Passa ai contenuti principali

MY WAY

"A modo mio"
"Farò il leader del Pd, ma lo farò a modo mio. Non il partito di un uomo solo ma un collettivo di protagonisti", ha affermato il neosegretario del Pd, Pier Luigi Bersani, annunciando che "per prima cosa domani incontrerò un gruppo di artigiani a Prato perché bisogna rompere il muro tra politica e lavoratori".

Bersani segretario

Auguri segretario, le dedico questa canzone ma soprattutto si ricordi cosa vuol dire Sinistra.



My Way
Titolo Tradotto: Mia Maniera

E ora la fine è vicina
E quindi affronto l'ultimo sipario
Amico mio, lo dirò chiaramente
Ti dico qual è la mia situazione, della quale sono certo

Ho vissuto una vita piena
Ho viaggiato su tutte le strade
Ma più. Molto più di questo
L'ho fatto alla mia maniera

Rimpianti, ne ho avuti qualcuno
Ma ancora, troppo pochi per citarli
Ho fatto quello che dovevo fare
Ho visto tutto senza risparmiarmi nulla

Ho programmato ogni percorso
Ogni passo attento lungo la strada
Ma più, molto più di questo
L'ho fatto alla mia maniera

Sì, ci sono state volte, sono sicuro lo hai saputo
Ho ingoiato più di quello che potessi masticare (= ho fatto il passo più lungo della gamba)
Ma attraverso tutto questo, quando c'era un dubbio
Ho mangiato e poi sputato
Ho affrontato tutto e sono rimasto in piedi
L'ho fatto alla mia maniera

Ho amato, ho riso e pianto
Ho avuto le mie soddisfazioni, la mia dose di sconfitte
E allora, mentre le lacrime si fermano,
Trovo tutto molto divertente

A pensare che ho fatto tutto questo;
E se posso dirlo - non sotto tono
"No, oh non io
L'ho fatto alla mia maniera"

Cos'è un uomo, che cos'ha?
Se non se stesso , allora non ha niente
Per dire le cose che davvero sente
E non le parole di uno che si inginocchia
La storia mostra che le ho prese
E l'ho fatto alla mia maniera

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Ci tenevo a sottolinearlo: il sinistra in rosso, è un chiaro messaggio subliminale. :)
luce ha detto…
Subliminale? ;-)
Speriamo che questo piacentino sorridente possa far tornare la voglia di battere al cuore nostro che sta a sinistra.
Ma sono contenta anche per Marino, spero che la percentuale di voto che ha avuto faccia capire che abbiamo bisogno anche di lui.
Un affettuosissimo e rossissimo abbraccionissimo
stella ha detto…
Auguri al nuovo presidente Bersani.
Daniela ha detto…
Davvero, auguri. Spero non si lasci schiacciare dai soliti ingranaggi...
l'incarcerato ha detto…
Marco, di rosso c'è solo l'acronimo R.E.D della corrente d'alemiana.

Te lo ricordi D'Alema si?

Comunque ho scritto un altro post in tal senso.

Io invece faccio gli auguri a noi, che ci aspetta una dura lotta perchè siamo proprio alla frutta...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Per tutti, nonostante gli auguri, ci credo poco io stesso.
Altri hanno fatto affermazioni come questa. Vedremo cosa davvero potrà fare in modo indipendente....
frufrupina ha detto…
Ciao Marco...auguri da parte mia,speriamo bene.Un abbraccio.
il Russo ha detto…
Della traduizione comunista la corrente Bersaniana porta in dote l'arte dell'accordo per raggiungere i propri fini, sarò idealista ma sono scettico sul discorso sinistra come immaginiamo...
la Volpe ha detto…
vediamo chi candidano alle regionali, e con chi fanno gli apparentamenti...
Pierprandi ha detto…
Non la vedo per niente bene...
Bruno ha detto…
speriamo in bene....mi associo agli auguri..ma le carte in gioco son sempre le stesse
Punzy ha detto…
mah, sono perplessa, non lo nascondo. Staremo a vedere
Gap ha detto…
Non commento per non dare il via a una polemica come quella di ieri.
Anonimo ha detto…
imparato molto

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…