Passa ai contenuti principali

DIECI MINUTI DEL VOSTRO TEMPO PER CONOSCERE UNA PERSONA ECCEZIONALE

Intervista di Vittorio Arrigoni a La Stampa

"Io, Ulisse italiano a Gaza

"E' sbarcato con la cognata
di Blair a bordo di "Free Gaza"
e non è voluto ripartire
FRANCESCO MOSCATELLI
TORINO

Nei prossimi giorni sarò ospite di una famiglia palestinese a Rafah, ma per il momento resto a Gaza City, a fare da scudo umano per i pescatori. Ieri ci siamo spinti a 10 miglia dalla costa, sfidando tre navi della Marina israeliana. In 14 ore abbiamo pescato sei volte quello che pescano di solito, quando non possono oltrepassare le 3 miglia». Vittorio Arrigoni, l’italiano sbarcato il 23 agosto a Gaza con un gruppo di attivisti per i diritti umani, fra i quali Lauren Booth, la cognata di Tony Blair, ha la voce tranquilla. Alle avventure, lui, ci è abituato. In questi giorni è bloccato per sua stessa volontà nel cuore di una delle regioni più calde del Medio Oriente, senza preoccuparsi di come e quando potrà rientrare in Italia.Trentatré anni, di Cantù, durante l’anno lavora come tuttofare nella ditta di famiglia: «Magazziniere, autotrasportatore, quello che capita - scherza - Sono figlio di un imprenditore, ma di quelli dal cuore rosso. Mia madre è sindaco di un piccolo comune e io sono cresciuto a pane e politica». Negli anni scorsi ha fatto il cooperante in Bosnia, l’osservatore internazionale durante le prime elezioni democratiche in Congo, ed è stato più volte in Cisgiordania. «Diciamo che oggi avrei qualche difficoltà a passare il confine israeliano - spiega -. L’ultima volta mi hanno espulso e mi considerano una persona non gradita».A Gaza Vittorio è arrivato il 23 agosto, dopo un viaggio rocambolesco. «Sono atterrato ad Atene a fine luglio e poi mi sono trasferito su un’isoletta dell’Egeo, dove mi aspettavano altri quattro attivisti - racconta -. Abbiamo lavorato in gran segreto per 15 giorni, per sistemare un vecchio peschereccio ribattezzato “Free Gaza”. Il 13 siamo salpati alla volta di Creta, dove ci siamo ricongiunti con i ragazzi del “Liberty”». Altre 40 ore in mezzo al mare e le due barche dell’organizzazione «Free Gaza Movement» hanno raggiunto la Striscia. «Era dal 1967 che una nave internazionale non sfondava il blocco israeliano - spiega -. Abbiamo avuto mille problemi: i due capitani greci che avevamo assoldato ci hanno abbandonato dopo aver ricevuto minacce telefoniche e quando eravamo nelle acque internazionali internet e i telefoni cellulari sono saltati».
Nella mattinata di ieri, dopo i saluti in grande stile della popolazione locale, le due barche sono ripartite verso le coste cipriote con a bordo sette palestinesi. Arrigoni, invece, è rimasto a terra. Per sua libera scelta. Con lui una decina fra medici e infermieri. «Stiamo cercando di far passare il confine ad alcuni palestinesi malati, ma al valico di Eretz non ne vogliono sapere». Lui è arrivato via mare, e per gli israeliani è come se non fosse mai entrato nella Striscia. Di un visto israeliano, con il suo curriculum, non se ne parla. Il sogno proibito di «Free Gaza Movement», però, è quello di creare un vero e proprio ponte marittimo con i territori. «Il tempo di raccogliere i 10 mila euro necessari per fare rifornimento e la “Liberty” e il “Free Gaza” torneranno. Io le aspetto per rientrare a casa anche se, al momento, la mia vita italiana è congelata - spiega -. Oppure proverò alla fine del mese di Ramadan, quando riaprirà il valico egiziano di Rafah».Nel frattempo, a Gaza, vive il suo momento di gloria: visita le famiglie, incontra i politici, si fa inseguire dai bambini che tentano di rubargli il berretto da lupo di mare. Un vezzo, per uno che è nato e cresciuto all’ombra delle Alpi. Anche le autorità palestinesi lo trattano con i guanti di velluto: hanno intitolato una piazza alle due imbarcazioni e hanno dato a tutti gli attivisti la cittadinanza onoraria. «Vogliono perfino costruire un monumento - racconta divertito -. Siamo cani sciolti, lontani dalla politica. Non neghiamo i diritti di Israele, ma vogliamo affermare con forza anche quelli dei palestinesi. Non ci facciamo tirare la giacchetta da nessuno. Quando siamo arrivati ci aspettavano due comitati di accoglienza: uno di Hamas e uno di Fatah, ma alla fine hanno organizzato una festa tutti insieme».Merito, forse, della cognata di Blair? «No, no, assolutamente. Lauren e Blair non si possono vedere. Hanno una visione del Medio Oriente totalmente diversa: lui non è mai stato a Gaza perché gli israeliani temevano un attentato, lei è la benvenuta in ogni casa palestinese». I timori che possa succedere qualcosa, però, sono tanti. «I primi giorni, quando eravamo in gruppo, ci hanno messo dietro molti agenti di sicurezza. Adesso ognuno andrà per la sua strada. Conosciamo bene la Palestina e sappiamo che bisogna stare attenti, ma l’eventualità di un rapimento è remota». La Farnesina non è d’accordo: «Sconsigliamo fortemente la presenza a qualsiasi titolo di cittadini italiani nella Striscia di Gaza - spiegano dall’Unità di crisi - Inoltre la Marina Militare Israeliana ha ribadito che impedirà l’accesso a tutti i natanti di qualsiasi nazionalità nelle acque territoriali di Gaza. Il Consolato Generale a Gerusalemme ha fortemente raccomandato ad Arrigoni di esercitare la massima prudenza e di mantenersi in costante contatto, informandolo preventivamente delle iniziative che intenda intraprendere per lasciare Gaza». Lui però fa spallucce: «Se divento un caso ben venga, servirà per sottolineare l’assedio a un milione e mezzo di persone».

