Passa ai contenuti principali

CRISI ALIMENTARE

Le cose da dire, commentare, come al solito sono tante. Ma siccome quella della crisi alimentare è un problema che fa tremare anche il cielo di rabbia, pubblico questo articolo che spiega le cause e chi in ogni caso ne trae guadagno. Ricordo che anche l' Onu lo definisce un crimine contro l'umanità .

Ecco chi è lo straniero per me , l' extracomunitario. Chi per profitto, è la principale causa di morte, per milioni di persone.

LE MULTINAZIONALI GUADAGNANO MILIARDI GRAZIE ALLA CRESCENTE CRISI ALIMENTARE

Gli speculatori sono accusati di far alzare i prezzi dei cibi fondamentali mentre 100 milioni di persone affrontano una grave carenza di ciboThe Independent on Sunday può rivelare che i giganti del business agricolo stanno ricavando guadagni e profitti sempre crescenti dalla crisi alimentare mondiale che sta portando milioni di persone verso la morte per fame. E la speculazione sta aiutando a portare i prezzi degli alimenti base fuori dalla portata degli affamati. I prezzi di grano, mais e riso si sono impennati durante l'ultimo anno portando i poveri -- che già spendono circa l'80% del loro reddito per il cibo -- alla fame e all'inedia. La Banca mondiale afferma che altri 100 milioni di persone stanno affrontando una grave crisi alimentare. Eppure alcune delle più ricche aziende alimentari mondiali stanno realizzando profitti da record. Lo scorso mese la Monsanto ha riferito che il suo guadagno netto per gli ultimi tre mesi sino alla fine di febbraio di quest'anno è più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo del 2007, da $ 543 milioni a $ 1,12 miliardi. I suoi incassi sono aumentati da $ 1,44 miliardi a $ 2,22 miliardi. I guadagni netti della Cargill sono cresciuti dell'86% da $ 553 milioni a $ 1,03 miliardi per gli stessi tre mesi. E la Archer Daniels Midland, uno dei più grandi lavoratori agricoli di soglia, mais e grano, ha incrementato i suoi guadagni netti del 42% nei primi tre mesi di quest'anno da $ 363 milioni a $ 517 milioni. I profitti di esercizio per la commercializzazione e le operazioni di gestione delle granaglie si sono moltiplicati 16 volte da $ 21 milioni a $ 341 milioni. In modo simile, la Mosaic Company, una delle più grandi aziende di fertilizzanti al mondo, ha visto crescere di più di 12 volte i suoi introiti per i tre mesi precedenti al 29 febbraio: da $ 42,2 milioni a $ 520,8 milioni a seguito di una carenza di fertilizzanti. I prezzi di alcuni tipi di fertilizzanti si sono più che triplicati durante l'ultimo anno dato che la domanda ha sorpassato l'offerta. Come risultato, i piani per incrementare i raccolti nei paesi in via di sviluppo sono stati duramente colpiti. La Food and Agriculture Organisation (FAO) riferisce che 37 paesi in via di sviluppo hanno urgente bisogno di cibo. Sommosse per il cibo stanno scoppiando in tutto il globo, dal Bangladesh al Burkina Faso, dalla Cina al Camerun e dall’Uzbekistan agli Emirati Arabi Uniti. Benedict Southworth, direttore dello World Development Movement, la scorsa settimana ha definito “immorale” l'escalation di introiti e profitti. Egli ha detto che i compensi degli aumenti del prezzo del cibo vengono trattenuti dalle grandi aziende e non raggiungono gli agricoltori del mondo in via di sviluppo. I crescenti prezzi di cibo e fertilizzanti provengono principalmente dall'aumento della domanda. Esso è stato in parte causato dal boom dei biocarburanti, che richiedono grandi quantità di grano, ma ancora di più dall'aumentata richiesta di carne, specialmente in India e Cina: ad esempio, la produzione di una libbra di carne in uno stabilimento industriale richiede 7 libbre di grano.
Le riserve mondiali di cibo ai minimi storici, bandi sull'esportazione e la siccità in Australia hanno contribuito alla crisi, ma gli esperti accusano anche la speculazione. Il professor Bob Watson--scienziato capo del Department for Environment, Food and Rural Affairs [Dipartimento per l'Ambiente, per il Cibo e le Questioni Agricole], che ha guidato l'enorme International Assessment of Agricultural Science and Technology for Development [“valutazione internazionale di scienza e tecnologia agricola per lo sviluppo”]-- la scorsa settimana ha identificato la speculazione come un fattore. Gli investimenti borsistici su grano e carne sono aumentati di quasi cinque volte sino a $ 47 miliardi negli scorsi anni, conclude AgResource Co, uno studio di ricerche con base a Chicago. E la ufficiale US Commodity Futures Trading Commission [“Commissione Usa sul commercio di Futures riguardanti i beni”] ha tenuto delle riunioni speciali a Washington due settimane fa per esaminare quanto gli speculatori stiano aiutando spingere in alto i prezzi del cibo. La Cargill afferma che i suoi risultati “riflettono l'effetto cumulativo di aver investito più di $ 18 miliardi in capitale fisso e lavoro negli scorsi sette anni per espandere i nostri stabilimenti, le capacità di servizio e la conoscenza in tutto il mondo”. Le rivelazioni sono destinate ad aumentare la rabbia contro le aziende multinazionali dopo la rivelazione della scorsa settimana che la Shell e la BP insieme hanno registrato profitti per 14 miliardi di sterline nei primi tre mesi dell'anno--l'equivalente di 3 milioni di sterline l’ora--grazie alla crescita dei prezzi del petrolio. La Shell ha immediatamente attratto condanne ancora maggiori annunciando il suo ritiro dei piani di costruzione della più grande centrale eolica al mondo al largo della costa del Kent. I leader mondiali si dovranno incontrare il mese prossimo ad un summit speciale sulla crisi alimentare, ed essa sarà in cima all'agenda dell'incontro del G8 dei paesi più ricchi al mondo ad Hokkaido, Giappone, a luglio.
Fonte: www.independent.co.uk
A questo Link la versione in inglese.

Commenti

Nicole ha detto…
beh, non necessita di commenti. prendiamo atto, per ora. che possiamo fare più che indegnarci?
non possiamo arrivare così in alto da soli purtroppo
il Russo ha detto…
Fai bene a parlarne, avevo già affrontato l'argomento ma la sensazione é che si vada allegramente verso l'orlo del burrone a tutta velocità ma le ricette (nostrane) parlano di detassazione degli straordinari e aumento della produttività: più aumentano i battiti del cuore più si corre, fino al collasso.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Nicole, l' importante è diffondere consapevolezza. Certe persone non sanno nemmeno che c' è una crisi alimentare. Dal canto nostro, possiamo iniziare a ridurre i consumi. Ritrovare un minimo di austerità.
Il russo, grazie per la vicinanza. E' vero, si dovrebbe cambiare direzione ma nessuno sembra volerlo. Il sistema è comunque in forte crisi.E anche questi nuovi deliri lo dimostrano.
l'incarcerato ha detto…
Ma infatti vogliamo dire che il cibo c'è? Vogliamo dire che il problema è che costa troppo e la gente del terzo mondo non ha soldi per comprarlo? Quanto cibo rimane dentro i magazzini? Vi ricordate quanto grano è stato bruciato in america appositamente? E quindi vogliamo dire che i cibi geneticamente modificati non servono a nulla? Servono solo alle multinazionali come la criminale Monsanto?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Ricordo tutto incarcerato. Purtroppo siamo in mano a delinquenti.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…