Passa ai contenuti principali

IPOCRISIA DI FONDO O PAURA DELLA VERITA'?

C'è un politico in Italia che fonda il suo successo sulla violenza dell' insulto - preferibilmente verso chi non può difendersi - e sull'urlo mediatico sguaiato che riesce a mandare in onda. Questo politico si chiama Vittorio Sgarbi. Ce n'è un altro – stavolta fondatore e segretario di un partito vincente e prossimo ministro - che si gloria di straparlare di fucili padani e pallottole per i magistrati. Si chiama Umberto Bossi. Entrambi da decenni hanno libero accesso su tutte le tv d'Italia e in parlamento. Il primo si trovava all'ultima puntata di Anno zero. C'è un manipolo (definizione dell'antica Roma) di politici di successo che ritengono l'improperio violento lo strumento privilegiato del loro “messaggio”. La vicenda Petruccioli-Santoro-Grillo viene ben ultima. L'insulto di Grillo a Veronesi e l'improprio accenno al presidente della repubblica sono stati del tutto inopportuni. Questi insulti, conosciuti da sette giorni dai lettori dei quotidiani, hanno urtato la suscettibilità del presidente della Rai. Il quale però è restato del tutto indifferente al putiferio di urla, insulti e irrisioni che Sgarbi ha scatenato durante tutta la trasmissione, a vivi e morti. Quelli non lo umiliano. E non lo umilia il livello offensivo raggiunto da gran parte dei programmi tv, specie del cosiddetto intrattenimento. Avremmo noi un rimprovero per Anno zero e per Santoro, perché mai invitare l'urlatore Sgarbi? Ma questo, chissà perché, sembra non abbia umiliato nessuno. Fonte: MEGACHIP
Il linguaggio usato da Grillo, è sicuramente volgare e può non essere considerato adatto ad una rete pubblica. In ugual misura però, deve essere considerato inadatto Sgarbi. Anche se, visto il livello culturale raggiunto dalla televisione, mi sembra un po' ridicolo sminuire il problema alla sola puntata di Anno Zero.

Commenti

il Russo ha detto…
Sai, oltre al tono da bettola usato da Sgarbi (ma dove sarà tutta sta cazzo d'intelligenza, boh!) cosa mi ha infastidito? Il fatto che lui sparava falsità (es. il Giornale non prende soldi dal finanziamento pubblico, Biagi ha scritto un libro su Romiti), provava a sostenerle alzando la voce ed insultanto tutto e tutti e quando veniva sbugiardato prove alla mano passava tranquillamente alla calunnia successiva.
Una constatazione, premetto che quella non era casa di Santoro, ma se io invitassi a casa mia uno ed inizia ad insultare così tutti gli altri ospiti, alla prima lo fulmino con lo sguardo, alla seconda lo invito a contenersi e chiedere scusa, alla terza volta che lo fa gli tiro una testata in mezzo agli occhi...
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Ha dato fastidio anche a me. Il fatto, a mio avviso, è che si rendono conto che in televisione, non importa quello che dici ma come lo dici. Tanto qualche ignorante abbocca sempre!Certo che Sgarbi è abituato a figure del genere.
il Russo ha detto…
Poi però leggo una cosa del genere e mi cadono le palle, leggi qua
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Infatti mi sono chiesto anch'io del perchè abbia invitato Sgarbi. Tutto questo, dà in ogni caso, la conferma del basso livello raggiunto dalla televisione.
Alex ha detto…
Il personaggio Grillo non è per nulla paragonabile al personaggio Sgarbi.

Il primo usa toni forti per ironizzare, per fare satira, per colpire la gente che purtroppo ancora non viene informata su molte cose. Il secondo grida per riempire le sue tesi vuote.
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Grazie della visita Alex. Certo che non sono paeragonabili. Ciao

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…