Passa ai contenuti principali

NON POSSO NON SCRIVERE DI QUESTO

Avevo detto che avrei tenuto il post precedente un paio di giorni: mi scuso, ma una notizia ha solcato i cieli e non posso non pubblicarla.

Moro: Usa volevano frantumare Pci
La conferma viene dagli archivi nazionali britannici
18 ottobre, 22:28


(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Un'operazione coperta per ''frantumare il Pci'' poco prima del rapimento Moro, tra il gennaio e il febbraio del '78. E'cio'che i 'falchi' dell'amministrazione Usa, guidata dal democratico Carter, proposero contro l'entrata del piu' grande partito comunista dell'Occidente, nell'area di governo in Italia. La conferma viene dalle carte inglesi di 'Kew Gardens',gli archivi nazionali desecretati a gennaio scorso,da oggi sul sito http://www.casarrubea.wordpress.com/.

Fonte Ansa a questo link:
Moro: Usa volevano frantumare Pci

Dopo una breve ricerca trovo questo video. A voi le conclusioni.




USA-Italia. Galloni a 'Next': Moro mi disse che sapeva di infiltrati CIA e Mossad nelle BR

"Non posso dimenticare un discorso con Moro poche settimane prima del suo rapimento: si discuteva delle BR, delle difficoltà di trovare i covi. E Moro mi disse: la mia preoccupazione è questa: che io so per certa la notizia che i servizi segreti sia americani che israeliani hanno infiltrati nelle BR ma noi non siamo stati avvertiti di questo, sennò i covi li avremmo trovati". Davanti alle telecamere di NEXT.

Consiglio la lettura completa dell'articolo a questo indirizzo: Rainews24.it

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Un po' di Storia, che forse trova scorci di verità.
Se volete diffondere, fate pure: la verità, deve essere conosciuta.
Pape Satan Aleppe ha detto…
Niente di nuovo, tutto sommato.
riri ha detto…
Grazie Marco, approfondirò la lettura completa nel pomeriggio, ora voglio solo farti un caro e fraterno saluto.
il Russo ha detto…
Venivamo visti sempre come gente che faceva fanta-politica, ora inizia tutto a venire a galla (come la merda d'altronde): infiltrati nei movimenti terroristici, trattative dello Stato con la mafia e chi più ne ha più ne metta.
Che bel Paese l'Italia, eh?
luce ha detto…
Carissimo,che ci fosse lo zampino degli americani, dai tempi di Gladio era più di un sospetto, ma adesso piano piano arrivando alla verità credo che alla fine si tornerà alla frase che io cito sempre per definire l'Italia ( allora rappresentata da Firenze ) scritta da Dante 7 secoli fa: " ...non donna di provincia, ma bordello" e del resto già la materia prima è arriuvata nelle stanze del Premier, ma mi sa che noi proprio italiani una dignità politica non ce l'abbiamo.
Per par condicio vorrei comunque segnalare i fondi russi al Pci,ma almeno quelli erano solo soldi non maipolazioni "democraticamente" corrette.
Un abbraccio affettuoso e grazie dell'autorizzazione a diffondere le cose di casa tua
Bruno ha detto…
inquietante.......
e confermiamo di essere oggi come all'ora un paese "pulito"
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Pape, quante volte ho visto ghigni di gente ignorante e arrogante, quando io andavo ad affermare queste cose.

Luce: se vuoi posso citarti libri che parlano dell'influenza "democratica" in Italia dal dopoguerra ad oggi.
Togliatti era uno dei leader che chiedeva maggior indipendenza dei partiti comunisti europei dall'Urss.
l'incarcerato ha detto…
Bravo Schiavi o Liberi sai benissimo che adoro quando leggo questi articoli.

Noi dobbiamo dirlo, se oggi abbiamo uno Stato completamente deviato e in mano alla criminlità organizzata il "merito" è della CIA.

Gli USA ci hanno colonizzato e, ricordiamolo, hanno fatto finta di liberarci dal fascismo perchè molti gerarchi sono stati salvati dai servizi segreti americani.

Tra cui Borgese e Gelli.

Ai vertici della Gladio,ad esempio, erano stati messi generali che facevano parte dell'OVRA.

