Passa ai contenuti principali

IL CAPITALISMO

Pubblico questa inchiesta di qualche mese fa, per portarvi a conoscenza di questo terribile problema. Perchè conoscere e parlarne, è l'unico modo per aiutare i sardi e la Sardegna.

Certo il video è lungo, ma la cosa è talmente grave che lascia senza parole.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
I media ne hanno parlato? Che schifo.
Marte ha detto…
Amo molto la Sardegna e spesso torno di ritornarci, ma sempre più spesso mi rendo conto che quello che conosco io di quelle terra, le sue meraviglie ma anche le sue tragedie, lo so grazie a chi vive direttamente sul posto e non si stanca di raccontarmi.
Siamo ritornati incredibilmente ad una sorta di tradizione orale, dove quello che davvero conto passa di bocca in bocca. Ci si appassiona in pochi, ma nessuno si indigna su scala nazionale.
A volte, tristemente penso, che cmq non gli importerebbe. Nemmeno se lo vedessero al tg nazionale.
Cesco ha detto…
Come sardo non posso che ringraziarti di aver parlato di questo delicato argomento, che perlopiù è conosciuto solo dai sardi, anche se in maniera superflua, perchè in realtà se ne parla poco anche qui, giusto il tempo in cui i proprietari terrieri, strozzati dall'usura legale legata ai famosi prestiti, hanno inscenato proteste clamorose. Ma quando non ci sono riscontri con i media, le proteste servono a poco. Una donna ha una grossa azienda agricola, da sempre, con un valore stimato altissimo, e l'azienda guadagna anche piuttosto bene, il problema, è che per un piccolo prestito, legato ai famosi mutui, per un valore di circa cento volte inferiore a quello dell'azienda, si è vista pignorare tutto, anche la propria casa, senza che le fosse data la possibilità di estinguere il debito, perchè non si capisce come, ma grazie a tassi scriteriati, simili ai famosi strozzinaggi in voga nel sud Italia un tempo, e oggi fenomeno coperto, e non più perseguito con costanza come dovrebbe essere, non si possono più estinguere, con la pretesa, a volte, di chiedere cifre anche dieci volte superiori al prestito originale. Se questo non è strozzinaggio, ditemi voi che cosa è. In realtà gli intenti veri sono quelli di appropriarsi di aziende dal valore commerciale appetibile per cifre irrisorie, e spesso si passa attraverso cavilli burocratici, attraverso i quali in attesa di un giudizio definitivo l'asta viene svolta comunque e la banca si appropria dei beni del malcapitato. Questa non è una fatalità dovuta al mancato appoggio di Bruxelles ai mutui agevolati per l'agricoltura, bensì un piano ben preciso per accentrare il potere su un vasto terreno da parte dei grandi capitali, perchè igni angolo di Sardegna vale oro, e averlo al prezzo con il quale non si compra più neanche il pane, è un affare troppo ghiotto per i grossi gruppi imprenditoriali.
Franca ha detto…
Avevo visto un servizio su questa vicenda. E' una vergogna...

P.S.
Link ricambiato...
Anticlericale89 ha detto…
No,mi sembra proprio che i media non ne abbiano parlato.


Concordo con cesco,sembra tutto troppo ben organizzato per essere casuale,già l'intento iniziale era qullo di mettere le mani sulle aziende.

Servirebbe una legge,anzi sarebbe servita una legge,che impedisse alle banche questo sistema di usura,purtroppo i governi sono sempre troppo inpegnati a fare altro.
articolo21 ha detto…
Credo che solo il TG3 ne abbia parlato tempo fa... ma queste sono vicende che non interessano più a nessuno... gli italiani sono un popolo in declino. E quando si finisce nella merda uno, con il tempo, inizia anche ad assuefarsi alla puzza.
Mi sorprendo che Report o altri non ne abbiano mai parlato.

La Regione Sardegna dopo aver fatto un po' di casini ci sta provando. L'accordo con le Banche c'era (la Banca a quanto sembra....) ma poi lo hanno fatto saltare.

Drammi umani che evidenziano un processo inarrestabile di impoverimento del popolo italiano sulla stregua delle dittature sudamericane.

Quindi la nostra è una dittatura moderna e direi a schema misto: usa la violenza raramente, addormenta le coscienze, sottrae e fagocita le ricchezze poche o tante del popolo.

Quadro davvero sconsolante.

Perchè Travaglio di loro non parla mai?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Daniele: bella domanda! Penso che la risposta sia perchè Travaglio non è contro quel tipo di sistema.Lui è per il libero mercato...
Gatta bastarda ha detto…
si forse un servizio il tg3 l'ha fatto ma sarebbe una cosa da proporre molto più spesso (come i rifiuti di napoli per intenderci..)
calendula / trattalia ha detto…
I telegiornali non ne hanno parlato, ne ha parlato il telegiornale regionale di rai 3 per un paio di giorni, ovviamente tutto è caduto nel dimenticatoio, 2 settimane fa prorpio prima che Marco andasse in ferie ne avevo parlato nel bolg... le notizie sono le stesse riportate qui, aggiungo che le altre banche creditrici si sono accordate ( monte dei paschi di siena e banca di sassari) il banco di sardegna si è rifiutato di fare qualsiasi tipo di accordo, le aste i rpimi giorni sono andate deserte, ( anche perchè tutte le famiglie coinvolte sono andate a vedere chi avrebbe avuto il coraggio di buttarle in mezzo ad una strada) le notizie si fermano qui, anche in rete sono notizie di 7 mesi fa, tutto tace...IL BANCO DI SARDEGNA NON HA NULLA DI SARDO E' STATO AQUISTATO DA UN GRUPPO EMILIANO... DI CUI OVVIAMENTE DELLA SARDEGNA NON FREGA UN MERITO NULLA!!, grazie Marco per aver parlato del problema... se hai nuove notizie fammi sapere io farò altrettanto.
natale ha detto…
E' una vergogna... Non si puo' far credere una cosa alla gente e poi farne un'altra... Fregare soldi alla povera gente è una vergogna... Non vorrei dire una BOFONKIATA (o caxxate che dir si voglia) ma mi sa che report un servizio su questa cosa l'ha fatto...