Consiglio di visitare il suo blog:GUERRILLA RADIO . Blog che ho tra i miei link utili, e ne sono particolarmente fiero.

website della missione:
http://www.freegaza.org/
contatto: guerrillaingaza@gmail.com

Commenti

Gatta bastarda ha detto…
ci vorrebbero più uomini così..
e io stessa vorrei avere 1 /10 del suo coraggio
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
ah ma allora non è un caso che ci si sia incontrati qua',nel mio vecchio blog windows,molto spesso ho riportato post dei Guerrilla,li leggo sempre e forse è per questo(insieme al sito di canisciolti)che piano piano sta' tornando in me la vecchia anima guerriera di un tempo.Ma oggi pocca a voi giovani,fare,noi al massimo possiamo(quando si puo')mettere la mano in tasca a vedere che si puo fare,oltre a fare pubblicita' attiva su internet.ricordo cani sciolti quando ancor prima di Arcoiris tv mise in rete il filamto originale delle nefandezze Berlusconiane,fino agli albori della sua storia,passo' su una rete inglese,poi americana e via via,ma qui in italia un piffero di nulla,tutto è sempre passato attarverso lo scambio e il file sharing di internet.Mi rimase impressa questa storia,perchè il mio Prof di allora (comunsita castrista)di un corso di Informatica apllicata alla sicuerezza web(un corso di aggiornamento)insegnava alle scuole civiche e quando gli feci vedere il filmato si sbigotti assai,ne aveva sentito parlare ma non era riuscito ad averlo,glie ne feci dono,(una semplice copia c.d.)che lui fece mettere in rete dal partito e cosi almeno anche qui esplose il caso Citizien-berlusconi,sulla rete web italiana,forse poca cosa,in fondo,ma io mi sentii gratificata dai ringraziamenti avuti,anche queste sono forme di aiuto,(oltre a sostenerlo allora come il candidato circoscrizionale )Come trovo grande questo ragazzo che di certo fa quel che puo' con i mezzi che riesce a racimolare ,magari attraverso il semplice passa parola,a cui ovviamente tutti auguriamo ogni bene e che lotti sempre e la sua lotta abbia risonanaza mondiale.
Punzy ha detto…
Accidenti, che tipo in gamba.
Lo ammiro, molto

Io sono una fifona da poco..
Marte ha detto…
Adesso abbiamo i post uguali,
Sembrano trasmissioni e rete unificate :)

Che dire. Ci vuole coraggio ad agire.
Ma l'azione si compone di diversi gesti, e oltre a chi parte c'è anche chi resta e si fa carico di dire, raccontare e donare.
Trovo davvero bella questa storia parallela che accompagna Vik nel suo viaggio e unisce non solo coste lontane ma anche piccole isole nella rete.
Anticlericale89 ha detto…
Ha sicuramente tutta la mia stima,spero di essere abbastanza coraggiosa quando arriverà il mio turno nel poter fare qualcosa.
Pellescura ha detto…
Certe persone sono come vorremmo che noi fossimo.
Lucia Cirillo ha detto…
In questo momento mi vergogno un pochino di me stessa...meglio così, può darsi che trovo pure io la mia maniera di partecipare a qualche forma di lotta (probabilmente di altro genere)
il Russo ha detto…
Anch'io stamane sfogliando la Stampa ho letto l'intervista e ne sono rimasto piacevolmente sorpresa: questa é informazione, altrochè le prezzemoline ed i vip in costa smeralda....
Vincenzo ha detto…
E’ semplicemente meraviglioso quanto di bello fanno questi ragazzi…bravi! Siete un esempio anche per noi che siamo qui chiusi nelle mura della nostra grigia routine…e bravo anche tu per averci ricordato questa esperienza bellissima. Grazie.
Sub ha detto…
Grazie per aver ripreso l'articolo.

Non so se hai mai conosciuto Vik di persona,
io posso dirti che è una persona eccezionale, ma normale. Una persona come ce ne sono tante, che però ha trovato la forza e la determinazione necessarie per certe esperienze.

E' una persona che ha la nostra stima, il nostro incoraggiamento ed il nostro supporto. Ed è anche grazie ad essi che riesce in quello che fa.
E' lui stesso a dirlo ed a ringraziare.

p.s: stando a quando si dice sul sito della Free Gaza, una volta ricoperte le spese ci saranno altre navi.
A quel punto servirammp nuovi equipaggi. :-)
Franca ha detto…
Fa piacere avere la dimostrazione pratica che esistono ancora persone così...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…