Passa ai contenuti principali

SOLO PER LORO

E così ritorno a scrivere con lo stato d'animo abbastanza barcollante. Si oscilla fra una frenesia inconcludente e l'abulia paralizzante. E' un periodo particolare, in cui ti capita di prendere in mano un libro per capire dopo un'ora, che stai leggendo sempre le tre stesse righe. Oppure ti ritrovi coricato sul letto a fissare immobile come un cadavere il soffitto, o affacciato alla finestra con lo sguardo perso su una strada completamente deserta, che proprio come te non ha nulla da dire. Per un po', ho balenato l'idea di chiudere con tutto: il blog, la politica e le varie incazzature utili solo a logorare il mio già eccessivamente sollecitato fegato. Non perchè non ci creda per carità, ma nella vita purtroppo vieni travolto da cose alle quali ti senti veramente impotente, e che sono immensamente più importanti di tutto il resto. Per ora è una navigazione a vista: provo a resistere traendo la forza proprio da quella situazione che fa barcollare ogni mia certezza. E poi, il ruolo della vittima non mi piace.
In questi giorni, ho subito l'intervento al ginocchio. Durante le notti insonni all'ospedale, per fortuna sono state solo due, mentre vedevo trascorrere le ore pregando arrivasse l'alba ho ripensato a tante cose: al mio impegno politico, alla decadenza morale del paese e a cosa voglia dire essere di sinistra o più comunista. Spesse volte mi soffermo su questa cosa: il significato di essere comunista. Vedendo la situazione che mi circonda, a volte sembra che etichettarsi sostituisca la vera natura dell'essere. A forza di autodefinirsi di sinistra, si corre il rischio di diventare qualcosa d'altro senza accorgersene. E' fondamentale questo, perchè prima di pensare a Berlusconi, dobbiamo estirpare il Berlusconi che è presente in ognuno di noi. E' inutile, non penso di far parte di una crociata del bene contro il male: anche in chi si definisce sinistrorso, è sempre necessaria una sana autocritica con un po' di umiltà, e meno presunzione di conseguenza.
Ho anche biasimato però, una classe dirigente che con il suo comportamento, ha tradito tutte le persone che credevano in un cambiamento.
Poi ho pensato con un filo di speranza che le cose cambiano: siamo dinanzi ad una crisi economica strutturale e non ciclica, che rimette in discussione tutto e può porre le condizioni per uscire da questo sistema fondato sulla dittatura finanziaria. Bisogna crederci, senza aver paura del futuro.
Mentre scrivo poi, esce la notizia che la Consulta boccia il "Lodo Alfano".
Il mio grazie qui, non va all'Italia degenerata di oggi, ma a quei padri della Repubblica che con la stesura di quel testo chiamato Costituzione, fantascientifico ancora oggi , hanno permesso il risultato di oggi.
Per loro, per l'esempio di rispetto dei valori repubblicani e democratici di quelle persone, oggi è un dovere andare avanti e crederci.
Le cose possono cambiare, e la Storia non è finita.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
E anche per gli amici che condividono questa esperienza, basandosi su quei valori.
Gap ha detto…
Occorre alzare il livello di guardia, di attenzione. Sono imprevedibili e rancorosi. Non mi fido.
Resistere sempre e comunque.
sirio ha detto…
Ognuno di noi pensa un base alle proprie convinzioni, a ciò che fa e a ciò che vede fare.
La consulta ha fatto la cosa giusta, ed è stata immediatamente tacciata di "sentenza politica" me ntre la realtà è per fortuna ben altra, e cioè è stato fatto riferimento alla Costituzione.
PUNTO !

Ciao, buona serata e auguri di pronto ristabilimento!
Bruno ha detto…
non bisogna mai mollare, soprattutto nei periodi bui .....
desaparecida ha detto…
beh...lo ammetto (ma si sa che io sono ingenua) che uscisse fuori di testa così non me lo aspettavo.
E poi...la rabbia che ho dentro per il suo essere così spregevole con le donne,con le persone,mi spinge si a resistere....quasi ad ogni costo.

un bacio

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…