Passa ai contenuti principali

MY WAY

"A modo mio"
"Farò il leader del Pd, ma lo farò a modo mio. Non il partito di un uomo solo ma un collettivo di protagonisti", ha affermato il neosegretario del Pd, Pier Luigi Bersani, annunciando che "per prima cosa domani incontrerò un gruppo di artigiani a Prato perché bisogna rompere il muro tra politica e lavoratori".

Bersani segretario

Auguri segretario, le dedico questa canzone ma soprattutto si ricordi cosa vuol dire Sinistra.



My Way
Titolo Tradotto: Mia Maniera

E ora la fine è vicina
E quindi affronto l'ultimo sipario
Amico mio, lo dirò chiaramente
Ti dico qual è la mia situazione, della quale sono certo

Ho vissuto una vita piena
Ho viaggiato su tutte le strade
Ma più. Molto più di questo
L'ho fatto alla mia maniera

Rimpianti, ne ho avuti qualcuno
Ma ancora, troppo pochi per citarli
Ho fatto quello che dovevo fare
Ho visto tutto senza risparmiarmi nulla

Ho programmato ogni percorso
Ogni passo attento lungo la strada
Ma più, molto più di questo
L'ho fatto alla mia maniera

Sì, ci sono state volte, sono sicuro lo hai saputo
Ho ingoiato più di quello che potessi masticare (= ho fatto il passo più lungo della gamba)
Ma attraverso tutto questo, quando c'era un dubbio
Ho mangiato e poi sputato
Ho affrontato tutto e sono rimasto in piedi
L'ho fatto alla mia maniera

Ho amato, ho riso e pianto
Ho avuto le mie soddisfazioni, la mia dose di sconfitte
E allora, mentre le lacrime si fermano,
Trovo tutto molto divertente

A pensare che ho fatto tutto questo;
E se posso dirlo - non sotto tono
"No, oh non io
L'ho fatto alla mia maniera"

Cos'è un uomo, che cos'ha?
Se non se stesso , allora non ha niente
Per dire le cose che davvero sente
E non le parole di uno che si inginocchia
La storia mostra che le ho prese
E l'ho fatto alla mia maniera

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Ci tenevo a sottolinearlo: il sinistra in rosso, è un chiaro messaggio subliminale. :)
luce ha detto…
Subliminale? ;-)
Speriamo che questo piacentino sorridente possa far tornare la voglia di battere al cuore nostro che sta a sinistra.
Ma sono contenta anche per Marino, spero che la percentuale di voto che ha avuto faccia capire che abbiamo bisogno anche di lui.
Un affettuosissimo e rossissimo abbraccionissimo
stella ha detto…
Auguri al nuovo presidente Bersani.
Daniela ha detto…
Davvero, auguri. Spero non si lasci schiacciare dai soliti ingranaggi...
l'incarcerato ha detto…
Marco, di rosso c'è solo l'acronimo R.E.D della corrente d'alemiana.

Te lo ricordi D'Alema si?

Comunque ho scritto un altro post in tal senso.

Io invece faccio gli auguri a noi, che ci aspetta una dura lotta perchè siamo proprio alla frutta...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Per tutti, nonostante gli auguri, ci credo poco io stesso.
Altri hanno fatto affermazioni come questa. Vedremo cosa davvero potrà fare in modo indipendente....
frufrupina ha detto…
Ciao Marco...auguri da parte mia,speriamo bene.Un abbraccio.
il Russo ha detto…
Della traduizione comunista la corrente Bersaniana porta in dote l'arte dell'accordo per raggiungere i propri fini, sarò idealista ma sono scettico sul discorso sinistra come immaginiamo...
la Volpe ha detto…
vediamo chi candidano alle regionali, e con chi fanno gli apparentamenti...
Pierprandi ha detto…
Non la vedo per niente bene...
Bruno ha detto…
speriamo in bene....mi associo agli auguri..ma le carte in gioco son sempre le stesse
Punzy ha detto…
mah, sono perplessa, non lo nascondo. Staremo a vedere
Gap ha detto…
Non commento per non dare il via a una polemica come quella di ieri.
Anonimo ha detto…
imparato molto

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…