Passa ai contenuti principali

QUANDO DIVENTO UN RAZZISTA CATTIVO

Ieri ho letto la notizia dello stupro di Ponte Galeria a Roma e non posso fare a meno di parlarne. Lasciando perdere le strumentalizzazioni politiche e la violenza terribile in se, visto che violentando una donna non ci si impossessa solo del suo corpo ma della sua vita, il mio biasimo è rivolto a quei rumeni deficienti oltre che criminali. Premetto di non essere come la maggior parte degli ignoranti, che per colpa di 2 delinquenti criminalizza intere etnie o nazionalità, ma la cosa un po' mi altera. Ora...già in Italia c'è uno strisciante clima di intolleranza, se poi si commettono queste schifezze la cosa di sicuro non migliora. Capita infatti, come mi è successo ieri sera parlando di questa faccenda, gente sentir dire che i rumeni sono una brutta razza, e dopo questi eventi, diventa impresa spiegare che la colpa è di 2 persone e non di un' intera nazione. Per me è incomprensibile tutto ciò, mi chiedo: sono all'estero, in un paese dove il nemico principale sembra essere lo straniero, e fanno queste cazzate? Bah... anch'io sono stato all'estero, anche se solo come semplice turista, ma mi sono sempre ben guardato dal commettere cose che potessero mancare di rispetto alla popolazione locale. Dove hanno la testa?! Scusate lo sfogo, ma così non fanno altro che fomentare odio e rancore. Incredibile come certe persone riescano clamorosamente ad andare contro i propri interessi, rovinando in questo modo anche la reputazione a tanti connazionali in gamba. Altronde, e lo dico con molta amarezza, una società e un sistema malati non possono fare altro che creare persone malate ( avrei voluto dire altro ma sarebbe stato volgare). E questo purtroppo accade, indipendentemente dalla nazione di provenienza. Certo è, che una spiegazione razionale a tanta violenza gratuita, proprio non riesco a darla.

Commenti

Vedi Marco, a quei bastardi non gliene frega niente del clima che si instaurerà adesso.

Il problema è che il fatto grave è lo stupro della donna. E' vero che quando lo stupro è fatto da sconosciuti capita abbastanza spesso che siano extracomunitari (ma non sempre) ma è anche vero che non è criminalizzando tutti che se ne esce anche perchè poi alla fine sono i più buoni, i meno scafati ed i più deboli a farne le spese.

Io capisco la tua preoccupazione, ma questa volta resterei sul dolore della donna perchè è quello il fatto più grave.

Quei due bastardi... a marcire in carcere!

Ciao
Daniele

PS: sono contentissimo che lo sbarco a Gaza sia riuscito! L'ho scritto anche nel post prima :-)))!!!
Ciao
Daniele
peace and love ha detto…
buongiorno SoL!!
si è vero...quando succede qualcosa si criminalizza tutta l'intera popolazione...quando solo due persone hanno combinato qualcosa...

un altro esempio...restando in italia...NAPOLI...la mia città preferita...si dice che i napoletani sono dei ladri...perchè rubano...vero...ma ATTENZIONE non tutti i napoletani sono così...conosco molti napoletano che ogni giorno si fanno il culo...tanti...veramente tanti...e che ogni giorno devono combattere con la criminalità...

credo che abusare di una donna...sia come ucciderla dentro...sarà un corpo che cammina...ma dentro...il nulla!!

ora vado a scuola...

ciao ciao!

p&l
Marte ha detto…
Uno stupro è uno stupro, qualunque sia la nazionalità dell'aggressore.
Ma purtroppo spesso e volentieri lo stupro è solo un mezzo.
Propaganda pre elettorale, criminalizzazione dello straniero, colpevolizzazione della donna.
Sei stata stuprata perchè sei stata imprudente, provocatrice o addirittura impegnata politicamente.
Sei stata stuprata perchè in fondo te lo meriti e io Stato, Sindaco o Ministro del consiglio in fondo non ne sono responsabile.

