Passa ai contenuti principali

IO NON DIMENTICO

Antifascista sempre, come diceva una canzone nel cuore e nell'anima. Contro la stridente voglia di revisionismo storico, contro ogni ideologia che predica la prevaricazione dell'uomo sull'uomo, contro le verità imposte, contro ogni forma di autorità sbagliata, contro l'indole fascista italiana, contro... chi passa sopra tutto e tutti per raggiungere i suoi scopi.

Non ho potuto farlo il giorno stesso perchè non avevo un pc, ma vorrei ricordare:

Sant'Anna di Stazzema (Lucca) - Cinquecentosessanta vittime. In gran parte donne, bambini e anziani inermi. E' questo lo straziante bilancio dell'eccidio di Sant'Anna di Stazzema avvenuto il 12 agosto 1944, quando quattro reparti di Ss appartenenti alla famigerata 16a Panzergrenedier Division raggiunsero le impervie montagne appena sopra Lucca guidati da un nutrito gruppo di collaborazionisti fascisti. Si trovarono di fronte madri incinta e neonati in fasce.
La più piccola di soli venti giorni. Contro di loro mitragliatrici spianate senza alcuna pietà dopo ciniche disposizioni in file decrescenti in base all'altezza.


di Alessio Marri, Megachip - da il Manifesto

Ricordo commosso, con la speranza che ricordare possa servire a fare in modo che certe violenze non si ripetano. Come diceva Primo Levi, ricordate ciò che è stato.
Con la speranza, che questo sciocco popolo italiano, capisca quanto sia idiota rimpiangere il fascismo.
Non essendo vissuto in quell'epoca, purtroppo non posso fare altro che ricordare.

Commenti

calendula / trattalia ha detto…
un apio di giorni fà hanno intervistato non ricordo più chi in merito alla strage della stazione di Bologna,la signora ha detto che il male dell'Italia nonè nel dimenticare ma nella leggerezza con cui si ricordano gli errori del passato... la maggior parte degli italiani passati un paio di anni perdono la memoria, l'interesse a capire, non sono interessati ad analizzare ad imparare, dimenticano e sparano scemenze tanto per aprire la bocca... e l'ignoranza che cè in giro sul fascismo è spaventosa nella nostra generazione quante persone hanno letto Primo Levi, Emilio Lussu.? quante ne hanno capito il messaggio, da poco ho accompagnato mio padre in uno studio legale, il cretino aveva un busto di mussolini sulla scrivania e ne parlava tutto orgoglioso... mi ha fatto venire la nausea...e di gente così è pieno!!!
riri ha detto…
Non bisogna dimenticare mai!!!Anzi è meglio parlarne fino ad esaurirsi..difficile cambiare il modo di pensare di molti,ma insistere è un nostro dovere.
Ciao,ti leggo sempre con grande interesse.Un abbraccio.
Ricordare è importante. Serve, o almeno dovrebbe servire, anche a far capire cosa non si deve far riaccadere.

Ciao Marco
Daniele
Franca ha detto…
"Ricordo commosso, con la speranza che ricordare possa servire a fare in modo che certe violenze non si ripetano"

Direi che queste parole sono perfette...
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
Fai bene a rammentare questi episodi,sconsolatamente penso che la maggior parte della gioventu' d'oggi NON ha memoria e non gli frega nulla di averne.Non faccio di tutta un'erba un fascio(come mi ha scritto una ragazza nell'altro mio blog sul windows)E' solo la dura realta' della maggioranza dei giovani,(solo grandi firme,discoteche ,macchinoni e tanto alcoool)e come t'ha scritto calendula L'ignoranza regna sovrana e tutti i fascismi sono sempre stati la realta' in cui si fonda e si imbeve ,fin daLLa notted dei tempi,ogni strapotere sia politico che altro!Nell'ignoranza si esercita il poter in modo facile e le persone "con cervello pensante e autonomo"non sono mai piaciuti ai regimi,ai regimi di qualunque coore essi siano,ciao Marco Gabrybabelle
NOTTE DEI TEMPI
Cesco ha detto…
Purtroppo uno dei difetti più gravi del fascismo è quello di non avere memoria, altro che ricordare. Continuano ad accusare noi di sinistra di ignorare gli eccidi di cui si macchiò il comunismo sovietico, ma non capiscono che chi ignorava tali cose erano solo loro, che di storia non hanno mai sentito parlare, e siccome sono ignoranti hanno la presunzione di dichiarare allo stesso status anche tutti gli altri, prendendo come campione unicamente loro stessi. A ben vedere, il fascismo si riduce a tutto questo: ordine, disciplina, chiesa, senza porsi domande, senza verifiche, senza un perchè, ed è da questi postulati che nasce la follia nazi-fascista, il genocidio incomprensibile, l'accanimento insensato. Io ho letto Levi, quanti fascisti l'hanno fatto?
il Russo ha detto…
Sant'Anna di Stazzema é stata progressivamente dimenticata, troppo impegnati in Italia a dare retta a Pansa....
Pipoca ha detto…
IL NOME DELLE COSE
Be' mi tocchi da vicino, che son lì vicino, a S.Anna di Stazzema io, e che per andare a scuola scollino la linea gotica io, che tutte le volte che la vedo io, mi ci viene un magone.

Il problema sì è non dimenticare e, compito ancora più arduo, evitare che accada di nuovo.

Ma sembra tutto diverso oggi, perché noi siamo abituati a chiamare le cose che son successe con nomi precisi, mentre oggi invece le stesse cose le chiamano con altri nomi e allora si perde il senso della gravità.

Che oggi la chiamano legge sulla privacy dell'informazione, ma sempre censura è; che oggi la chiamano televisione, ma sempre propaganda è; che oggi la chiamano sicurezza, ma sempre ovra è; che oggi la chiamano immunità parlamentare, ma sempre dittatura è.

Che a S.Anna, revisionisti a parte, son morti veramente.

Che in autostrada, tanto per fare pubblicità alle zone limitrofe, appena prima del casello Versilia, che gli han messo il cartello con la sdraio e la ciambella, appena prima gli han messo anche il cartello di S.Anna di Stazzema con un disegno rosso e nero un po' astratto che si intravede però la figura di una donna che sembra sofferente, e sotto c' hanno scritto 'L'Eccidio', punto.
Che sa un cazzo la gente che vuol dire eccidio oggi, che siamo sempre più ignoranti, che secondo me quando passan di lì, la gente pensano che siccome ci sono le cave, sia rimasto schiacciato qualcuno. E invece no.
Punto dispregiativo.
Che già l'abbinamento mare-sole-spiaggia-eccidio può condurre ad un erroneo processo mentale.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…