Passa ai contenuti principali

Il Milan espugna il Santiago Bernabèu

Il Milan espugna Madrid, per la gioia dei tifosi.


Formazioni:
•Real Madrid: Casillas, Sergio Ramos, Pepe, Albiol, Marcelo, L. Diarra, Xabi Alonso, Granero, Kakà, Raul, Benzema.
Panchina: Dudek, Albiol, Drenthe, Garay, M.Diarra, Van der Vaart, Higuain.
•Milan: Dida, Zambrotta, Nesta, Thiago Silva, Jankulovski, Ambrosini, Pirlo, Seedorf, Pato, Inzaghi, Ronaldinho.
Panchina: Roma, Kaladzde, Antonini, Oddo, Flamini, Borriello, Huntelaar.

Goal: Real Madrid Raúl 19’Drenthe 76’ ; Milan Pirlo 62’ Pato 66’, 88’

E così il Milan, espugna il Santiago Bernabéu : mitico stadio nel panorama calcistico internazionale. Un primo tempo avaro di emozioni, con un Milan sottotono, che purtroppo al diciannovesimo ha visto una clamorosa papera di Dida, regalando il goal a Raùl. La ripresa invece, è caratterizzata da un Milan più tonico. Al 62 minuto Pirlo, con un bel destro da 30 metri, complice anche la non impeccabile posizione di Casillas, ristabilisce il pareggio. Al 66' Pato firma il vantaggio del Milan, su un'azione di contropiede che coglie la difesa madrilena impreparata. Al 76 minuto pareggio di Drenthe, su assist da calcio d'angolo di Raùl. Bel goal a fil di palo, impossibile da parare per Dida che tra il groviglio di gambe vede la sfera solo all'ultimo momento. All' 88 minuto però, Pato segna il terzo goal milanista su delizioso assist di Seedorf, per la gioia dei tifosi. Con questa storica vittoria, Real Madrid e Milan dopo tre giornate sono a pari merito in classifica entrambe a sei punti. Resta una vittoria di prestigio, che può infondere speranza per il resto della stagione. Può essere l'iniezione di fiducia, per vincere l'ennesima Champions league?

Commenti

Pierprandi ha detto…
Se non ti offendi vado a commentare il post precedente...:)
Bruno Pesce ha detto…
Belusconi vaffanculo, Berlusconi vaffanculoooooo, Berlusconi vaffanculo, Berlusconi vaffanculooooo

Ho solo riportato un coro da stadio sentito in Maratona, giusto per restare in argomento.
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Concordo Bruno. Naturalmente il post, è una sciocchezza. Ho sentito gente non avere il lavoro, ed esultare.
Gap ha detto…
Ho pensato che ti fossi perso nel nero del rossonero. Forza Mantova!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…