Quando una donna viene violentata nessuno, mai nessuno china la testa e sente ucciso dentro, nessun uomo si commuove e prova vergogna di se.
Tanto la colpa è dell'"altro", dell'uomo nero, eppure la maggior parte delle violenze avvengono dentro i muri di casa.
La colpa è della donna, imprudente e in fondo provocatrice.
Nicola ha detto…
Ogni stupro è dettato dalla violenza dove si colpisce il cervello di una persona.
Questi atti vengono favoriti soprattutti da coloro che negano qualsiasi tipo di ideologie e colori
nascondendosi dietro ad un qualunquismo puro oppure dietro a delle sconfitte personali.
Anticlericale89 ha detto…
Chi ha sbagliato,come dice il rockpoeta,a marcire in carcere.

Non me ne frega un piffero di quale sia la loro nazionalità,fosse per me andrebbero castrati ste bestie.

Rumeni,Italiani o Vichinghi,chi sbaglia paghi,e mi auguro non sia il solito buffetto sulla guancia,scontabile per buona condotta.
Cesco ha detto…
Credo che la tua domanda sia fondalmentalmente sbagliata. Quei due bastardi sono dei criminali e basta, punto. A loro importa poco dei danni che procurano, se se ne preoccupassero, non avrebbero fatto dei gesti tanto ignobili, e questo mi pare ovvio e lampante. Sta al buon senso della gente, anche se di questi tempi è un'utopia, capire che chi deve pagare per quell'ignobile gesto sono solo quei due criminali.
natale ha detto…
purtroppo ogni "razza" ha i buoni e i cattivi... io giusto l'altro giorno al mare parlavo con un fascista forza nuovista che ragionava come la maggior parte degli italiani e diceva sono tutti delinquenti... poi io ho cercato di fargli capire che anche noi italiani quando siamo emigrati in america e nelle altre nazioni abbiamo portato la mafia, e cercavo di spiegargli che non sono stati tutti gli italiani ma solo gli italianio mafiosi a portare la mafia e questo lo capiva, pero' non riusciva o non voleva riuscire a capire che anche i rumeni ci sono persone normali e bastardi come in tutto il resto del mondo...
Elia Banelli ha detto…
Lontano da ogni criminalizzazione razzista ed ogni buonismo inconcludente, bisogna semplicemente infondere la cultura del rispetto delle regole e della legge.
E' necessario informare chi viene nel nostro paese che è sì accolto con tutti gli onori di una società civile (almeno dovrebbe essere così...) ma insieme al diritto di accoglienza si affianca soprattutto il dovere di non commettere reati.
In qualsiasi altro paese europeo non si transige. Se mi reco in un paese mediorientale e non rispetto le tradizioni e gli usi locali, vengo giustamente linciato.
E' così dappertutto, perchè in Italia no?
E' anche vero che la violenza sessuale non riguarda ovviamente solo i rumeni, e magari i due pastori complici si disinteressano del dibattito pubblico che occupa giornali e tv. Però anche loro devono capire (quelli bravi e onesti già lo sanno) che qui in Italia non si può fare quello che si vuole.
C'è uno Stato, c'è la legge e la polizia, e c'è anche la galera.
Chi sbaglia deve pagare.
Anonimo ha detto…
secondo me invece la colpa è geneticamente legata alla razza rumena in ogni caso con il governo berlusconi almeno non ci sono più i 4500 stupri l'anno che c'erano con governo Prodi e neanche i 5700 omicidi al mese che c'erano poco meno di 6 mesi fa.

insomma la situazione ora sta migliorando

grazie silvio
articolo21 ha detto…
In Italia è giunta l'ora di mettere la schiena dritta sulla certezza della pena. Io spero che queste due persone stiano molti anni al fresco. Anche se ho l'impressione che non sarà così. Quanto al reato, io non ho mai dato un colore o una nazione all'orrore.
Punzy ha detto…
Rimane il fatto che i Rumeni si piazzano al centro del bersaglio con una freccia luminosa enorme sopra. Sono due delinquenti, due e non un'intera razza, certo, ma la verita' e' che, nonostante il clima nazionale i delinquenti rumeni continuano a colpire.Pensiamo a quanto e' furba la mafia o la camorra: dopo un periodo di omicidi efferati se ne sta buona e zitta e si smette di parlare di lei, dando un'idea di finta pace..e poi..certo, e' una pace illusoria ma se i delinquenti rumeni (non tutti i rumeni) smettessero di mettersi al centro della delinquenza piu' bieca, magari aiuterebbero i loro connazionali onesti a vivere meglio qui in Italia..

