Passa ai contenuti principali

ITALIETTA

Sopra un po' di ironia con Crozza e la nostra volontà di perseguitare POVERI CRISTI.
Times: Italia razzista e xenofoba sotto il governo di centrodestra? È la domanda che si pone oggi il Times in un reportage da Roma di due pagine dal titolo «La politica della paura». Il Times racconta ai lettori come «gli immigrati in Italia sono sotto l'attacco di una destra risorgente e anche di una massa popolare di vigilantes». Il quotidiano londinese dà spazio a dichiarazioni molto preoccupate di stranieri che si sentono «trattati come criminali» e in genere addossano al governo Berlusconi e all'elezione di Alemanno a sindaco di Roma la responsabilità per la situazione di incertezza e pericolo in cui si sentono. 1

Inoltre, quello che è successo ieri a Milano è la riprova della deriva razzista che ormai attanaglia l' italia ( la minuscola è voluta) dei giorni nostri.
Adesso, e non solo da adesso, sui mezzi pubblici fanno retate di puro razzismo. Telefonano all'azienda pubblica, comunicano l'intenzione di arrestarne alcuni in flagranza di reato (chi è senza biglietto, chi è senza documenti), si utilizza un autobus con i finestrini sbarrati e ci si apposta alle fermate con gli agenti più determinati, tipo mascella volitiva, occhiali scuri, cappelletto e manganello. 2 E' questa la sicurezza? Con 4 Regioni in mano alle mafie, noi ci preoccupiamo di arrestare 4 poveracci che non hanno neppure i soldi per pagarsi un biglietto. Che schifo! Leggevo ieri la notizia, a questo punto confortante, che vede Bush inserire la 'ndrangheta nella lista nera del narcotraffico . Cioè, se lo ha capito lui, noi siamo veramente su un altro pianeta. Cari italiani, forse sarebbe ora di svegliarsi, di prendere coscienza della realtà, di conoscerla, altrimenti il rischio, ormai appurato, è di vivere con la paura "dell' uomo nero", quello che si racconta ai bambini per fargli fare i bravi. Questo provvedimento "sulla sicurezza", non è altro che l'ennesimo modo per ingolfare una giustizia già sanguinante. Per fare entrare in carcere i poveracci e distrarre da chi ruba miliardi sulla pelle dei più poveri. Cosa bisogna fare per svegliarvi? cosa? Che mestizia...

1 e 2 Notizie tratte dal manifesto

Commenti

l'incarcerato ha detto…
Abbiamo quasi toccato il fondo, non ci resta che risalire. Ma se rimaniamo indifferenti a tutto questo penso che il peggio dovrà ancora venire. Ti ricordi che avevo scritto un post sulla vergognosa ronda cittadina contro i transessuali? Ultimamente i Tg non fanno altro che parlarne, ma per aumentare ancora di più la tensione. Cosa c'è dietro tutto questo? Dove si vuole arrivare?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Si incarcerato ricordo il tuo ottimo post. Secondo me, è perchè il capitalismo in forte crisi ha bisogno di sempre più violenza per poter sopravvivere. O più semplicemente, chi ha in mano il potere ( quello vero e non politico) testa fino a che punto siamo in grado di farci la guerra tra poveri.
Silvia ha detto…
"Con 4 Regioni in mano alle mafie, noi ci preoccupiamo di arrestare 4 poveracci che non hanno neppure i soldi per pagarsi un biglietto", già! Peccato che le mafie in questione siano le migliori amiche/alleate dei piani alti... perciò è ovvio che le preservano e le coprano... per prendersela, piuttosto, con i poveracci senza biglietto! Molto più facile, no? Ahhh, tutto questo farneticare sulla sicurezza è solo per giustificare la propria grettezza/intolleranza, nulla più! Hai ragione, dovremmo smettere di raccontarci le favolette sull'uomo nero... e renderci conto che l'uomo nero in questione non appartiene a una sola nazionalità - come alcuni vorrebbero farci credere - ma si trova dovunque... anche e soprattutto tra i nostri compatrioti...

Cosa dobbiamo fare per svegliarci?? Iniziare ad usare il cervello, a farlo funzionare e a raschiare quel briciolo di buonsenso che ancora ci resta!
bradipa ribelle ha detto…
hai ragione, si pensa a condannare il rom o l'immigrato di turno che riìuba il portafoglio, ma poi coloro che sono condannati per reati finanziari sono tranquillissimi e liberissimi di governare...
..al posto di combattere le mafie, combattiamo chi non ha il pane per mangiare... mah
il Russo ha detto…
Particolarmente in ritardo, giornate dure fidati, eccomi a far la mia solita visitina.
Stamane sentivo su Radio Popolare una sciura milanese che, colpevole di aver adottato una ventina quindicina d'anni fa due bambini provenienti dall'Africa, si trova ora a sentir le loro raccapriccianti storie di stranieri nel loro paese (hanno logicamente passaporto italiano) che vengono additati sul bus e nella metro.
Che pena...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Silvia; purtroppo è vero il sistema è retto sulle mafie, hai ragione! Usare il cervello sarebbe un buon modo per uscire da tutto ciò ma dipende sempre dalla volontà , da parte delle persone, di cambiare.

Bradipa; benvenuta nel blog! le cose che dici, sono sempre più incomprensibile anche a me.

Russo; quello che hai sentito misura veramente il grado di ignoranza raggiunto. Proprio... che pena!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…