Passa ai contenuti principali

TUTTI HANNO I DENTI, EPPURE NESSUNO SI LAMENTA

Tutti noi abbiamo i denti, questi splendidi "strumenti" utili per masticare il cibo e quindi molto importanti. All'età di circa sei anni spuntano i denti permanenti: da salvaguardare con molta attenzione perchè una volta caduti o tolti, sono definitivamente persi. Ognuno di noi penso abbia avuto problemi di tartaro, carie o altre cose spendendo dal dentista capitali.
Ora mi domando, se sia possibile che una cura odontoiatrica possa assorbire i soldi messi da parte in un anno di lavoro, quando rientra in un prestazione sanitaria. Chiedi delle cure attraverso il servizio sanitario nazionale, e puntualmente ti rispondono che ci sono delle liste d'attesa lunghissime, per cui conviene recarsi dal privato che "casualmente" c'è subito. Tu se hai mal di denti, naturalmente scegli la seconda ipotesi. Perchè questo? Come mai nessuno si lamenta? Poi è logico, che se hai le bollette, le assicurazioni varie o altre spese trascuri la tua salute dentale. Già non è molto invitante recarsi dal dentista, io lo odio, se poi ci smeni un capitale passa del tutto la voglia. E le indagini ISTAT a prendersi gioco di noi, comunicandoci la percentuale di italiani che non sarebbero in grado di onorare una spesa imprevista, come potrebbe essere una cura odontoiatrica. Grazie...ormai si viaggia a 70 euro solo per toglierlo il dente, figuriamoci fare altre cose. Io considero tutto ciò, l'esempio su cui riflettere nel caso si pensasse ad una sanità privata. Terribile: il povero in balia della malattia.
Noi tutti a scioperare per 100 euro in più in busta paga, legittimo, ma se privatizzano da tutte le altre parti, cosa ci facciamo con quei 100 euro? Da una parte danno, e dall'altra tolgono con gli interessi.
Chi salvaguarda uno stato sociale in declino, unico stumento per garantire un minimo di parità sociale? Che poi, è un modo per dare sicurezza: se sai di essere in un qualche modo protetto, non ti senti in balia della giungla e carne da macello per il più forte.
Il dentista è solo un esempio; potrei dire tante altre cose.
Un' altra che mi viene in mente, è lo sciopero contro l'inflazione: tassa che grava su tutti e corrode i redditi medio bassi dei lavoratori dipendenti. La crisi ci ha dimostrato, che possono controllarla a loro piacimento e questo vuol dire, che a libero arbitrio possono decidere di calare il tuo potere d'acquisto e impoverirti. Anche qui, si potrebbe fare in modo che il comune stipuli un contratto con il fornaio del paese, per avere pane e pasta ad un euro al KG.
Ma niente, non scioperiamo più per modi di vita alternativi, ma sfidandoli nel loro campo dove ci massacrano: quello del denaro e dell'isolamento delle persone. Barattiamo diritti e protezione sociale, per qualche centinaio di euro. La cosa preoccupante, è che il ceto medio basso non chiede più di far pagare le tasse ai più ricchi o agli evasori, ma chiede esso stesso di non pagarle, con la solita scusa che tanto lo stato fa schifo. Bene, io ringrazio, perchè queste critiche distruttive senza dare alternative, equivalgono a tirarsi la zappa sui piedi ed arricchire i già ricchi. Se mi tolgono 80 euro di ICI, e poi il comune mi nasconde l'Autovelox perchè ha bisogno di fondi e prendo 150 euro di multa, cosa ci ho guadagnato? Ma già, qui in Italia tutti hanno un conto in Svizzera, e quindi beneficeranno dello scudo fiscale. Porco cane, solo io sono povero allora?

Commenti

Alessandro Tauro ha detto…
Non commento, mi permetto solo un vigoroso battere di mani!
il Russo ha detto…
No, siamo in due.
E te lo dice un fumatore incallito che ogni sei mesi, ogni volta che va a fare una semplice detartrasi dal dentista, maledice i dentisti ed il loro "con o senza fattura?", uno scudo fiscale costretto da noi mandicchi ad accettare da secoli per risparmiare 10 mentre loro evadono 50....
stella ha detto…
Caro Marco...quanto hai ragione!!!
Rouge ha detto…
"Chi salvaguarda uno stato sociale in declino, unico stumento per garantire un minimo di parità sociale?"
Bella domanda.
Bruno ha detto…
è una cosa che sappiamo tutti, anche il fisco ... si vede che deve girare cosi..probabilmente per vendere barche e ville lussuose occorre fare cio'
cosimo ha detto…
domanda 1: perchè lo stato non garantisce le spese dentistiche? perchè costa troppo e le spese dentistiche non sono una probabilità (come l'appendicite o l'ictus) ma una certezza. Per cui è + efficente se ciascuno si arrangia da sè senza foraggiare tutta la struttura burocratica della sanità pubblica

domanda 2: perchè i dentisti non fanno la fattura? e tu perchè non vai da un dentista che la fattura la fa sempre senza domandare? ce ne sono un sacco ...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Cosimo, allora anche il tumore ormai sta diventando una certezza, privatizziamo anche queste cure?
Bastian Cuntrari ha detto…
Bene, bravo, bis!
Noi paghiamo 80 euro a cranio (con fattura) solo per la pulizia dei denti!
Un'altra casta da abbattere?
La Mente Persa ha detto…
Carissimo,
Lo Stato difende gli evasori perché sono suoi amici, sai, quelli a cui promettere favori in cambio di voti o quelli che se persegui ti rompono le scatole perché sono potenti.
Questa è il nostro paese mafioso.
Non stanchiamoci mai di sensibilizzare sull'argomento...
Gap ha detto…
Per mia madre che prende 650€ di pensione non abbiamo pagato il ticket ma 380€ di materiali al servizio sanitario nazionale, che cos'è una presa per il culo o altro?
Anonimo ha detto…
It is my first post here, so I would like to say hallo to all of you! It is definitely amusement to be adjacent to your community!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…