p.s. anonimo, le palle di firmarti non ce le hai avute eh?

p.p.s caro, ti ho linkato :)
Cesco ha detto…
Schiavi o liberi, capisco la democrazia, ma credo che il buongusto ne faccia totalmente parte, quindi mi chiedo a che pro questo deficente che neanche si firma venga qui a sproloquiare in maniera fascistoide. Certo spetta a te la decisione se cancellare o meno quel commento poco ortodosso, ma credo che il tizio qui stia cercando lo scontro, e credo sia meglio non alimentarlo inutilmente.
calendula / trattalia ha detto…
penso che agli esseri che hanno fatto violenza non interessi nulla dei risvolti socio politici della cosa, sono sicuramente persone che anche nel loro paese d'origine avevano problemi... ho letto su un giornale di un uomo marocchino che ha cercato di stuprare una ragazza, ed è stato bloccato proprio da un ragazzino rumeno di 19 anni... la nazionalità non conta... conta l'educazione e la vita che si sono vissuti, se una pesona ha avuto un infanzia non bella.. sarà una persona non bella, o comunque con difficoltà ad inserirsi.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
La certezza della pena in Italia è utopia. Devo dire che purtroppo la cosa era già drammatica con il governo Prodi, con questo governo non ci spero nemmeno più.Il 95 % dei reati cade in prescrizione, e con gente in parlamento pluriprescritta, non credo ci sia intenzione di migliorare la storia.

Marte: per questo uomini come me, assieme ad altri amici di questo blog, portano avanti battaglie in favore delle donne.

Elia: bentornato nel blog. Si... in Italia non si può fare quello che si vuole, però intanto le prime quattro cariche dello stato sono immuni dalla legge. Come italiani non diamo il buon esempio.

Nicola: felice di rivederti nel blog.

Anonimo: I dati li hai presi dal gionale di topolino? Io l'unica razza che proporrei e quella degli ignoranti.

Cesco: del buon senso da un po' non ne vedo più traccia.

Punzy: Grazie di cuore.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Cesco, lo so caro amico, ma come mi disse una cara amica di questo blog Gabrybabelle, rimane come testimonianza dell'ignoranza che un essere umano non pensante può raggiungere.

Daniele: grazie della vicinanza e di essere passato.
Donna Cannone ha detto…
sono schifata e credo che un palo rovente nel culo sia l'unico trattamento giusto per questi due criminali.

Detto questo, siccome predico le politiche denataliste ma nessuno mi ascolta e pure i miei mi prendono per un UFO, non mi resta che condividere la constatazione che questi reati abberranti sono comunque strumentalizzati.
Ancora una volata fomrntano la rabbia dei poveracci contro i poveracci, l'odio razziale fra ignoranti e disperati. Ma i crimini grossi, lo sconvolgimento dle paese, i furti colossali, le indagini insabbiate, gli interessi dietro le guerre - non sono così sventolati. E hanno meno presa sul pubblico medio, perchè sono più complessi e meno morbosi.
Che schifo di mondo
Sub ha detto…
Da un punto di vista prettamente psicologi, per fare i propri interessi, bisogna anche avere le risorse cognitive per raggiungerli.

E visto il modo di vivere di queste persone, resterei parecchio sorpreso se li avessero. Si creano piuttosto dei meccanismi di difesa e di azione che servono a non pensare al proprio male. Come ha detto Marte, lo stupro è solo un mezzo. Un'offesa non tanto contro quella donna, ma contro ciò che essa rappresenta.

Chi ha sbagliato va aiutato. In carcere a marcire? Non credo sia questa la soluzione. Sopratutto se pensiamo alle carceri italiane.
Alessandro Tauro ha detto…
La cosa che ho sempre odiato nel profondo è questa logica tutta italiana di etichettare cose e persone.
Due rumeni fanno uno stupro. Per la pubblica opinione non sono due teste di cazzo madornali. Sono due teste di cazzo madornali rumene.
E' un modo di presentare i fatti quantomai disgustoso.

