Passa ai contenuti principali

LA STORIA DEVE INSEGNARE

Ieri Gap, nel suo post "Morire di fame in Italia " terminava con la domanda, che scuote innegabilmente le coscienze, di chi aiuterà quei tre milioni di poveri italiani.
Ho provato a cercare una risposta, in quel passato che dovrebbe essere sempre fonte di insegnamento, rispolverendo in questo modo quei valori positivi da usare come esempio.
Ho trovato una critica forte, da parte di chi non ha solo parlato, ma agito per il bene di questa Italia. E' una critica... ad una classe dirigente autodefinitasi di sinistra, anch'essa traditrice di quei valori.
Alcuni di voi, avranno già visto questi filmati, ma vi chiedo di rifarlo: aiutano a trovare ogni volta la speranza, la convinzone di trovarsi dalla parte giusta. Sono anche un incentivo, a migliorarsi. Il programma per salvare quei tre milioni di connazionali, credo sia in queste parole.



Un modo di pensare differente, anche nei confronti della stessa Unione Sovietica. Il comunismo, per i valori che professa, considerato religione del ventesimo secolo.



E poi, un ultimo ragguaglio, a chi portando avanti valori fascisti si considera patriota. Vergogna.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
In questo modo, so di attirare la vostra antipatia.
Ma se non avete visto i filmati, anche in circostanze differenti da questo blog e quindi non conoscete, per motivi che per carità rispetto, non lasciate un commento solo per farmi vedere che siete passati.
Tengo particolarmente al rispetto di quelle persone, e penso che decisamente non meritino un commento tanto per.
Grazie.
Naturalmente si accettano critiche e precisazioni utili a un dibattito costruttivo.
il Russo ha detto…
Ma sono solo io che non vedo il primo ed il terzo filmato?
il Russo ha detto…
E.C. adesso li vedo, come non detto!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Russo, grazie. Iniziavo a pensare che non interessasse a nessuno questo post.
Gap ha detto…
Non è che non interessa nessuno, ma che spesso non si trovano le parole. Vuoi perché non si riesce a mettere in moto le ali per volare alto, vuoi perché una certa emozione sale per le tue parole e per i video che hai messo. Continuiamo così, almeno la mattina, facendoci la barba, non ci sputeremo in faccia e andremo a dormire pieni di problemi ma con la coscienza pulita.
Resistiamo sempre e comunque.
amatamari© ha detto…
Ad un certo punto del terzo filmato le lacrime hanno iniziato a scendere - la storia, quella che so, che conosco dalle parole e testimonianze della mia famiglia, racconta questo.
E' parte della mia vita anche se l'ho conosciuta solo di riflesso, è parte della mia storia per cultura, status sociale, vicende personali.
Ed anche se la mia natura non mi ha mai spinto ad iscrivermi ad un partito so che non potrò mai tradire i principi che fino ad oggi mi hanno sostenuto e che vedo quotidianamente calpestati.
Il mio grazie sentito per questo tuo post.

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…