Passa ai contenuti principali

COSA CI RESTA DA FARE

Io sarò il solito idealista, forse al di fuori dalla realtà, ma credo che non si possa stare qui ai margini mentre una società cade nell'oblio.

Uomini e donne fanno la Storia, e questi hanno il diritto e il dovere di cambiarla quando è causa di ingiustizie. Purtroppo vedo anche noi abituati o rassegnati al meno peggio, senza più la volontà di credere in un qualcosa di veramente nuovo. Credo che per cambiare lo stato di cose, serva credere nell'utopia, in quelle idee che solo possono cambiare la Storia.

Questo bellissimo video,oltre al mio morale a pezzi, lo dedico a tutti i miei lettori che credono in quei valori, senza aggiungere altro. Alcune immagini sono state girate proprio dagli stessi partigiani.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Dopo il proclamo del generale alleato nell'autunno '44, i fascisti e i nazisti presero coraggio e ci fù un inverno che mise a dura prova l'organizzazione partigiana.
Fortunatamente resistettero.
PRESS ha detto…
Non c'era nulla di scandaloso nel mio commento. Erano soltanto delle osservazioni sul modo becero di utilizzare la vita personale e le abitudini sessuali di un individuo per colpirlo politicamente. Ritenevo e ritengo che l'iniziatrice di questa moda ai giorni nostri sia la sinistra, soprattutto degli ultimi 10 anni. Il Russo, cancellandomi e rifiutandosi di pubblicare il mio commento, dimostra soltanto la sua pochezza mentale e culturale. Non desidero e non ti chiederò mai di passare sul mio e lasciarvi un commento, desideravo soltanto dirti quel che ti ho detto. Ciao PRESS (che in ogni caso si è correttamente firmato dopo aver lasciato il suo commento).
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
PRESS: non so cosa sia successo con il Russo, io ho un' opinione differente. Se il Russo ha pochezza culturale, in Italia mi resta solo da emigrare perchè troppa gente è sicuramente peggio.Non ho letto il tuo commento, quindi non posso dire nulla.
il Russo ha detto…
Abbi pazienza Schiavi, è un caso clinico con un ego fortemento frustrato...
L'unica cosa che mi duole è che ero venuto a leggere e quindi commentare il tuo post, l'aver letto quel coso maccartista che scrive qua sopra m'ha fatto passare ogni voglia.
natalibera ha detto…
Grazie della dedica Marco...te la ricambio di cuore e spero che a nessuno di noi passi la voglia di combattere e tenere alta la bandiera di quelli ideali !

Un abbraccio...tutto bene? ti stai riprendendo?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Diciamo che è una navigazione a vista natalibera.
Grazie a te.
Un caro saluto.
l'incarcerato ha detto…
Bellissimo video, ritornerà in Italia la voglia di lottare? Gaber disse che libertà è partecipazione e non si riferisce al semplice votare, ma nell'attivarsi e non rimanere solo spettatori. Perchè poi si diventa complici delle barbarie che sono in corso.

Anche io sto con il morale a pezzi, qui c'è gente che muore e nessuno ne parla...ma ti rendi conto che c'è in corso una repressione selettiva e omicida?
Punzy ha detto…
mi chiedo anche io fno a che punto del fondo dovremmo arrivare prima di risalire..ma non si vede luce in fondo al tunnell,...bah..
Alessandro Tauro ha detto…
Bellissimo video!
Il morale a pezzi non è solo tuo, caro Marco, è una sensazione più che condivisa. E vedere quanta pochezza ci sia in tutte le varie sfere della politica (parlo di quella meramente "istituzionale") rende davvero difficile un sussulto d'orgoglio per questo malandato popolo italiano.

Ma l'errore più grosso è cedere il passo alla sfiducia totale, alla convinzione dell'impossibilità di cambiamento.
Milioni di italiani avranno pensato lo stesso negli anni che andavano dal '24 al '43. E vent'anni di quel tipo legittimano quel tipo di pensiero nichilista.
Poi è arrivato l'8 settembre '43 e la risurrezione dei movimenti antifascisti.

Non voglio fare paragoni azzardati, ma nel momento storico in cui viviamo è più che mai necessario pensare che possiamo pensare ad alternative ben migliori di quelle che abbiamo sotto gli occhi.
Si tratta solo di credere che "il meglio" ci è dovuto. E che se non si presenta sotto i nostri occhi, dobbiamo pretenderlo...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Bellissimo commento Alessandro.
Grazie.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…