Detto questo, mi sento di condividere anche il tuo sfogo.

Anche se, fondamentalmente, un essere umano che arriva a macchiarsi di uno stupro difficilmente ha la capacità di capire che gesto lurido e violento sta compiendo.
Figurarsi se arriva a porsi il problema del danno che arreca alla sua gente, in un paese come il nostro, che sta conoscendo una recrudescenza del razzismo forse senza precedenti...
Anonimo ha detto…
secondo le fonti Istat l'italia ha un tasso di criminalità circa 20 volte superiore a quello dell'Afghanistan e circa 16 volte superiore a quello degli Usa.

non mi invento nulla.

negli Usa ci sono 17.000 omicidi in un anno

in Italia ci sono 67.000 omicidi in un anno

ora con il governo berlusconi ci sono 760 omicidi in un anno

e siamo scesi a livelli molto bassi.


questi sono dati di fatto

riguardo ai rumeni è scientificamente provato che un genoma della loro razza li porta fin da piccoli a delinquere, idem per i rom.

non è una questione di essere fascisti ma è la scienza.


e ribadisco


Meno male che Silvio c'è.
Franca ha detto…
Il problema non è che lo hanno fatto due rumeni.
Oggi hanno dato la notizia che lo hanno fatto degli italiani contro due turisti tedeschi.
Il problema è che il clima che i media e la destra hanno appositamente creato rende più odioso il reato se è commesso da stranieri.
Noi non dobbiamo cadere in questo tranello, ricordandoci che le colpe sono sempre individuali e che i buoni e i cattivi stanno dappertutto...
Cesco ha detto…
Anonimo, guarda che le tue statistiche sono completamente sballate e false, il che porta a dire che tu sei solo uno sporco bugiardo. 67000 omicidi in un anno? ma ci credi davvero o stai scherzando? Smettila di giocare a videogiochi e guarda la realtà, ignorante.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Anonimo, se devi sparare queste cazzate , fammi il piacere di tornartene da dove sei venuto.
Sub ha detto…
Anonimo Codardo,

Scientificamente provato?
Ah sì è vero.. quello scienziato che di nome faceva Joseph Paul Goebbels.

Altro che Darwin, Einsten, Newton. Ecco finalmente uno scienziato vero.


p.s: Hai ragione.
Abbiamo un tasso di delinquenza molto elevato. Te lo spiego con 5 lettere: MAFIA.
Però è più facile prendersela con dei poveracci che con un'organizzazione che fattura 35 miliardi (MILIARDI non milioni) di euro l'anno.
desaparecida ha detto…
La cosa + triste è che un'altra donna ora ha la vita distrutta,e lo dico sul serio....xchè spesso da eventi del genere nn ci si riprende +....xchè è stato spezzato,violentato, il centro del suo essere donna.

E lo so,avete ragione è fondamentale capire che tutto è un mezzo nn appena un fine,e che sono delle "persone" bastarde,lo so,è vero....

Solo che qlla donna è diventata un numero in +...anzi, come il tanto preciso ANONIMO fa notare, in meno...in qsta società.

un saluto
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Desaparecida: il tanto preciso anonimo spero che sia per mettere in ridicolo i dati, o forse ho capito male? Dimmi che è così ti prego.
Pipoca ha detto…
Ciao, ti intaso? Ti intaso.

Vedi che è giusto denunciare le cose, questo genere di cose, ma bisogna stare attenti a come lo si fa, che le nostre testoline, dentro, son così delicate, che ancora non si sa nemmeno bene come funzionino lì le cose.

Che se si parla di stupro, si parla di quello e basta e non ci mettono nel mezzo altre cose.

Lo stupro è una cosa terribile, devastante, che non solo ti rovina la vita, ti rovina per sempre, e ti rovina tutto. Ti rovina dentro in un modo incredibile, che poi anche nelle piccole cose ci trovi quella violenza lì, che dici allora sarebbe meglio morire che portarsi dentro una cosa così.

Allora se il problema è lo stupro, si parla di quello,
che, ripeto, se il problema è lo stupro, la nazionalità non c'entra un cazzo.

