Passa ai contenuti principali

LETTERA A GRILLO

Caro Beppe grillo, io sono un cittadino che fortunatamente, è riuscito a sviluppare un forte senso critico. Ieri leggevo delle dichiarazioni riguardo il provvedimento del governo sui rifiuti. Tra le varie, una in particolare mi ha colpito. E' tratta da Rainews24:

E sull'emergenza dei rifiuti torna a parlare anche il leader dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, che si dice propenso ad appoggiare le scelte del governo: "Piaccia o non piaccia i rifiuti a Napoli, in Campania e dovunque si trovino, bisogna smaltirli. Ecco perché noi dell'Italia dei Valori dobbiamo appoggiare la scelta del governo di fare pulizia nel senso tecnico del termine al comune di Napoli".

Ma come, non era il candidato da lei scelto? Lei che pare essere così tanto contro il sistema, gli inceneritori, e questa politica di devastazione ambientale. La cosa mi sembra poco chiara. Anche quando dice di voler difendere a tutti i costi il soldato Travaglio è in parte incoerente. Travaglio è un ottimo giornalista, anche se con i termini di paragone che abbiamo non ci vuole molto a emergere, ma non è contro il sistema economico. Lui stesso dice che i ricchi rubano, e poi appoggia il liberismo che è la più grande truffa che l'uomo posa perpetrare sull' uomo, e la principale causa della devastazione ambientale. Chiedo un po' più di coerenza. Almeno che lei non sia come quegli imprenditori , che da un lato chiedono la riduzione della spesa pubblica, e dall'altro, maggiori infrastrutture. E con che soldi le facciamo, coi soldi da destinare agli ospedali? Io tra una strada, e la sanità garantita, senza dubbio preferisco la seconda ipotesi. O altrimenti quando tuonano dai loro palchi, la solita frase: " Meno stato nell' economia!" Vedo però, che le varie agevolazioni statali come l'ultimo cuneo fiscale, non le hanno rimandate al mittente. Anzi... sono pronti a chiedere ancora con la scusa che è l'azienda al centro del mercato. Mi piacerebbe vedere, se non lavorasse nessuno, cosa se ne farebbero delle loro aziende. Maaa..
Le chiedo una spiegazione perchè penso, che per combattere questo stato di cose, serva maggiore coerenza. Non conta molto sbraitare da un palco, anche cose giuste e condivisibili, e poi chiedere alle persone di non votare o farlo per chi appoggia, anche pensieri opposti. Così, penso si favorisca solo quella classe di potere, che ha tutto l' interesse nel mantenere il cittadino disinteressato alla vita pubblica. Attenzione non sono solo i politici, ma soprattutto i manovratori economici, quelli che hanno in mano le leve del potere economico e che io definisco la prima casta. La prego di darmi delle spiegazioni perchè a dire il vero, inizio ad avere dei tentennamenti sull' effetiva onestà del suo operato. A mio personalissimo giudizio, sembra più un lavoro, per dare ai cittadini almeno la possibilità di sfogarsi facendo però in modo, che tutto resti invariato. In attesa di risposta le porgo cordiali saluti.

Commenti

l'incarcerato ha detto…
Anche io prima stimavo Grillo, poi ho cominciato a d avere qualche dubbio quando faceva battute non troppo felici sugli stranieri, poi mi aveva convinto di non andare a votare e avevo fatto un post per dire che avevo sbagliato. Mi aspettavo che Grillo si scusasse e invece era felicissimo che la sinistra è scomparsa dal parlamento. Di Pietro?

Lui è di destra, è evidente.
La peggiore perchè abbina il liberismo con la repressione!

Magari ti risponderà Grillo!
l'incarcerato ha detto…
ps LA MANIFESTAZIONE E' SPOSTATA ALL'8 GIUGNO.
Nicole ha detto…
condivido le tue perplessità, appieno. anche lui contribuisce a farci credere di avere libertà... e invece...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Incarcerato, grazie per l'informazione. il fenomeno Grillo è da studiare.
Nicole: e invece non lo siamo.
Imagine ha detto…
per me grillo è stato utile.. perchè mi ha aiutato a far nascere un senso critico importante, che poi inevitabilmente, e com'è giusto che sia, si è riversato anche su di lui... per quello è importante secondo me
il Russo ha detto…
Grillo dice ed ha detto cose vere e giuste ed in più è un gran affabulatore, ma se contiamo tutte le incoerenze nelle quali é incespica si ammoscia come un sufflè mal cacato.
I seguaci più intelligenti del Grillo pensiero iniziano ad ammetterlo fra i denti, i grillotalebani se osi criticarlo nella migliore delle ipotesi ti boicottano, nella media attaccano le tue idee senza entrare nel merito nella peggiore (e capita sempre più spesso) si affidano alle malattie che hai, all'età anagrafica ecc.
Non riesco a capire perchè non si possa dire: Grillo é un demagogo, a volte dice cose giuste a volte stronzate che neanche la casalinga di Voghera, indi per cui prenderlo sempre e comunque seriamente vuol dire fare un torto alla propria ed altrui intelligenza.
Silvia ha detto…
Sì, anch'io fino a qualche tempo fa prendevo per oro colato quanto detto da Grillo... ma devo dire che oggi sono più cauta e soprattutto perplessa in merito alle sue enunciazioni. Penso che sia arrivato talmente al punto di credere così tanto al suo stesso personaggio... da diventarne, egli stesso, schiavo...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Imagine, penso che l'importante sia non affidarsi mai completamente a una persona. Bisogna non perdere il proprio senso critico.

Russo per me lo puoi benissimo dire che è un demagogo.

Silvia, hai ragione. A quel livello si rischia di diventare schiavi della propria celebrità.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…