Passa ai contenuti principali

COSA CI RESTA DA FARE

Io sarò il solito idealista, forse al di fuori dalla realtà, ma credo che non si possa stare qui ai margini mentre una società cade nell'oblio.

Uomini e donne fanno la Storia, e questi hanno il diritto e il dovere di cambiarla quando è causa di ingiustizie. Purtroppo vedo anche noi abituati o rassegnati al meno peggio, senza più la volontà di credere in un qualcosa di veramente nuovo. Credo che per cambiare lo stato di cose, serva credere nell'utopia, in quelle idee che solo possono cambiare la Storia.

Questo bellissimo video,oltre al mio morale a pezzi, lo dedico a tutti i miei lettori che credono in quei valori, senza aggiungere altro. Alcune immagini sono state girate proprio dagli stessi partigiani.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Dopo il proclamo del generale alleato nell'autunno '44, i fascisti e i nazisti presero coraggio e ci fù un inverno che mise a dura prova l'organizzazione partigiana.
Fortunatamente resistettero.
PRESS ha detto…
Non c'era nulla di scandaloso nel mio commento. Erano soltanto delle osservazioni sul modo becero di utilizzare la vita personale e le abitudini sessuali di un individuo per colpirlo politicamente. Ritenevo e ritengo che l'iniziatrice di questa moda ai giorni nostri sia la sinistra, soprattutto degli ultimi 10 anni. Il Russo, cancellandomi e rifiutandosi di pubblicare il mio commento, dimostra soltanto la sua pochezza mentale e culturale. Non desidero e non ti chiederò mai di passare sul mio e lasciarvi un commento, desideravo soltanto dirti quel che ti ho detto. Ciao PRESS (che in ogni caso si è correttamente firmato dopo aver lasciato il suo commento).
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
PRESS: non so cosa sia successo con il Russo, io ho un' opinione differente. Se il Russo ha pochezza culturale, in Italia mi resta solo da emigrare perchè troppa gente è sicuramente peggio.Non ho letto il tuo commento, quindi non posso dire nulla.
il Russo ha detto…
Abbi pazienza Schiavi, è un caso clinico con un ego fortemento frustrato...
L'unica cosa che mi duole è che ero venuto a leggere e quindi commentare il tuo post, l'aver letto quel coso maccartista che scrive qua sopra m'ha fatto passare ogni voglia.
natalibera ha detto…
Grazie della dedica Marco...te la ricambio di cuore e spero che a nessuno di noi passi la voglia di combattere e tenere alta la bandiera di quelli ideali !

Un abbraccio...tutto bene? ti stai riprendendo?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Diciamo che è una navigazione a vista natalibera.
Grazie a te.
Un caro saluto.
l'incarcerato ha detto…
Bellissimo video, ritornerà in Italia la voglia di lottare? Gaber disse che libertà è partecipazione e non si riferisce al semplice votare, ma nell'attivarsi e non rimanere solo spettatori. Perchè poi si diventa complici delle barbarie che sono in corso.

Anche io sto con il morale a pezzi, qui c'è gente che muore e nessuno ne parla...ma ti rendi conto che c'è in corso una repressione selettiva e omicida?
Punzy ha detto…
mi chiedo anche io fno a che punto del fondo dovremmo arrivare prima di risalire..ma non si vede luce in fondo al tunnell,...bah..
Alessandro Tauro ha detto…
Bellissimo video!
Il morale a pezzi non è solo tuo, caro Marco, è una sensazione più che condivisa. E vedere quanta pochezza ci sia in tutte le varie sfere della politica (parlo di quella meramente "istituzionale") rende davvero difficile un sussulto d'orgoglio per questo malandato popolo italiano.

Ma l'errore più grosso è cedere il passo alla sfiducia totale, alla convinzione dell'impossibilità di cambiamento.
Milioni di italiani avranno pensato lo stesso negli anni che andavano dal '24 al '43. E vent'anni di quel tipo legittimano quel tipo di pensiero nichilista.
Poi è arrivato l'8 settembre '43 e la risurrezione dei movimenti antifascisti.

Non voglio fare paragoni azzardati, ma nel momento storico in cui viviamo è più che mai necessario pensare che possiamo pensare ad alternative ben migliori di quelle che abbiamo sotto gli occhi.
Si tratta solo di credere che "il meglio" ci è dovuto. E che se non si presenta sotto i nostri occhi, dobbiamo pretenderlo...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Bellissimo commento Alessandro.
Grazie.

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…