Passa ai contenuti principali

NON CHIEDETEMI DI GUARDARE

Non chiedetemi di guardare le Olimpiadi perchè lo spirito di fratellanza che dovrebbe, rappresentando il mondo, accomunare questi giochi ha già fallito o forse non si è mai visto. Perchè non è vero che siamo tutti uguali, perchè nel mondo le discriminazioni sono all'ordine del giorno, perchè in Iraq si muore, perchè in Afghanistan si muore, perchè abbiamo ancora dei popoli che non hanno una terra, perchè i giochi non fermeranno le violenze nel mondo, perchè i bambini e le donne soffrono, perchè i più deboli soffrono, perchè con tutti i miliardi che costano potremmo sfamare milioni di persone, perchè sul lavoro si muore per un pezzo di pane, perchè mentre qualcuno piangerà per aver vinto una medaglia, qualcun altro lo farà per aver perso un figlio, un padre o una madre.

Non chiedetemi di guardare, non chiedetemi di anestetizzare la mia voglia di Giustizia con una medaglia, non chiedetemi di entrare a far parte di un mondo in cui non voglio entrare, non chiedetemi di essere come voi, non chiedetemi di girarmi per 20 giorni dall'altra parte, non chiedetemi niente perchè seppur pieno di difetti non sono come voi.


Pieno di difetti, ma cosciente che in un mondo del genere, lo spirito Olimpico non dimora.

Consideratemi un debole, un pazzo idealista o anacronistico, ma non chiedetemi di guardare perchè riesco ancora a vedere ciò che mi circonda.


Commenti

Pellescura ha detto…
La penso come te , poi la medaglietta italica o qualche grande impresa ,si spera senza doping, prendfe il sopravvento,
.
calendula / trattalia ha detto…
Sarà il 1° anno che non le guarderò,ma non riuscirei a vederle serenamente... cambierò canale anche durante il tg, sarà poco, ma almeno qualcosa l'avrò fatta: RICORDATI LA CANDELA PER IL TIBET !!!
Alessandro Tauro ha detto…
Ottimo post!! Un vero e proprio poema!
Siamo sulla stessa linea d'onda. Non voglio partecipare al loro sporco gioco. Anch'io boicotterò del tutto queste olimpiadi.
Almeno gli sponsor che fanno i soldi con eventi sportivi organizzati ad hoc per "ripulire" l'immagine di un regime dispotico avranno qualche cocciuto idealista in meno che darà loro corda.
Un piccolo gesto personale...

Complimenti marco!
articolo21 ha detto…
Tibet Libero
stella ha detto…
Sei grandioso,ti stringo la mano e ti penso per la tua bontà d'animo !Felice di averti conosciuto.
peace and love ha detto…
avrai tutte le ragioni,giuste per carità,ma io per esempio non posso non vedere le olimpiadi,io vado pazza per il nuoto,l'atletica,e canoa...quindi non potrò segiure il tuo esempio...

ciao ciao!

pace&amore
Gatta bastarda ha detto…
io adoro l'atletica, la pallavolo, e molti altri sport.. per me le olimpiadi sono sempre state qualcosa di bello che unisce le nazioni (non tifo italia, non mi importa, ho sempre gioito con chi se lo meritava qualunque fosse la sua nazionalità) ma sta volta come si fà a gioire se le olimpiadi stesse hanno peggiorato la situazione. sarà la prima volta che non le guarderò.. spero l'ultima!
Silvia ha detto…
Mio caro, tu, sì, tu sei un idealista... e questa è il complimento, è la qualità più bella che potrei farti e riconoscerti! Hai scritto delle cose bellissime, hai scritto la verità. Hai scritto delle cose che solo un'anima sensibile e candida ha il diritto di pronunciare, e tu lo sei. Hai pienamente ragione: queste sono le Olimpiadi della menzogna, dell'inganno, dell'asservirsi a un sistema ipocrita! E non dobbiamo esserne complici, per quanto possiamo.

Io NON guarderò, non guarderò queste Olimpiadi, proprio come farai tu.

Con questa Olimpiade il senso di nobiltà dello sport è morto...
desaparecida ha detto…
Nn ti si chiede nulla....qua,
fra noi....guardiamo dall'altra parte insieme!

Un saluto :)
Pipoca ha detto…
Be' sai le Olimpiadi in sé non sarebbero nemmeno così terribili.
[da qui in poi leggere ironico]
l'ha detto anche il papa che sono esempio di fratellanza tra i popoli, difatti la Russia a già avuto un bell'incidente diplomatico con la Cina, che a quanto pare avrà delle conseguenze, e la Cina a sua volta ha avuto da ridire col bush, che a quanto pare avrà delle conseguenze, Israele nel frattempo si sta organizzando.
Sì effettivamente c'ha ragione Ratzy, un bel esempio di fratellanza.
Ci sarebbe da farci un giro di scommesse clandestine: chi attaccherà chi per primo?
Le scommesse sugli atleti quest'anno son passate di moda.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Pellescura: Grazie, non può farmi altro che piacere.

