Passa ai contenuti principali

NON VOLEVO FARLO MA MI TOCCA

secondo le fonti Istat l'italia ha un tasso di criminalità circa 20 volte superiore a quello dell'Afghanistan e circa 16 volte superiore a quello degli Usa.non mi invento nulla. negli Usa ci sono 17.000 omicidi in un anno in Italia ci sono 67.000 omicidi in un anno ora con il governo berlusconi ci sono 760 omicidi in un anno e siamo scesi a livelli molto bassi.questi sono dati di fatto riguardo ai rumeni è scientificamente provato che un genoma della loro razza li porta fin da piccoli a delinquere, idem per i rom. non è una questione di essere fascisti ma è la scienza.e ribadisco Meno male che Silvio c'è.


Anonimo


CHIEDO ALLA COMUNITA' INTERNAZIONALE UN AIUTO, 67000 OMICIDI IN UN ANNO: SIAMO AL GENOCIDIO.

Allora... siccome questo blog intende essere il più possibile trasparente con i propri lettori, caro anonimo o alexandros potete dire quello che volete ma i dati son ben altri.
Alexandros, non mi interessa se la popolazione è ignorante come i buoi ( a proposito: tu da che stai?). Puoi citarmi Macchiavelli, tutto quello che vuoi ma i dati li conosco. Anzi...vi dico col cuore che dovreste ringraziare veramente la gente ignorante senza la quale non avreste mai vinto. Il fatto che il vostro metodo sia fare politica ingannando gli elettori con false percezioni, non mi è nuovo ma ricordate che in questo blog avete sbagliato tutto. A parte che se mi dici questo già vuol dire che sai di mentire, e non ho parole.



Mi scuso perchè non si vede molto, ma come potete vedere gli omicidi sono circa 620 in un anno. Dati del viminale.

Mi dispiace per voi, potete ingannare chi volete ma continuerò a fare informazione.

Commenti

articolo21 ha detto…
Infatti anche io quando ho letto 67mila mi sono spaventato. La politica del dare i numeri ha fatto scuola... anzi ha fatto squola. :)
Anonimo ha detto…
Ovviamente sono dati sparati a muzzo: negli anni tra il 1992 e il 2006 la media è di 847 ed è in costante calo.
Qualche dato si può prendere dal sito del Ministero dell'Interno: http://www.interno.it/mininterno/export/sites/default/it/assets/files/14/0902_ABSTRACT_rapporto_sicurezza
_2006.pdf

Negli Usa effettivamente sono stati 17.000 nel 2006 (fonte http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200710articoli/26312girata.asp)

Ma bisognerebbe fare un confronto per numero di abitanti: in America sono 473,5 casi ogni 100.000 abitanti, in Italia 1,2 ogni 100.000

Claudio
Anonimo ha detto…
P.S.
Non sono lo stesso anonimo, ovvio.

Claudio
Punzy ha detto…
Praticamente ci sarebbero piu' omicidi che persone...
Cesco ha detto…
Direi che si commenta da solo. Certa gente apre la bocca solo per far entrare aria. Evidentemente si confonde con qualche videogioco che ha visto di recente, e pensa che le persone vengano uccise come nei videogiochi e ha fatto queste statistiche.
Anticlericale89 ha detto…
Dopo aver letto quello che dice questo anonimo ignorante mi viene da vomitare o sbattere la testa contro il muro per essere sicura di essere sveglia e non esser finita in un incubo ambientato nel terzo reich o come cavolo si scrive(affarissimi loro)..

Se passi di quì prendi coscienza che fai schifo,scusami Schiavi o Liberi se uso un linguaggio privo di fronzoli inutili sul tuo blog,ma non ci sono altre parole.

