Passa ai contenuti principali

COMUNQUE MIGLIORE

Almeno lui ha avuto il buon senso di dimettersi.

Commenti

Inoltre sembra essere stato incastrato
Zion ha detto…
se sparisse dalla terra non mi dispiacerebbe.
Alessandro Tauro ha detto…
Le ultime news stanno persino ridimensionando le colpe morali (non certo penali) che gravano sul suo nome.
Sarebbe curioso se la faccenda seguisse l'andamento che sta assumendo in queste ore: avremmo un uomo sempre meno colpevole di quanto accaduto e che, nonostante le mancate prese di posizione a suo tempo che più di ogni altra cosa comportano com'è giusto che sia il suo "allontanamento" politico, si ritrova ad essere uno dei rarissimi casi italiani di importanti uomini politici auto-dimissionati per colpe non penali.

In un paese dove condannati per mafia non operano spostamenti di mezzo millimetro, questa è una grande lezione. Ma si sa che la "scuola pubblica" non è ben vista in questo periodo in Italia...
Bruno ha detto…
forse i grandi, enormi privilegi di cui gode tutta la classa politica ti porta ad usare, in maniera normale, mezzi e poteri anche al di fuori del "lavoro". Visto che, a quanto pare, la pentola bolle mi auguro che un gesto del genere venga preso da esempio per il resto che ci tocchera' subire.

p.s. avremmo una bella decimazione della classe politica :-)
luce ha detto…
Ha fatto la cosa giusta, in un ottica di dignità politica e umana.
Pare che già da tempo girassero voci sulla sua relazione ( di 7 anni) con un trans nel 2005,ma la cosa fu insabbiata.
A parte il fatto che io in generale non sbircio nella camera daletto di nessuno, la cosa che mi ha fatto più indignare è che andasse dalla sua amante con l'auto blu,ergo forse in orario di ufficio,o quanto meno usando risorse pubbliche.
E poi i poliziotti sono senza benzina...
In Italia ci siamo scordati che lo sputtanamento politico non consente una rappresentanza dell'elettorato serena e giusta.
E la cosa che mi fa più schifo per la verità è la sentenza Mills, che ancira una volta ribadisce che il nostra rappresentante in testa è un corruttore, e nessuno dice niente ( o siamo solo in pochi).
Un abbraccio sempre affettuoso.
riri ha detto…
..mi ha fatto pena e sono indignata, non per falsa moralità, ma quando si ricopre un ruolo pubblico bisognerebbe avere un'etica, parola in disuso.
ti abbraccio
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
La cosa dovrebbe valere per tutti però.
bradipa ribelle ha detto…
questa cosa è rivoltante, però, comunque sia, hai ragione tu....ha avuto il coraggio di dimettersi e nn ha fatto finta di niente...

sto sempre aspettando che anche qualcun'altro lo faccia....

saluti gelati da sarajevo!!!!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…