Calendula: l'importante è il gesto fatto con convinzione.

Alessandro: ho letto a tal proposito il tuo bel post e so che sei sulla mia stessa lunghezza d'onda.
Un piccolo gesto personale ma grande per l'intento.
Grazie, troppo gentile.

Articolo 21: benvenuto nel blog. Si... Tibet libero e tutti gli altri sati occupati.

Stella: grazie, il piacere è tutto mio.

Pace: sei ancora giovane e queste cose alla tua età affascinano. Ma...per me è una questione di coerenza.
Grazie.

Gattina: Anch'io adoro gli sport, ma ci sono problemi ben più importanti nel mondo da risolvere.
Grazie per il tuo sostegno.

Silvia: ti ringrazio mia cara per le belle parole che mi dici. Si... per quanto possiamo non dobbiamo esserne complici.
Grazie per il tuo bel commento.

Desaparecida: benvenuta nel blog. Si... guardiamo assieme dall'altra parte.

Pipoca: per me sei veramente un divertente mistero.
Grazie...
il Russo ha detto…
Ribadisco ciò che già altrove ho già affermato, benchè gli organi di stampa ci inonderanno di notizie sulle olimpiadi alle quali é impossibile essere impermeabili, almeno da teleutente le boicotterò!
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
Sai Marcolino,sono d'accordo anche se mi spiace e molto,da ragazza ho praticato molti sport e le olimpiadi (erano)un modo per poter godere di quegli sport minori che troppo spesso,(ancora oggi) sono bistrattati dalle tv,perchè magari fanno poco odiens.Pero'se do' una sbirciatina alle corse e sopratutto alle gare di nuoto mi perdoni?spero di si,io non dimentico cio' che i cinesi stanno facendo contro i diritti umani e contro l'amico popolo Tibetano.
Da qualche giorno ho finalmente raggounto i miei,nella loro terra(ovviamente anche mia)
Sono nata nel profondo Nord-est(come direbbero i leghisti)ma
quando lascio il continente e vengo qui in sardegna dai miei,non faccio altro che ritrovare
le mie radici,quelle vere,sento gli odori di quando ero bambina,
sento il "versus"cantilenante"del modo di parlare dei sardi e mi ci ritrovo,quindi in qst giorni
pieno relax e i girin giretti fra parentado vario,le mie amate escursioni subacque,(t'ho detto amo l'acqua quasi piu della terra)
tanto mare,sole e tranquillita',un abbraccio ...salato................gabrybabelle
alfa ha detto…
Come darti torto. Le Olimpiadi, il gioco di squadra, sono cose bellissime si. Ma non stavolta, non quando ad ospitarle è un paese come la Cina. Con la pena di morte, la censura, il traffico di organi, e tutto il resto che non ho nemmeno la forza di citare.
Bel post, davvero. Grazie.
Silvia ha detto…
Ciao, caro!!! Ti saluto con affetto, domani parto, perciò ci si ritrova a fine agosto/inizio settembre, ok?! Mi mancherai, mi mancheranno i tuoi post, mi mancherà il mio manager!

A presto, caro!!! Buone vacanze!!!

;-))
sirio ha detto…
Ciao marco,giustamente si deve condannare la nazione organizzatrice,ma non per questo le olimpiadi,che non hanno niente a che vedere con la sopraffazione a cui stiamo assistendo.Gli atleti sono atleti e basta!
Lucia Cirillo ha detto…
Anche io orgogliosamente le boicotterò...E' del tutto inaccettabile e mi sentirei in colpa se lo facessi...
Non mi interessa chi vincerà...abbiamo perso tutti consentendo un evento simile a queste condizioni
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Russo: concordo in pieno.
Ciao Gabry, si sei perdonata. Buone ferie, a presto.

Alfa: Grazie per aver capito l'iniziativa.
Grazie per aver apprezzato.

Sirio: gli atleti sono atleti è vero, ma non mi sento di assistere a un evento del genere.
Comunque rispetto la tua opinione.
Grazie

Lucia: concordo in pieno, Grazie.
Cesco ha detto…
Non ti chiederò di guardarle, ma io lo farò. Non sono colpa dello sport le ingiustizie che si consumano, e se un atleta non piange per una medaglia che rappresenta una vita di sacrifici di gioie e di dolori, non salverà proprio nessuno. Non mi piace quando lo sport viene usato a fini politici, mi spiace, ma la penso così. Forse perchè sono un ex atleta, che si allenava ore e ore al giorno per raggiungere un risultato, o forse perchè atleti lo si rimane sempre.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
cesco: rispetto la tua opinione.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…