Passa ai contenuti principali

INIZIO A SENTIRE MALE

Riapre Mirafiori. Ma per 4mila dipendenti c'è la cassa integrazione

Stabilimenti Fiat
Dopo la pausa estiva questa mattina i cancelli dello stabilimento Fiat di Mirafiori oggi si apriranno solo per 1000 operai addetti alla produzione della Mi.To, la nuova piccola di Alfa Romeo. Scatta infatti, fino all'8 settembre, la cassa integrazione per 4 mila dipendenti. Altri stop alla produzione sono previsti in altri stabilimenti, oltre a quello torinese, nei prossimi mesi.
Sarà dunque un rientro all'insegna della preoccupazione, legata alla congiuntura economica e, di conseguenza, al difficile momento del mercato dell'auto. Il provvedimento è già in calendario anche in altri stabilimenti Fiat.
Non a caso la decisione della cassa integrazione, come spiegato nelle scorse settimane dall'Ad del gruppo, Sergio Marchionne, era stata presa "dopo aver visto l'andamento del mercato nel mese di giugno".
Il provvedimento è già in calendario anche in altri stabilimenti Fiat: una settimana a ottobre e due a novembre a Termini Imerese, una al mese a Melfi, sei settimane entro dicembre negli stabilimenti Cnh di San Mauro (Torino) e di Imola (Bologna). Sospesi dalla Powertrain i 17 turni introdotti due mesi fa nello stabilimento ex Iveco di Torino.

Fonte rainews24.

Draghi: ''Risolvere la crisi economica non sarà indolore ...

Certo caro Draghi, ho già capito per chi non sarà indolore questa crisi.

Scusate, ma sentendo un gran bisogno di sdramattizzare, pubblico questo video che in modo simpatico descrive perfettamente la situazione.

Siamo tutti precari.




Segnalo questo articolo Free Gaza: le iniziative continuano nel blog dell'amica Elena: SOLLEVIAMOCI.

Commenti

elena ha detto…
WOW... questa volta sono la prima a commentare!!! Anche se davvero dire qualcosa su quest'ennesimo misfatto all'italiana non mi esalta. Sarà un autunno duro, temo. Ma speriamo che sia anche l'ultimo, che finalmente molti italiani che si son fatti narcotizzare le coscienze ed il cervello aprano gli occhi... non dico nulla sul video perché non l'ho visto (la mia connessione ci mette troppo...) ma apprezzo la buona volontà. :)

Poi, grazie per avermi segnalato - nel frattempo ho tradotto un altro aggiornamento, sempre su Gaza. Certo abbiamo scelto un gran bel modo criptico (tranne appunto per noi due) di comunicare...! Ma finché ci capiamo noi...
Ti abbraccio.
Anonimo ha detto…
Sta già cominciando a far male anche a me. Fiat è semore il nodo più difficile da sciogliere della politica economica dell'Italia, e non sarà neanche l'ultimo problema che ci troveremo a dover nuovamente fronteggiare con i soldi dello stato. Sulla situazione critica finanziaria a livello globale, sono le prime falle gravi del sistema capitalistico estremo che l'occidente ha voluto imporre. Il permettere a pochi privati cittadini di fare da ago della bilancia per l'economia, porta inevitabilmente a queste situazioni limite, che vorrebbero risolvere, se quello che dice Draghi sarà attuato, peggiorando ulteriormente la situazione. Il mercato anarchico, senza controllo, ha fatto schizzare il petrolio, che ora viene fatto rimanere ad un cartello compreso tra i 110 e i 120 dollari al barile, cioè più del 100% di qualche anno fa, ciò significa che c'è in sostanza una casta di magnati che decide le sorti dell'economia speculando sulla principale fonte energetica.
Naturalmente, quelli che pagheranno di più saremo ancora noi...
Punzy ha detto…
mi chiedo.. ma dopo fiat, dopo i 5000 esuberi di Alitalia, dopo le cessioni d'azienda di Tim, Vodafone, Wind e H3g...ma qualcuno se lo fara' venire il dubbio che a questo governo di noi poveri cristi se ne frega???
Unknown ha detto…
Purtroppo quando c'è crisi c'è per tutti... mmmmm... Tutti?? No... Mi sa proprio di no... Non per tutti, ma per TUTTI NOI POVERACCI!!! Perchì chi ha i soldi se li tiene stretti e non vede la crisi!!! MALEDETTO SISTEMA!!!
Franca ha detto…
In Italia c'è un'unica certezza: che a pagare per tutti sono sempre gli stessi.
Il video è carinissimo; mi sa se te lo rubo...
Marte ha detto…
Sul precariato abbiamo già avuto modo di scambiare qualche opinione.

Uno dei problemi più grossi è la "sindrome da sfigato" che coglie il lavoratore precario, che anche quando vuole cominciare a ribellarsi trova scarsa collaborazione (colleghi) e pochissima protezione (sindacale).

Le agenzie interinali oramai si confondono con le agenzie di viaggio: annunci allettanti e colorati, un breve viaggio nel mondo del lavoro, una vacanza a tempo determinato dalla disoccupazione.

La mia momentanea vacanza è finita, adesso c'è l'ansia di ricominciare.
Perchè le bollette non aspettano.
Gatta bastarda ha detto…
e già...il dolore lo sentiampo noi mica loro...
grande il video di brusco è un amico di una ia amica... è uno schiodato e il video ci stà alla grande!
Lucia Cirillo ha detto…
Ciao Marco. Purtroppo sperare di chiudere le vacanze sugellandole con qualche buona notizia pare essere pura utopia...temo che ci sia bisogno di un nuovo autunno caldo...ma pare che ormai ci privino pure della capacità di arrabbiarci...
Un caro saluto

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…