Passa ai contenuti principali

SABRINA

Se come dicono alcuni filosofi, l'uomo è costruzione di senso, è altrettanto vero che nell'epoca del nichilismo di massa trovare un senso a questa vita sembra ardua impresa. Nella società dei consumi, governata da fattori terzi i quali non dipendono dal singolo ma da dinamiche di mercato ( disoccupazione, inflazione, recessioni, consumi ecc.), ognuno di noi si ritrova impotente, o quasi, difronte alla sovrastante devastazione di questa realtà. L'unico modo per poter sopravvivere, sembra sfruttare quella cultura della visibiltà, per cui se riesci in un qualsiasi modo a raggiungere posizioni di prestigio vali qualcosa, altrimenti precipiti nell'oblio delle masse anonime in quel circolo vizioso che porta ad alienazione , frustrazione o addirittura depressione. Le repressioni interne poi, compiono il resto: quante volte, non facciamo ciò che vorremmo, per paura di venir etichettati in un qualsiasi modo? Quante volte, la nostra autostima vale in funzione dell'apprezzamento che riscontriamo nella società? Ognuno sequestrato dalle paure, si chiude nelle proprie case dove gli spettri della solitudine e della disperazione si annidano, in persone che non sono più in grado, o per meglio dire non si credono all'altezza, di affrontare la vita. Qualche giorno fa, lessi di Sabrina Ricci, madre che prima di togliersi la vita ha ucciso il figlioletto di appena due settimane. Non c'è l'ha fatta, il male di vivere, quel silenzioso compagno che mette in discussione ogni tua certezza, è stato più forte della felicità di un figlio. Resta lo sgomento, per una strage che una società diversa, dove si possa ancora assaporare il calore umano nei momenti del bisogno, sarebbe sicuramente riuscita ad evitare. Questo non è progresso, è maledizione. Più acquisiamo potere e dominio sulla natura e i nostri simili, più l'inevitabile conseguenza è il dimenticarci di cosa siamo e dei nostri reali bisogni. E' una corsa frenetica...e senza senso.




Ciao Sabrina a te, e a tutti quei figli ai quali questa società non è più in grado di dare ascolto.

Commenti

il Russo ha detto…
Anche in un posto molto popolato come Genova puoi sentirti sola, sola con l'amore di un figlio piccolo.
Una solitudine insopportabile, incolmabile, straziante.
Adori tuo figlio ma l'hai fatto con la persona "sbagliata", lui è tornato al sud dalla sua famiglia (precedente, attuale, bah...) e ti senti, sola e abbandonata con un cucciolo d'uomo.
Allora arriva la disperazione, il dolore, nei tuoi diari ci sono le speranze, i sogni e le utopie per ciò che non potrà essere.
E quando alzi gli occhi dai tuoi scritti e ti scopri lì, ad affrontare il mondo, alzi le mani e stacchi la spina della vita a ciò che più ami ed a te stessa.
E la chiamano vita.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Caro Russo, quante Sabrine occorreranno ancora per capire...?
silvano ha detto…
Storia dura. Storia dura come tante. Questa società fa pagare un costo altissimo ai più deboli ed indifesi. Come sempre le donne pagano salato la discriminazione subita e la fragilità imposta.
ciao.
Bruno ha detto…
purtroppo sta diventando all'ordine del giorno...
luce ha detto…
Caro Maerco, scusami se da donna dissento sul punto, ma non perchè non capisca il disagio e la solitudine di questi tempi duri e bastardi, ma perchè il caso di Sabrina e di tante mamme assassine è patologico, ed è una patologia che sottovalutata per anni adesso è portata alle espreme conseguenze.
Lo stess emotivo fisico e mentale ( a livello ormonale e psicologico) della gravidanza e maternità porta alle depressioni post partum che non sono da sottovalutare e che hanno TUTTE le donne ma in maniera diversa.
La favoletta dell'istinto materno e della donna che è predisposta alla gravidanza ( favoletta di matrice maschilista e sciovinista) in casi come questi perde di validità ma purtroppo ancora adesso è sottovalutato il periodo pre e post partum, specie se poi si ha la sfortuna di avere il dono di un bambino con l'uomo sbagliato.
Queste sono disgrazie annunciate e non sono frutto dei tempi, ma sono solo l'ennesima prova, secondo me, che la vera solitudine spesso è femminile.
E la società non ha ancora capito che è fondamentale come partenza di sviluppo anche etico la questione delle donne e del loro muoversi nel mondo covile che è ancora fatto a misura di uomo, con tutte le strumentalizzazione a cui spesso sono sottoposte le donne per sopravvivere.
Un caro abbraccio e complimenti: ginocchio dolorante a parte rimani una grande mente e un grande cuore.
Pupottina ha detto…
ciao. buon inizio settimana ^________^
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Luce, se Sabrina avesse avuto qualcuno in grado di ascoltarla, magari non giudicandola, perchè nella vita a tutti può capitare di inciampare, sarebbe arrivata a tanto? Certo hai ragione è patologica la cosa, ma se ci fosse il tempo di fermarsi un attimo, a riflettere, a uscire dalle pressioni che giornalmente subiamo,forse certe cose non accadrebbero.
Grazie.
luce ha detto…
Caro Marco, Sabrina non è stata ascoltata non perchè è il momento storico che non ascolta ma perchè la sua voce, come quella di tante e tante donne che si trovano nella sua stessa condizione è muta, ma da sempre, solo questo intendevo.
Certe patologie, ripeto che TUTTE noi donne dobbiamo affrontare saranno sempre sottovalutate finchè non saranno accettate più che aiutate.
Che poi adesso in genere le difficoltà vengono considerate debolezze è un altro discorso, che è figlio di una società mercantile e consumistica che dura oramai da circa un secolo e mezzo.
Ma questa è un'altra storia...
Un abbraccio e un grazie a te che ascolti!
Genova é una città morta, fredda. Si può morire di solitudine e di paura.

Nulla da aggiungere se non un senso di pietà per un gesto drammatico che forse non doveva però coinvolgere anche il figlio.
Crocco1830 ha detto…
Vorrei urlare...
Anonimo ha detto…
Time for a wise person, as precious as diamonds; but right fool, it becomes like a soil, there is no point value.
www.sunsgarden.com.tw
www.sunsgarden.com.tw/service.php
www.love-motel.com.tw/index.html
l'incarcerato ha detto…
Di solitudini ci si può morire...

Caro Marco, questa è una società fortemente individualista. Ed ecco le conseguenze..

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…