Che ci son più stupri nelle case che sulle strade.

Che lo stupro, per una donna, è una violenza così grande che spesso il suo cervello per sopravvivere al dolore, lo dimentica, anche se continua a soffrire, e si sente in colpa, per sempre e per tutto.

Allora se vogliamo parlare di stupro facciamolo per bene.
Non costruiamoci sopra altre storie, che poi si perde il senso delle cose e si mischiano con altre cose.

E le donne che poi nella vita hanno subito o subiscono degli stupri si sentono ancora peggio e non lo raccontano e tutto continua come sempre, solo che hanno venduto qualche pezzo di carta di giornale in più.

Di certe cose bisogna parlarne con delicatezza.

Questo per quanto riguarda lo stupro.

Poi per il resto ecco secondo me te l'ho già detto bisogna star attenti a non strumentalizzare le cose, come per esempio l'odio verso lo straniero (che guarda caso è sempre della stessa nazionalità da noi).
il Russo ha detto…
Ma come fai a dare una spiegazione razionale a questo fatto? E' contro tutto e tutti, é oltre il bestiale.
stella ha detto…
Quoto alla grande elia! Marco mi piacerebbe sapere il tuo pensiero sul mio ultimo post.
Gatta bastarda ha detto…
in sociologia si chiama profezia che si autoadempie... uno deliquera perchè viene considerato delinquente non perchè lo è prima e quindi si comporta come tale...succede spesso purtroppo.
Pipoca ha detto…
O.T. Non ti preoccupare. Niente. Ti rispondo brevemente a quello che mi hai scritto.

E' solo che hai detto una frase che mi ha colpito tantissimo.
Una frase bellissima è importantissima.

Ti cito...
"violentando una donna non ci si impossessa solo del suo corpo ma della sua vita"
all'inizio del tuo post.

Che è una frase così importante da RICORDARE a tutti CONTINUAMENTE che non mi andava che andasse persa, in un mare di altre parole, altrettanto importanti.

Un sorriso
Cesco ha detto…
Pipoca, qui infatti si parla soprattutto di quello che ha subito quella povera ragazza, e che i suoi carnefici dovrebbero marcire in galera per quello che hanno fatto, che è un crimine a mio avviso paragonabile all'omicidio. Perchè purtroppo se ne ricorderà per sempre, di quell'episodio, e qensando a questo, dico solo che vorrei tra le mani quei due bastardi e fargli assaggiare un pò della loro medicina. Il punto controverso però è che qualcuno vorrebbe far pagare a tutti i romeni le colpe di quei due, come questo anonimo microcefalo imbottito di nozioni scientifiche hitleriane vorrebbe.
Anonimo ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Per la censura eccoti accontentato.
Certe cose le vai a dire in altri blog. Soprattutto se inneggiano a odi passati e a cose atroci.
SaRA ha detto…
67000 omicidi in un anno? ahahaha! comunque si sa finchè c'è gente ignorante che ci vuoi fa'?
ps. ti linko! puedo??
Cesco ha detto…
Sarei curioso di sapere che cosa ha scritto il deficente anonimo, schiavi o liberi, almeno a grandi linee.
alexander Crown ha detto…
purtroppo siete carenti in filosofia politica e di questo mi dispiace. Mi dispiace anche che si dia spazio ai troll. comunque malgrado i toni razzisti e le idiozie sparate dal'anonimo è bene farvi capire una cosa molto chiara: non è importate ciò che è ma ciò che appare. questo è uno dei cardini della politica nel nostro Paese.
In qualità di iscritto ad un partito devo usare le qualità dell'imbonitore e del piazzista. vendere merce avariata spacciandola per buona, anzi per ottima.
la percezione degli italiani pilotata dai media, adeguatamente addestrati, è di un Paese in perenne stato di guerra civile, in cui muoiono milioni di persone per reati violenti e migliaia per omicidio volontario. questa è la percezione del popolo bue. siccome il popolo bue va a votare occorre convincerlo, e non ci vuole molto, che ha ragione ad aver paura.
dalla paura nasce l'ottenebramento della percezione oggettiva e da tale ottenebramento si giunge al parossismo. delle mandrie impaurite saranno disposte a rinunciare pure alla democrazia purché la sicurezza sia garantita. compito del politico è galoppare questo senso di insicurezza e far credere ciò che non è.