67.000 omicidi poi...ma possibile che i fascisti non muoiono proprio mai?ma evolvetevi!!
Rouge ha detto…
Claudio deve aver commesso un errore dicendo che in America ci sono 473,5 casi di omicidi: a leggere l'articolo sono 5,7 ogni 100.000 contro i nostri 1,2.
473 era il numero totale di crimini (compresi furti, rapine, aggressioni).
Sono tanti comunque.
pansy ha detto…
Qui lo ribadisco: menomale che esiste ancora chi si informa e chi ha le palle per dire le cose come stanno e con questo intendo ovviamente te! :)
natale ha detto…
67.000 omicidi in un anno mi fanno pensare... Si mi fanno pensare che questi dati sono una gran bofonkiata... A quest'ora Avremmo un rapporto abitanti/kmq inferiore di quello dell'antartide!!!
alexander Crown ha detto…
sto a sinistra signor schiavi o liberi mi pare evidente. Ho militato tanti anni fa quasi per caso in un gruppuscolo di falliti di destra. a quei tempi avevo le idee molto confuse, 19 anni e mi fidavo di tutto ciò che sentivo. Alcuni miei amici mi invitarono ad una sorta di convegno di AG e io ci andai e rimasi con loro per 3 mesi poi me ne andai schifato.

quello che volevo sintetizzare nei miei messaggi è che la politica è una cosa e la realtà un'altra e le due cose non vanno per niente a braccetto.

nella realtà gli omicidi in Italia sono al minimo storico; nella percezione della popolazione, pilotata da media e politica le cose sono diverse.

siccome la gente percepisce migliaia di reati di cui decine di migliaia solo di omicidi ecco che i media e i politici fanno credere che ciò sia vero.

se hai letto bene ti ho portato l'esempio, nell'altro post, di come abbiano addirittura volantinato (nel 1997) dati errati sulla delinquenza riferiti ai primi anni '70.

i dati portati avanti da anonimo e cioè di 67.000 morti l'anno, anzi la tesi perché di dati non ne ho visti, potrebbe andar bene forse per gli anni dal 1945 al 1948, quando in Italia in effetti si ebbe un numero enorme di omicidi. da considerare che si era alla fine della guerra e farsi giustizia da soli era la prassi.

è ovvio che un dato di 67.000 morti l'anno è un dato da guerra civile e non ha riscontro da nessuna parte al mondo neanche in Iraq.

Tuttavia la gente percepisce tale dato come reale. se tu vai in un qualsiasi forum di destra e sbandieri 5000 morti al mese ti prendono sul serio!

è una questione psicologica. la gente si beve tutto e non verifica niente.
Per questo motivo c'è chi scrive che la terra è piatta e ci vende su 1 milione di libri venendo preso anche sul serio (e non sto scherzando!).

e non voglio di certo prendere le difese di chi spara simile cavolate ma mi ci gioco gli attributi che se vado in un qualsiasi forum di destra e sparo simile scemenze, chi è di destra se le beve e si beve anche di peggio, pur di non ammettere di aver dato il proprio voto a dei criminali patentati.
Pipoca ha detto…
Se ho intuito bene il meccanismo, quello che hai scritto era il commento eliminato?

E, ancora se ho capito bene quello era la sintesi del pensiero medio della gente media, che sostiene che andiamo così bene oggi e che il governo ci tutela veramente, tanto che sono calati anche gli omicidi?

Ah ah ah.

Ma davvero c'è gente che ci crede veramente?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Bè...il fatto che tu sia di destra o sinistra, a me interessa poco ( certo meglio sinistra). Per filosofia politica, non serve Macchiavelli per capire che viene fomentato odio e paura per poter controllare meglio la società. Tutti quelli che hanno occhi per vedere, e cervello per pensare, lo capiscono. Una società egoista e diffidente del prossimo, la porti dove vuoi. Mi scuso per l'irriverenza, ma almeno che ci sia un po' di chiarezza su dati oggettivi.
SaRA ha detto…
ripeto il commento che avevo fatto al post precedente: ahahah! riferito al nostro amico anonimo ovviamente xDxDxDxDxD
alexander crown ha detto…
schiavi o liberi forse non hai capito ma stiamo dalla stessa parte.
Arrivo in ritardo lol

Credo che sia vero che abbiamo una percezione più alta su tante problematiche. Questo vale anche per gli immigrati dato che sembra che i crimini in Italia li facciano quasi tutti loro

E' anche vero che cmq esiste una microcriminalità piuttosto forte e che ci sono reati vergognosi ed efferati (lo stupro) dove anche quando il criminale viene preso (marito, ex, o sconosciuto) di galera ne fa davvero poca. Credo che sia l'assenza della certezza della pena a far aumentare forse la percezione di pericolo.

