Passa ai contenuti principali

SOLO PER LORO

E così ritorno a scrivere con lo stato d'animo abbastanza barcollante. Si oscilla fra una frenesia inconcludente e l'abulia paralizzante. E' un periodo particolare, in cui ti capita di prendere in mano un libro per capire dopo un'ora, che stai leggendo sempre le tre stesse righe. Oppure ti ritrovi coricato sul letto a fissare immobile come un cadavere il soffitto, o affacciato alla finestra con lo sguardo perso su una strada completamente deserta, che proprio come te non ha nulla da dire. Per un po', ho balenato l'idea di chiudere con tutto: il blog, la politica e le varie incazzature utili solo a logorare il mio già eccessivamente sollecitato fegato. Non perchè non ci creda per carità, ma nella vita purtroppo vieni travolto da cose alle quali ti senti veramente impotente, e che sono immensamente più importanti di tutto il resto. Per ora è una navigazione a vista: provo a resistere traendo la forza proprio da quella situazione che fa barcollare ogni mia certezza. E poi, il ruolo della vittima non mi piace.
In questi giorni, ho subito l'intervento al ginocchio. Durante le notti insonni all'ospedale, per fortuna sono state solo due, mentre vedevo trascorrere le ore pregando arrivasse l'alba ho ripensato a tante cose: al mio impegno politico, alla decadenza morale del paese e a cosa voglia dire essere di sinistra o più comunista. Spesse volte mi soffermo su questa cosa: il significato di essere comunista. Vedendo la situazione che mi circonda, a volte sembra che etichettarsi sostituisca la vera natura dell'essere. A forza di autodefinirsi di sinistra, si corre il rischio di diventare qualcosa d'altro senza accorgersene. E' fondamentale questo, perchè prima di pensare a Berlusconi, dobbiamo estirpare il Berlusconi che è presente in ognuno di noi. E' inutile, non penso di far parte di una crociata del bene contro il male: anche in chi si definisce sinistrorso, è sempre necessaria una sana autocritica con un po' di umiltà, e meno presunzione di conseguenza.
Ho anche biasimato però, una classe dirigente che con il suo comportamento, ha tradito tutte le persone che credevano in un cambiamento.
Poi ho pensato con un filo di speranza che le cose cambiano: siamo dinanzi ad una crisi economica strutturale e non ciclica, che rimette in discussione tutto e può porre le condizioni per uscire da questo sistema fondato sulla dittatura finanziaria. Bisogna crederci, senza aver paura del futuro.
Mentre scrivo poi, esce la notizia che la Consulta boccia il "Lodo Alfano".
Il mio grazie qui, non va all'Italia degenerata di oggi, ma a quei padri della Repubblica che con la stesura di quel testo chiamato Costituzione, fantascientifico ancora oggi , hanno permesso il risultato di oggi.
Per loro, per l'esempio di rispetto dei valori repubblicani e democratici di quelle persone, oggi è un dovere andare avanti e crederci.
Le cose possono cambiare, e la Storia non è finita.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI ha detto…
E anche per gli amici che condividono questa esperienza, basandosi su quei valori.
Gap ha detto…
Occorre alzare il livello di guardia, di attenzione. Sono imprevedibili e rancorosi. Non mi fido.
Resistere sempre e comunque.
Leonardo ha detto…
Ognuno di noi pensa un base alle proprie convinzioni, a ciò che fa e a ciò che vede fare.
La consulta ha fatto la cosa giusta, ed è stata immediatamente tacciata di "sentenza politica" me ntre la realtà è per fortuna ben altra, e cioè è stato fatto riferimento alla Costituzione.
PUNTO !

Ciao, buona serata e auguri di pronto ristabilimento!
Bruno ha detto…
non bisogna mai mollare, soprattutto nei periodi bui .....
desaparecida ha detto…
beh...lo ammetto (ma si sa che io sono ingenua) che uscisse fuori di testa così non me lo aspettavo.
E poi...la rabbia che ho dentro per il suo essere così spregevole con le donne,con le persone,mi spinge si a resistere....quasi ad ogni costo.

un bacio

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…