Passa ai contenuti principali

A SOFIA

"La decisione della Corte costituzionale sul 'lodo Alfano' è assolutamente non condivisibile". A Sofia Silvio Berlusconi torna ad attaccare le 'toghe rosse' e ai cronisti dà la sua lettura della bocciatura del lodo Alfano: "Praticamente la Corte ha detto ai pm rossi di Milano: 'Riaprite la caccia all'uomo nei confronti del premier'".

"Riforma della giustizia con referendum costituzionale"

Circa un paio di anni fa, sono stato a Sofia come turista in questa bella città capitale della Bulgaria. Ho attraversato lo stato bulgaro da ovest verso est, fino a Varna, per poi entrare in Romania. All'ingresso dopo aver attraversato la frontiera serba, ci hanno disinfettato la parte sottostante la macchina ruote comprese, con nostro stupore, ma senza preoccuparcene più di tanto. Allora le strade non erano proprio confortevoli, i lavori di ammodernamento però, ci ricordavano dell'ingresso nell' Unione Europea appena avvenuto.
Sofia è una bella città e a parte il cirillico, che rende qualsiasi cartello pressochè incomprensibile, l'accoglienza è buona. La mattina presto vedi parecchie persone aspettare il mezzo pubblico, nel mio caso era un filobus, che alla prima ripartenza lascia una nuvola di fumo simile a un fungo atomico, naturalmente con le dovute proporzioni.
Il traffico, come in tutte le metropoli , è sostenuto ma in questo caso sopportabile. Insomma... una città come le altre, la cui differenza risulta essere esclusivamente l'espressione di una diversa cultura e relative tradizioni.
Dopo questa breve premessa che ritenevo doverosa, mi chiedo come mai da quella città, all'apparenza una tranquilla cittadina dell'Europa dell'est, il nostro Premier ogni volta ci delizi con le sue sortite. Saranno le bellezze di quei luoghi a stimorlarlo? L'aria, forse meno inquinata, visto la minore industrializzazione? Il cibo, a parte l'essere un po' salato, mi sembrava buono e quindi lo escluderei. Bah...resta un mistero per me, e mi dispaice per i suoi abitanti: con tutto il made in Italy che potevamo esportare?
Ah, un'altra cosa.
Alla frontiera con la Serbia, nel viaggio di ritorno, dopo aver dedotto dai documenti che eravamo italiani, la prima cosa che ci hanno detto è stata: mafia, spaghetti e Berlusconi.
In quanto cittadino italiano onesto e pagante le tasse, chiedo risarcimento per la mia immagine all'estero quasi irremediabilmente rovinata.
Ci siamo subito difesi e dico, che pur di differenziarci dallo stereotipo e farci capire, abbiamo parlato in tutte le lingue del mondo.

Commenti

Crocco1830 ha detto…
La Bulgaria pare ispirare Mr. B. Mai una volta che da quelle parti spirasse...
Daniela ha detto…
io dico che la Consulta abbia solamento detto: il lodo Alfano è incostituzionale e la legge è "ancora" uguale per tutti. Se B la pensa diversamente è perchè ha il codone di paglia.
calendula ha detto…
un amico di blog è stato 2 mesi fa in Giappone.... in un ristorante ha attaccato bottone con due ragazze...che appena hanno saputo che era italiano si sono messe a ridere e hanno detto " berlusconi!!! molto affascinante" belli i tempi in cui se dicevi che eri italiano dicevano: la gioconda... o il colosseo........
sirio ha detto…
Ovvio che all'estero veniamo considerati sulla base di coloro che ci dovrebbero rappresentare.
Hai ragione il luogo evidentemente ispira il premier, il quale non perde l'occasione per esibirsi...
il Russo ha detto…
E' inutile, qua oramai si può tranquillamente parlare di sindrome bulgara per l'escortiere...
luce ha detto…
Carissimo,ormai siamo sputtanati in tutta Europa, che ci vuoi fare..
Vedi, secondo me il nostro capo del Governo ha la sindrome da micorfono, come tutti gli animatori d'Italia: appena ne vede uno fa lo show, dovunque sia.
Il problema è che lo ascoltano, cribbio se lo ascoltano!
Un abbraccio affettuoso,anzi affettuosissimo.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…