racconta,a me piacerebbe sapere che ne dice la Gabbanelli,
dopodichè si puo' anche pensare che "chi di spada ferisce,di spada ferisce"Ma a quanto pare c'è chi a questo detto non da' molto conto,viste le continue malefatte,altro che storie come questa MA ben piu pesanti.
Ti ringrazio comunque ,scriverne e discuterne fa sempre bene,per tutti i giornalisti seri e non piegati a 90°.
Se pensiamo che a "mike bontonno" hanno dato i funerlai di stato e a peppino impastato hanno tolto la lapide in memoria,la dice lunga su dove e come stiamo finendo e in fondo anche perchè tanti giornlisti hanno paura!!
Povero peppino cosi bistrattato persino da morto dai malefici nanoverdi..di questo passo,quelli la,sono cosi liberali che ad UN Lettarman gli faranno un mausoleo?Non oso pensare che vorranno fare
alla fine di berlusconi,perchè arrivera' la fine vero? Io intanto ho trovato finalmente l'idea giusta,si si l'ho trovata!!
Come liberarci del cavaliere!forse non basta,anzi certo,ma stai tranquillo che conoscendo il suo esagerato egocentrismo gli dara' MOLTO FASTIDIO,MOLTO...
amatamari© ha detto…
Non vedo come si possa leggere la realtà di oggi con la lente del proprio passato.
il Russo ha detto…
Concordo con Gabry ed amatamari, ho appoggiato Barnard quando chiedevo aiuto, ma questo post rancoroso e pieno di astio (ma è lui che parla di se in terza persona oppure l'autore è un altro? Nel primo caso sarebbe grave) mi sembra del tutto fuori luogo.
Che rivincita del cazzo é, se uno ha subito un'ingiustizia (condizionale obbligatorio perchè la conduttrice di Report ha sempre negato)godere del fatto che la subisce un altro?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Cara Gabry è la stessa Gabanelli da quanto conosco che non ne vuole parlare: è stato censurato anche il dibattito nel sito di report.

Per amatamari: serve sempre analizzare il passato, se si vuole capire gli errori che ci hanno portato alla discgrazia odierna.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Russo, il post è direttamente tratto dal suo sito.
Avendo avuto modo di scambiare qualche email con Paolo, il suo rancore, credo, sia dovuto alla mancata capacità di alcuni giornalisti di uscire dalla propria "parrocchia".
Era logico capire che la "censura legale", prima o poi colpisse oltre lui, l'intero staff di report.Soprattutto visto il clima che tira. E poi, se non fosse vera la cosa, come mai visto il putiferio in internet da lui causato, non è partita qualche denuncia nei suoi confronti?
Il mio vuole essere un apertura di dibattito, su una cosa che credo, sia giusto conoscere.
luce ha detto…
Madonna che tristezza!
Caro Marco grazie di averci fatto conoscere il rovescio della medaglia.
Mi sa che aveva ragione mia nonna che diceva: "Fai del bene e scordatene, fai del male e ricordatene!"
Insomma alla fine qui mi sa che non si salva nessuno.
L'Italia è proprio la terra dell'ipocrisia..e anche stasera, tra la Lega e il ricatto dei voti, Fini e la sua "opposizione" e i funerali di Stato a Mike ( niente da dire sulla persona e il personaggio per carità, però forse sono stati esagerati...)anche stasera finisco la giornata con la nausea.
Mi verrà la gastrite prima o poi per questa Italia di brutti, sporchi e cattivi.
Un abbraccio molto affettuoso e riconoscente per la notizia.
Bastian Cuntrari ha detto…
Be', non si smette mai d'imparare! Pensavo che la Gabbanelli fosse al di sopra di ogni sospetto...
la Volpe ha detto…
non bisogna credere a nessuno, ma Barnard non è certo l'innocentino che dice di essere

oltre a essere un pazzo isterico (come prova, al contrario di quello che crede lui, lo scambio di missive con Travaglio che ha pubblicato sul suo sito)

Barnard passa più tempo a sparare a zero sui suoi colleghi più famosi che a fare critica

e ogni volta che si discute di un problema, lui si lamenta che "esistono problemi più gravi"

è un allorista e un rancoroso

e mi dispiace dirlo, perché non mi dispiaceva quando si occupava di fare inchieste invece che di fare le pulci ai colleghi

che Travaglio e soci non siano cavalieri senza macchia è importante ricordarlo, ma Barnard è ormai oltre il ridicolo

qui si fa la fine dei capponi di Renzo, e sprecare le energie in questo modo lo trovo colpevole
la Volpe ha detto…
su una cosa però Barnard ha ragione: è sorprendente, conoscendo l'animo umano e il protagonismo che lo rappresenta, che qualcuno si stupisca delle magagne di Gabanelli o Travaglio o Di Pietro

dobbiamo smetterla di aspettarci la perfezione del cavaliere senza macchia

la cosa importante è la qualità dell'informazione, non chi ce la fornisce

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…