come diceva Machiavelli: governare è far credere. e la politica è la somma arte dell'illusione. raccontare balle tutti i giorni sistematicamente comporta che quelle balle vengano percepite come reali, come vere, come genuine.

nella nostra realtà, dire tutti i giorni che gli asini volano porta necessariamente a rendere reale tale assurda affermazione.
il popolo bue, nell'alto della sua ignoranza è in grado di bersi ogni stupidagine e tale ottusità è il cavallo di battaglia del politico di professione.
il politico di destra poi è professionista nell'arte dell'illusione. in confronto il mago silvan è un pivello.

dunque: ci sono poco più di 600 omicidi ogni anno in Italia, la gente ne percepisce 60.000, 1 milione, un miliardo, gli si fa credere che hanno ragione e per magia i 600 omicidi diventano un miliardo.

la democrazia è finita, la stupidità ha trionfato e con essa la politica come arte di illudere e di ingannare.
Cesco ha detto…
Niente di nuovo, Alexander, ma l'anonimo troll, utilizza anche un altro strumento che è molto in voga soprattutto tra gli internauti:l'autoreferenzialità. Se infatti internet ci ha dato la libertà di esprimere le nostre opinioni, per molti questa libertà consiste anche nel distorcere la percezione. Moltissimi sono quelli che ci cascano, se uno dice una cosa, e aggiunge delle cifre, ecco che chi legge è portato a pensare che si tratti di una cosa vera, che abbia delle solide basi, e nonostante su internet ci sono siti attendibili dove poter verificare la veridicità o meno di tali affermazioni, prevale il dubbio, e nasce la teoria cospirativa, e si viene portati a chiedersi se c'è un fondo di verità in quello che c'è scritto. Qui però è cascato male, questo blog l'informazione non la subisce, ma vi partecipa attivamente citando fonti ufficiali, verificabili e sperimentabili, non chiacchere da bar.
alexander crown ha detto…
c'è anche da dire poi che pochi si prendono la briga di verificare i dati.
Tempo fa avevano volantinato i "soldatini" di azione giovani sul livello di delinquenza in italia riportando cifre molto alte riferite secondo loro al 2007.
consultando il rapporto sulla criminalità in Italia ho scoperto che tali dati erano riferiti alla metà degli anni '70. Avevano preso i dati più elevati di criminalità e li avevano spacciati per dati odierni.

Ovviamente molti se li sono bevuti, e il centrodestra ha vinto di nuovo al Comune.
il Russo ha detto…
"riguardo ai rumeni è scientificamente provato che un genoma della loro razza li porta fin da piccoli a delinquere, idem per i rom.

non è una questione di essere fascisti ma è la scienza."

ah, ah, ah... 1,2,3
COGLIONEEEEEEEEEE!
Dai che ancora un pò di queste troiate e magari riesci a scrivere (pardon, disegnare) su Libero di prendertelo in culo o sulla Puttania...
Donna Cannone ha detto…
lo voglio anch'io un berlusconiano che commenta sul nostro blog!!!!!
Sub ha detto…
Ringrazio Alexander,
in 22 anni di carenza filosofica non ero mai arrivato alle sue conclusioni.

O nostro salvatore!
Grazie,

Ironicamente

Subcomandante1928
Dani ha detto…
vi ricordo che i vostri tanto amati rumeni criminali sono fuori grazie all'indulto messo quando c'eravate voi rossi al governo!!!
Quei due avevano il foglio di espulsione già firmato.....com'è che sono ancora qui?
Fate sempre in fretta a parlare contro il governo di destra,ma è solo INVIDIA perchè voi avete solo fallito!!! Condannate i fascisti, ma le BR e i loro vigliacchi attentati di che colore sono??? Non hanno certo la divisa della lega che vi ostinate a definire razzista!!!
Facile propagandare....andate dalle donne stuprate da quei bastardi e poi dite loro guardandole negli occhi che in fondo erano brave persone....
Che schifo!!!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…