Passa ai contenuti principali

CIO' CHE NON SI DOVREBBE MAI VEDERE

Ieri stavo leggendo su Megachip alcune notizie. Incuriosito dalla crudeltà di certe immagini, ho deciso di entrare. Ho trovato un video terribile, che ho voluto ugualmente pubblicare in quanto ritengo che la realtà, anche quella dai volti tremendi, debba essere conosciuta. Parla di Falluja, e delle giovani donne che, a causa delle deformazioni con le quali nascono i bambini, hanno paura a mettere al mondo figli. Possono nascere con un occhio, due teste , deformazioni agli arti e forme di tumore o leucemia.
Questo è il risultato, della guerra che doveva servire ad esportare civiltà e democrazia.
Io l'ho visto ed è stato un colpo tremendo, quindi consiglio di guardare solo a chi si sente sufficientemente forte.



Fonte : Deformed babies in Fallujah Iraq LETTER TO THE UNITED NATIONS

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Domani pubblicherò una parte dell'inchiesta, dove si parla delle armi usate.
la Volpe ha detto…
Molto interessante e terribile. Sono intenzionato a leggere il resto.
calendula ha detto…
noi su questo pianeta non siamo mammiferi noi siamo un virus... ci cibiamo dei nostri simili, distruggiamo tutto quello che ci circonda.... avveleniamo e facciamo morire tutto....
Ieri mi sono letto in tutto un colpo il fumetto di Devilman, dove si capisce che i veri demoni non vengono da fuori, ma sono gli uomini stessi, capaci delle violenze più atroci... questo video ne dà un esempio
Alessandro Tauro ha detto…
Il video non riesco proprio a commentarlo...
Aspetto però con trepidazione la pubblicazione dell'inchiesta!
stella ha detto…
Mi astengo da guardare il video, Marco.
Mi conosco...ma perchè tanta brutalità nel mondo? Non riesco proprio a concepirla!
Io ricordo l'inchietsta di Rainews 24 che dimostrò l'uso del fosforo bianco a Falluja da parte degli americani.

Scrissi una poesia molto forte su questo che non ho mai postato sul blog. Ma ricordo molto bene il dramma. E ricordo anche gli effetti di quella "sostanza illuminante"....
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Daniele, l'inchiesta è proprio quella che voglio pubblicare domani.
Molti di voi la conosceranno, ma è sempre meglio farla vedere per chi, eventualmente, ancora non conosce.
Bruno ha detto…
aspetto la parte dell'inchiesta.... sul video c'è poco da dire
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Bruno, con queste premesse, ci sarà ben poco da dire anche sull'inchiesta.
luce ha detto…
Grazie di ricordarci, caro Marco, che bestie che siamo e che prezzo pagano sempre li stessi.
E ti tingrazio perchè ancora di più vedendo certe cose spero di diventare una bestia migliore per farmi perdonare di quello che come appartenente alla razza occidentale rappresento, perchèse anche materialmente certe cose io non le faccio, ne sento tutto il peso, stasera....
Un abbraccio.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Cara luce, non sono uno che insegue le visite, come non valuto il valore di un blog, dal numero di link.
In questo momento però, non immagini quanto desiderei che questa umile paginetta, fosse vista da milioni di persone.
amatamari© ha detto…
Grazie. E' necessario anche vedere, toccare con mano gli orrori, prendere coscienza pienamente.
E' terribile ma indispensabile: aspetto di leggere l'inchiesta.
il Russo ha detto…
Che strazio, su Falluja se ne è parlato tanto sempre fra di noi del ristretto circolo di quelli che vogliono sapere ma al grosso della pubblica opinione non è mai arrivato nulla (ma gliene frega qualcosa, verrebbe da domandarsi...).
Piacerebbe anche a me che tante e tante persone capitassero su questa pagina e, lo dico a scatola chiusa, anche su quella che pubblicherai domani.
Perchè se certe cose manco si sanno, è impossibile che un domani non si ripetano.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…