Su Togliatti però ho i miei dubbi, ricordiamo che lui fu uno di querlli che serviva gli Stalinisti durante la guerra civile spagnola e fece fucilare numerosi anarchici Marco! E fu lui a promulgare quella famosa amnistia nei confronti dei fascisti, gli stessi che poi occuparono apparati importanti delle nostre istituzioni.
Vedrò con più calma i video, ma non mi stupisce certo questo fatto. Gli USA non hanno certo esitato a rovesciare anche Governi regolarmente eletti dal popolo (Cile di S.Allende per fare l'esempio più evidente) per cui.....
l'incarcerato ha detto…
ps e a proposito di infiltrati nelle BR, Moretti fu probabilmente uno di quelli.

Facciamoci caso, i fondatori delle Br come Curcio furono subito arrestati, gli altri avevano avuto vita più facile. Come mai?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Incarcerato, conosco tutto, purtroppo.
Trovi anche una bella critica all'operato del PC italiano di allora nel libro di Ginsborg:
Storia di Italia dal dopoguerra ad oggi. Consiglio di leggere.
Non dimentichiamoci però, come tu saprai, che anche in quel periodo eravamo controllati parecchio: Churcill si arrabbio con il CLN di Firenze, perchè i partigiani liberarono la città di sua spontanea volontà senza avvisare.
e ppoi potrei fare altri esempi che pubblicherò.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Daniele: la questione è sempre quella: bisogna parlarne perchè la maggior parte della gente fuori, quando spieghi queste cose non solo non ascolta, ma ti deride.
tommi ha detto…
la storia d'italia dal dopoguerra ad oggi è stata falsata dagli americani. da de gasperi fino ad andreotti. quindi questo documento, seppur eccezionale, non mi sorprende...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Il problema qui in Italia forse è proprio quello: che ormai non ci si sorprende più di nulla, eppure nessuno fa niente.
Siamo in 60 milioni di intellettuali radical chic.
Secondo me una notizia così, dovrebbe girare in tutti i canali di informazione: forse invece siamo solo io e l'Ansa ad averla pubblicata.
Ma vabbè... rimarrò l'eterno idealista che si incazza ancora, perchè la politica dei suoi connazionali, quando ancora neppure esisteva perchè nemmeno nato, già era alterata da intrighi internazionali.
l'incarcerato ha detto…
Hai ragione Marco, il vero dramma è che nessuno si sorprende più. Ad esempio sapere che ci sono ben trenta navi contenente materiale radioattivo affondate dalla 'ndrangheta nei mari della costa ionica non sorprende nessuno. Ci vogliamo rendere conto che fa più notizia sapere che Berlusconi è andato a puttane?

Che razza di popolo siamo?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Incarcerato, mi verrebbe da rispondere, ma risulterei volgare dandomi un tono da èlite che non merito e non mi piace.
la Volpe ha detto…
@schiavi

ti segnalo che il link che hai dato è sbagliato, il link corretto è

http://casarrubea.wordpress.com/

hai confuso word con world

non per fare il saputello eh, ma per aiutare!

e grazie dell'articolo, ovviamente ;)
Daniela ha detto…
L'America è un popolo che vive sugli altri popoli. Del resto noi glielo permettiamo. Che i vari Pc siano sempre stati visti come il diavolo, non è una novità e che l'America sia meglio infiltrata di qualsiasi virus nemmeno. Credo che il mondo in fonddi giri attorno a pochi uomini... ed altrettanti soliti interessi.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie la Volpe, allora era sbagliato anche sull'Ansa perchè io l'ho copiato tale e quale.
Grazie a te, correggo subito.
Silvia ha detto…
E quante altre cose ci hanno nascosto...
sirio ha detto…
E' dura da accettare questa realtà, il fatto è che è stata ( lo è ancora?) la realtà...
stella ha detto…
Marco, sto imparando...
Quando lavoravo, non avevo tempo di documentarmi sulla politica.
Grazie!
Alessandro Tauro ha detto…
Grazie per questa chicca Marco!
Ci aggiungo un vago ricordo di un articolo finito su Repubblica (tipo 923ma pagina) sulla pubblicazione dell'MI6 londinese su un incontro avvenuto in terra britannica tra servizi segreti italiani e londinesi (all'interno del piano Stay Behind - Gladio), con la presenza di Aldo Moro, e sullo scontro tra il leader DC e i servizi inglesi sui piani anti-comunisti per l'Italia.

Moro era a conoscenza in prima persona del piano Gladio, dei tentativi anglo-americani di opposizione all'entrata dei comunisti nel governo e dei rischi a cui stava andando incontro.

E sì... le BR. Che brave che erano nel loro lavoro... tutto da solo riuscivano a fare!
Anonimo ha detto…
Perche non:)

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…