Passa ai contenuti principali

SCHIAVI O LIBERI VI SALUTA

Amici, compagni di avventura... è arrivato il momento di salutarci: stacco un po' la spina.
Quest'anno devo ammettere di essere veramente stanco. La voglia di poter incidere provando a cambiare le cose è grande, ma purtroppo ci sono limiti fisici oggettivi ai quali non ci si può sottrarre. Nella vita bisogna lavorare almeno 8 ore, soddisfare i bisogni fisiologici, leggere informarsi e per quanto possa essere bello e appagante, anche il blog richiede impegno. Per poter fare tutto servirebbe una giornata di almeno trenta ore. Sono emotivamente esausto, e quando le persone che ti stanno a fianco iniziano a chiederti troppe volte come stai, bè...forse è arrivato il momento di fermarsi.
Di quest'anno, la cosa che ricordo con piacere è l'incontro con Alberto Granado, il compagno di viaggio del Che. Quanti giovani chiusi nella rassegnazione, dovrebbero imparare da quell'uomo ormai più che ottantenne. La frase da lui pronunciata che mi ha colpito è stata: " le rivoluzioni si fanno solo abbandonando l'io per il noi."
Quando ci riusciremo noi? Bah...
Come detto è stato un anno intenso ma ricco sotto il profilo della lotta, che mi ha portato anche a partecipare all'assemblea dei lavoratori davanti alla Thissen Krupp dopo la tragedia purtroppo accaduta i primi di Dicembre.
Ma ora voglio ringraziare tutti voi cari amici, per aver voluto condividere le vostre idee con questo piccolo e umile blog. Ringrazio di cuore chiunque si fosse fermato anche solo per un momento a riflettere in questo piccolo spazio nel web.
Grazie per le cosa scritte e non scritte.





Un uomo può uccidere un fiore, due fiori, tre... Ma non può contenere la primavera.
Ghandi.

Questa frase mi piace molto e devo dire, anche se difficile, che grazie a voi si può ancora credere nell'avvento della primavera.

Spero di ritrovarvi tutti a Settembre.

Un Abbraccio... Schiavi o liberi?

Commenti

Alessandro Tauro ha detto…
Buon riposo marco!
Puoi essere certo che a settembre mi ritroverai qui, con le dita sui tasti del pc e lo sguardo fisso sullo schermo, in attesa del tuo prossimo primo post stagionale!!

Grazie per lo straordinario lavoro che hai fatto finora! Sei una continua fonte di informazioni e di ottime opinioni!

Un abbraccio!
Farfallaleggera ha detto…
Contentissima di averti conosciuto anche se solo virtualmente, ti auguro anche io un buon riposo. Credo che ne abbiamo bisogno tutti. Un arrivederci a presto. Giò
P.S ti "rubo" la frase..."le rivoluzioni si fanno solo abbandonando l'io per il noi." per farla mia
E' sempre stata la mia convinzione..non è l'individuo che può cambiare il mondo ma gli individui tutti insieme, possibilmente tenendosi per mano facendo un girotondo. Grazie e un grande ciao giò
il Russo ha detto…
Arrivederci Marco, mi mancherà in queste settimane una presenza incisiva e attenta come la tua, mi mancheranno i tuoi post, ma ti aspetto con ansia per settembre!
Ricaricati (almeno tu), temo che settembre e poi tutto l'autunno saranno gravidi di argomenti da trattare!
Lucia Cirillo ha detto…
Buona estate anche da parte mia. Grazie per le idee che hai veicolato, di avermi dato l'occasione di conoscerti e spero di ritrovarti al ritorno.

Abbandonare l'io per il noi, mi pare la più bella utopia che l'umanità possa raggiungere.
Ciao
Gap ha detto…
Buon riposo, e resiti anche in vacanza, al sole, alle tentazioni e alla carne (alla brace).
Ciao
Gap
calendula / trattalia ha detto…
Grazie a te per i moment di riflessione, non ho sempre condiviso le tue idee, ma sono felicissima che ci siano persone che l pensano diversamente da me, siamo noi la democrazia!!!!
Buone vacanze, divertiti, rilassati,a settembre un saluto dalla Sardegna !!!
Cesco ha detto…
Buone (più che meritate) vacanze amico, ritorna più riposato e agguerrito di prima, mi raccomando. ;)
pansy ha detto…
Ciaoooo! Buone vacanze! Sono felice di avere la fortuna di poterti leggere. Ma è giusto staccare la spina per tornare nuovamente in forma, il meritato riposo a te e un abbraccio!
Gatta bastarda ha detto…
Ti lascio una parola Goodbye!
Sempre nomadi! e buone vacanze
La frase di Ghandi è stupenda.

Ti auguro buone vacanze di cuore.

E anch'io non credo che riuscirò a guardare le Olimpiadi anche se spero di poterlo fare magari per rivedere un gesto un qualcosa di qualche atleta che ci ridia fiducia nel domani.

Ciao Marco
Daniele
articolo21 ha detto…
Riposati ^^
Luz ha detto…
Un abbraccio forte in vista di un autunno che ci vedrà in lotta. Perciò riposiamoci, liberiamo le menti e lo spirito, leggiamo, ridiamo, mangiamo gelati e passiamo il tempo con chi ci vuole bene. A settembre, più agguerriti che mai.
Luz
Marte ha detto…
L'abbraccio è assolutamente libero :)
felice di questo incrocio, fortuito ma inevitabile.
A settembre.
Pipoca ha detto…
Bevi solo acqua, copriti e non prendere fresco, ma se vai al mare mettiti la crema. Mangia, non far tardi la sera e non drogarti.

Boh! A me quando ero giovane e partivo mi dicevan sempre così.

Adesso invece mi chiedono solo se questa volta torno!
desaparecida ha detto…
Sai che nn conoscevo la frase di ghandi?

Vedi dove sta la speranza?

Dal nulla involontriamente...s'impare qlcosa di nuovo...e la primavera esiste cmq.....

un abbraccio della buonanotte!!! :)
Vincenzo ha detto…
Arrivederci carissimo amico...a presto!
stella ha detto…
E'una frase che ci dà speranza,marco.
Serene vacanze e un abbraccio.
Donna Cannone ha detto…
non ho capito, vai in vacanza o periodo blog-sabbatico? non ci molli mica definitivamente, vero?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie a tutti per i bei commenti.


Donna cannone: è solo un periodo sabbatico. Non vi mollo, ci sono troppe cose da dire.
alfa ha detto…
Hey, volevo salutarti anche io e augurarti buone (se possibile, vista la situazione italiana) ferie... ma vedo che hai scritto di nuovo. :-P Corro a leggere.
Un saluto!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…