Non entro nella polemica se non per dire, come concetto generale, che fare muro contro muro denota nel chi polemicamente vuole travisare le parole dell'altro, un atteggiamento infantile ed una malafede che porta automaticamente alla chiusura del dialogo.
Aggiungo che la provocazione fine a se stessa(alludo al commento che hai postato in questo post) non è cmq mai costruttiva ed è perdente per chi la fa.

Concludo dicendo che la sicurezza è una questione importante, non deve però essere strumentalizzata e questo Governo lo sta facendo chiaramente per arrivare a limitare la libertà individuale di tutti, nostra compresa.

E questo è molto pericoloso.

Ciao
Daniele
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Va bene, ritorno calmo.
Claudio: benvenuto nel blog.

Alexander: Ho capito, era solo per concludere il mio pensiero.Benvenuto nel blog, torna quando vuoi.

Daniele: Grazie per i bei commenti.
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
Premesso che mi hai fatto prendere un colpo; e si caro Marco,la BlogRollbuzz
oltre a darti le novita' post ti mette i l titolo e un pezzettino del post:
Leggo:[[secondo le fonti Istat l'italia ha un tasso di criminalità circa 20 volte
superiore a quello dell'Afghanistan e circa 16 volte superiore a quello degli Usa.
non mi invento nulla. negli Usa ci sono 17.000 omicidi in un anno in Italia
ci sono 67.000 omicidi in un anno ...]]m'è preso un colpo,sono corsa a leggere
mentre mi collegavo dicevo fra me e me"ma questi dati sono da "stato in piena guerra civile"
che cavolo scrive marco,
poi ho letto bene tutto,mi sono ripresa,ho letto i commemnti di anonimo,che probabilmente
è andato a prendere i dati Dell'IRAK e ne ha fatto copia e incolla con il suo cervello:
Posso consigliare all'anonimo di salvare la tua immagine e poi ingrandirsela al max
diciamo 1000x 1000,ma non credo basterebbe,dicono che noi siamo premuniti,
pre-costituzionalemnte contro berlusconi ,MA oltre ai motivi che ci da il berlusca,
anche i suoi afioconados/federmarescialli NON scherzano ne!!!
gabrybabelle
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
ribadisco:come ha scritto
punzi:
Praticamente ci sarebbero piu' omicidi che persone...

prima di scrivere castronerie,contare fino a 10,poi, mettere il cervello in contatto con le sinapsy cerebrali e quindi avviato il motore pensare!!
Pellescura ha detto…
Sta mania dei dati, percentuali, sondaggi...indovinate chi ce l'ha trasmessa?
il Russo ha detto…
A omicidi non ho numeri precisi, ma posso affermare tranquillamente che dall'avvento di Berlusconi a oggi il numero di deficienti mentali é aumentato esponenzialmente, molto male da quando Silvio c'é.
Ora vado a cercare il post originale dell'anonimo che voglio ridere per una mezzoretta....
Anna ha detto…
La pericolosità vera e tangibile di tutto ciò è che , se chi legge è uno sprovveduto, o poco informato, crede a queste castronerie lanciate nel mucchio. E il partito delle presunte libertà avanza.Berlusconi docet.
Imagine ha detto…
grande!
ora mi vado a leggere i commenti, che me li ero persi...
Donna Cannone ha detto…
ribadisco: voglio anch'io un berlusconiano che commenti il nostro blog! dove lo trovo?
Marte ha detto…
La sicurezza è una questione importante, la microcriminalità un dato di fatto, i buoni e i cattivi ci sono in tutte le razze eppure la causa più grave di morte violenta in Italia è costituita dai morti sul lavoro.
Qualcosa allora non torna...e la repressione delle libertà individuali ai fini della sicurezza sociale è solo strumentale.
Strumentale ad un governo che basa il suo consenso sulla mistificazione.
stella ha detto…
Percentuali di martiri^ di qua o di là ,ma che senso ha ? Pensiamo a come risolvere il serio problema,anzi ci pensino,vite umane ci rimettono...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Anna: Benvenuta nel blog.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…