Passa ai contenuti principali

Dov'è Dio in tutto ciò.

Ricevo questa email che pubblico volentieri.

...e siamo solo all'inizio. io mi informo con Peacereporter, però una rassegna stampa me la sono fatta...Mangusta, Lince, Tornado.... da quando con queste armi si costruisce la pace? domanda non retorica perchè stamane, tra tutti i quotidiani appiattiti sulle stesse posizioni, ho voluto vedere cosa diceva la chiesa ufficiale... (o l' "ufficiale" chiesa?) mah, mi dicevo, forse la chiesa... così ho speso il mio euro per "Avvenire". Vediamo allora:

"infinita riconoscenza ai nostri soldati.I nostri militari sono in Afghanistan per proteggere e incoraggiare chi vuole vivere in pace e migliorare le proprie drammatiche condizioni di vita. A nessuno può sfuggire la loro generosità che, oltre a garantire la sicurezza del territorio, sta aiutando a ricostruire le istituzioni e le infrastrutture di quel paese. Il terrorismo ha paura della solidarietà perciò manifesta il disprezzo per la vita umana. In questo periodo così delicato per le sorti della democrazia in Afghanistan sento il dovere di ringraziarli sia come uomo che come fratello nel Signore" così dice l'Arcivescovo ordinario militare per l'Italia, Monsignor Vincenzo

Pelvi. "Grande vicinanza e grande dolore" (...) "Esprimo vicinanza ai familiari e a tutti i compagni dei militari morti. Cristianamente una preghiera per le loro anime." Cardinale Angelo Bagnasco, Arcivescovo di Genova e presidente della Commissione Episcopale Italiana

Informato della "notizia terribile e sconvolgente" che ha provocato la morte dei soldati italiani, Benedetto XVI° ha detto che "assicura le sue preghiere per le vittime" e manifesta la sua "vicinanza alle famiglie e a tutte le persone coinvolte. Speriamo veramente che questo sacrificio di persone che hanno dato la loro vita per la pace possa alla fine essere ricompensato dall'arrivo vero della pace." Papa Benedetto XVI°

tuttavia, e vi lascio con questa chicca, il "pastore tedesco" non è nuovo ad equiparare la pace alle armi.... infatti nel suo primo messaggio per la giornata mondiale della pace del 2006 (primo gennaio) così si esprime:http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/messages/peace/documents/hf_ben-xvi_mes_20051213_xxxix-world-day-peace_it.html

8. "Il mio grato pensiero va alle Organizzazioni Internazionali e a quanti con diuturno sforzo operano per l'applicazione del diritto internazionale umanitario. Come potrei qui dimenticare i tanti soldati impegnati in delicate operazioni di composizione dei conflitti e di ripristino delle condizioni necessarie alla realizzazione della pace? Anche ad essi desidero ricordare le parole del Concilio Vaticano II: « Coloro che, al servizio della patria, sono reclutati nell'esercito, si considerino anch'essi ministri della sicurezza e della libertà dei popoli. Se adempiono rettamente a questo dovere, concorrono anch'essi veramente a stabilire la pace ».(8) Su tale esigente fronte si colloca l'azione pastorale degli Ordinariati militari della Chiesa Cattolica: tanto agli Ordinari militari quanto ai cappellani militari va il mio incoraggiamento a mantenersi, in ogni situazione e ambiente, fedeli evangelizzatori della verità della pace."

Ma c'è ancora uno spicchietto di chiesa tosta, buona e NON SILENZIOSA....in questa ho speranzatuttavia se avete bestemmiato leggendo o dopo, vi capisco... l'ho fatto anche io...Come la mettiamo con la Buona Novella della pace (parola che questa gente non dovrebbe neanche pronunciare!!) che Gesù ha portato in parole e prassi????

Commenti

l'incarcerato ha detto…
Si caro Marco, ci sarà pure un apiccola parte della Chiesa critica, quella vicina alla teologia della liberazione ma come ben sai quella qui in Italia è invisibile.

Quanto vorrei che quelle stesse aprole fossero spese per gli atri 15 afgani civili morti insieme ai sei parà. QUnto vorrei che spendessero quelle parole a tutte le vittime civili afghane provocate dalla NATO.

Dio lì non c'è?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Chiediamo sempre troppo noi. Evidentemente.
Pupottina ha detto…
è scomparso...
il Russo ha detto…
dio è in missione di peacekeeping per conto di razzingher...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Consiglio a tutti le interviste dell'unità cartacea.
Soprattutto quella di Gino Strada.
emanuela ha detto…
La tua rassegna stampa è interessantissima. La tua domanda? Inutile!
Crocco1830 ha detto…
Da ateo, nel mio post ho riportato questa frase di San Cipriano, anche per ricordare hai troppi cristiani guerrafondai, che la pace non si persegue con la guerra: "Il mondo è bagnato di sangue fraterno: ecco che l'omicidio è crimine quando sono i singoli a commetterlo, ma diventa virtù quando è compiuto in nome dello stato. L'impunità per i delitti non l'assicura il motivo dell'innocenza, ma la grandezza della ferocia".
natalibera ha detto…
Sono atea....non a caso!

Abbraccione :)
Zion ha detto…
leggo moltissimi blog in cui parlano di onore ai caduti e basta dargli contro.
Io non voglio insultare nessuno, ma...un soldato è pagato per andare in guerra, e grazie a non so chi, non c'è più la leva, si va se ci vuoi andare. Se ci credi, o per soldi...cmq lo sai che fare il soldato non vuol dire fare l'impiegato.

Questa non è una missione di pace, questa è una guerra!
E in guerra, se ci vai è molto probabile che muori...perciò non ci vedo onore. Non stanno salvando la propria patria. Vedo solo dei soldati che per lavoro sono andati in una zona di guerra. Come i giornalisti specializzati, per intenderci.
Mi spiace per loro, ma non provo nè onore, nè orgoglio.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…