ps: anche per me è un piacere averti conosciuto!!!
stella ha detto…
Tornata ! Abbraccio
Punzy ha detto…
Si avevo letto, tempo fa, di questa storia, su un giornale, non ricordo quale. Ero rimasta schifata allora e lo sono anche adesso. Se una cosa non passa in TV non esiste. Che orrore
Potremmo subissare la redazione di report di e mail...tuttavia devo dire che, in un'occasione critica, avevo scritto piu' volte a report per segnalare un problema: in azienda da me hanno mandato via 914 persone mascherando il tutto con una cessione d'azienda (ve la riassumo in breve, gli ex colleghi, passando a quast'altra azienda sono diventati a tempo determinato, in sostanza). All'epoca abbiamo fatto di tutto, manifestazioni per tutta Roma e non un solo tg (solo il tg tre regionale) ne parlo'. Perche' contro gli interessi dell'azienda per la quale lavoro non si puio' andare.
Non una riga, non una voce si e' sentita.
Eppure, bloccammo per due volte il centro di Roma, sotto il parlamento.
Fu terribile, ed e' teribile come i diseredati sociali non abbino voce, perche' in TV non passano
Video ergo sum
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Punzy, benvenuta nel blog.
Certo, ciò che non viene trasmesso in tv non esiste e a pensarci bene, questa è stata la leva su cui Berlusconi ha costruito il suo successo. I diseredati non hanno voce, anzi...per questo sistema sono delle vittime calcolate.
Sarebbe ora di unirci invece di fare la solita idiota guerra fra poveri.
il Russo ha detto…
Ragazzi mettiamocelo in testa: l'informazione in Italia é un disastro, se viene fuori che Grillo ne fà (farebbe) più dei tg é ora di spararsi o emigrare...
Pipoca ha detto…
Avevo già chiesto a calendula aggiornamenti... che spero continuerà a darceli.

Mettiamoci in fila, che tra poco, dato che la salute e la dignità ce le hanno prese, toccherà dare sangue, midollo e organi vari.
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
Si caro marco,rai tre ne aveva parlato ampiamente ,un grande servizio:Unico problema;sara' stato il dazio da pagare per mandarlo in onda?)E stato di farlo non in un tg ma in una trasmissione di tipo agircolo,(almeno io l'ho seguito li)
che solitamente va in onda o a notte tardissima o il sabato pomeriggio,quando lo share è bassissimo per ovvie ragioni
"di impegni familiari"
io l'ho seguito tutto,e come al solito la risposta è una sola!
BANCHE LADRE ASSASSINE.
-----------------------------
Per il messaggio che mi hai lasciato,;
--------------------------------
tutto ok marco,avevo dimenticato che quando si fanno questo tipo di segnalazioni
non si deve mettere il link,o meglio come in questo caso il link del profilo se propio debbo metterlo
(per avere un riferimento per tutti,cosi leggono il numero e capiscono)
è meglio scriverlo dimezzato
in modo che non parta la ricerca della pagina web,anche perchè come avrai capito non è una vera pagina
(quella del profilo)
ma una pagina phishing o sniffer,chiamala come vuoi,l'intento è lo stesso
ti lasciano un messaggio carino,con una foto nel profilo accattivante,tu clicchi ,magari per rispondere e finisci
in quella che sembra una vera pagina profilo di un bloggher,ma poi quando vai in quello che dovrebbe essere
il suo blog,sei fregato,finisci nella pagina pishing-In questo caso,evidentemente vista
la pagina di avviso
dei monopoli
(c'è l'http://... numerico...) doveva esserci uno di quei siti
di gioco d'azzardo.
E' chiaro che lo stronzo che fa questo lo fa con la consapevolezza,
lasciano commemnti del cavolo sul post,per crearti solo problemi con quel qul link che contiene un Hjiect,sembra un virus,o meglio lo è ma non è deleterio come sembra,basta che vai qui

http://www.malwarebytes.org/mbam.php

un ottimo antimalware che trova anche gli Hjiect di tipo Troyan

questa la pagina dove lo puoi scaricare in italiano

http://www.ilsoftware.it/querydl.asp?ID=1078

funzina benissimo e ti fa alla fine un file log,del sistema,mettilo in quarantena,e dopo qualche giorno puoi
cancellarlo dlala quarantena,tranquillamente
ciao Marco gabrybabelle
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie mille Gabry.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…