Passa ai contenuti principali

UN POST CHE FA RIFLETTERE

Vi giro a questo link, un bellissimo articolo dell'amico Gap, che descrive purtroppo la condizione di paura in cui vivono molti di noi. Un importante spunto di riflessione, che aiuta a sentirsi sulla stessa barca. Lo trovate qui .
Sempre per ricordare che dietro ad ogni blog, come nella vita di tutti i giorni, ci sono persone che soffrono, che credono e che vivono condizioni purtroppo precarie. Ma che come il nostro amico Gap, lottano e sono un vero esempio per tutti noi.
Alla fine, difronte alle difficoltà della vita siamo veramante tutti uguali.
Dico la verità: mi verrebbe da chiedere scusa, penso sempre che queste cose accadano, anche perchè non riesco mai a fare abbastanza, che dovrei fare di più e devo fare di più. Quel disagio, che provi difronte all'ingiustizia, che ti fa sentire tremendamente colpevole per non essere riuscito ad evitarla.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Per tutti gli amici, a cui ho imparato a voler bene in questo anno e passa di blog.
Gap ha detto…
Fai il giusto, forse troppo vedendo il lazzismo (come dicono i giovani leghisti di Gualdo Tadino)che ci circonda. Grazie amico.
il Russo ha detto…
Mi ha fatto male leggerlo una volta, due sarebbe masochismo.
luce ha detto…
Caro Marco, ho letto la storia di Gap, simile alla mia con marito in Gig in cerca di occupazione , io che non lavoro da 4 anni per scelta ( ho preferito crescere i miei bambini piuttosto che fare l'avvocato precario),la lotta giornaliera con le spese ma grazie a Dio luce e telefono possono ancora bastarmi per non essere scollegata con le cose che amo come le persone che ho avuto la fortuna di conoscere in questo mondo virtuale che sento vicino a me, il mutuo e la vita in generale ma ho ancora la voglia di vivere, di pensare che le cose miglioreranno, insegno ai miei bambini che non c'è disonore nel sacrificio e che domani è sempre un altro giorno e non è retorica,e chi mi conosce come te sachi non solo chiacchiere e distintivo ( consentimi la battuta)perchè anche con i miei quasi 40 anni continuo ad avere sogni e aspettative ottimistiche per il domani.
Grazie della tua sensibilità e della tua voglia di andare avanti.
un abbraccio grande
NADIA ha detto…
hola
...................
già letto da gap.....
un abbraccio!!!
stella ha detto…
Marco sei ammirevole, mi hai commossa...
Grazie!
Ho letto il suo post. Straziante. Purtroppo il rischio che qualcuno si arrenda in via definitiva esiste.

Per lottare ci vuole sempre (almeno quasi sempre) un filo di speranza. Se questa non c'é mai alla lunga...
natalibera ha detto…
Ciao Marco,ho letto e scritto due righe....
A te dico che per quanto comprenda il tuo stato d'animo (che spesso è anche il mio)....dobbiamo continuare ,nel nostro piccolo ,in tutte le forme che ci è possibile,a provare a modificare questo stato cose......
Un abbraccio...
Gap ha detto…
Scusa Sol, mi vido costretto a scrivere anche da te una precisazione.
NON TUTTI HANNO LETTO CHE IL MIO SCRITTO E' UNA DRAMMATIZZAZIONE CHE NON MI INVESTE, ALMENO PER IL MOMENTO.
RINGRAZIO DEGLI AUGURI E DELL'INCORAGGIAMENTO, PERO', PER SCARAMANZIA, TOCCO FERRO.
emanuela ha detto…
Ho letto il drammatico post di Gap, con ancora tanta voglia di combattere. Avanti!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…