Passa ai contenuti principali

VI RINGRAZIO

Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo
Articolo 1
Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.

Articolo 3
Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciati nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione.
Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico o internazionale del Paese o del territorio cui una persona appartiene, sia che tale Paese o territorio sia indipendente, o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi altra limitazione di sovranità.

Articolo 25
Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all'alimentazione, al vestiario, all'abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari, ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità vedovanza, vecchiaia o in ogni altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà.
La maternità e l'infanzia hanno diritto a speciali cure ed assistenza. Tutti i bambini, nati nel matrimonio o fuori di esso, devono godere della stessa protezione sociale.

Ringraziando il Russo per questo suo post :INACCETTABILE: VERGOGNA PD! , colgo l' occasione per dare una strigliata a quegli amici, che deridevano il mio pensiero quando dicevo che votare PD era come votare una destra. Ora che il dado è tratto, voglio fornire più prove possibili di quanto siete stati coglioni nel farvi abbindolare dalla propaganda mediatica. Inoltre voglio ringraziare quei "compagni", che per paura di Berlusconi hanno scelto il cosidetto voto utile. Bravi, così oltre ad aver perso, non c' è più nemmeno la sinistra in parlamento. Anche se dall'esito di queste elezioni, nè trarrò sicuramente svantaggio, quasi quasi provo piacere nel sapere che il vostro voto utile non è bastato a farvi vincere. Mi dispiace solo per quelle persone, come ad esempio gli amici blogger, che non si meritano di vivere in un paese del genere. Mi chiedo solo come fate ad essere così ciechi. A me, anche con la storia del voto utile, è apparso subito evidente che si voleva creare una situazione, in cui due partiti ottenessero il massimo potere decisionale. Di fatto i programmi erano uguali. Poi, potrò sembrare ideologico o antico, ma come si fa a mettere sullo stesso piano imprenditori e operai, sfruttati e sfruttatori? Per essere di sinistra, non basta candidare un operaio. Soprattutto se poi, si candidano figli di imprenditori con la solita solfa del " ma anche" e della concertazione. Anche Veltroni in un intervista a el pais dice: siamo riformisti non di sinistra. Neanche a dirvele capite le cose? Queste elezioni, erano improntate su una falsa antitesi tanto per darvi l'illusione di poter scegliere. Basta guardare come entrambi pur di prendere voti, cavalcano il problema della sicurezza con le stesse idee. Si cerca di reprimere ciò che dovrebbe essere risolto con una maggiore giustizia sociale visto che, siamo tutti esseri umani con pari dignita e diritto di vivere. Adesso purtroppo, dovremo pagare le conseguenze di tanta ignoranza senza sapere a che punto di delirio arriveremo. Dico solo che certi errori li abbiamo già fatti e ci sono costati parecchia sofferenza. In quanto italiani, sempre bravi , belli e buoni, riscoprite il piacere della vergogna nel leggere che l'Europa si indigna mentre il Governo italiano criminalizza i Rom. Soprattutto leggete quell' appello in parte alla notizia che veramente rievoca vendetta per tanta ignoranza.
Ricordo domani 17 Maggio la manifestazione antifascista con partenza del corteo dalla stazione di Verona Porta Nuova alle ore 15.00

Commenti

Tuya ha detto…
Non c'è nulla da aggiungere, purtroppo.
Sub ha detto…
Ecco cos'altro succede a dimenticarsi la storia:

L'assemblea antifascista milanese riunitasi giovedì 15 maggio al Centro Sociale Vittoria ritiene intollerabile e assolutamente provocatorial'organizzazione di un concerto da parte di Forza Nuova e della skinhouse, autorizzato dal Comune e dalla Questura di Milano, per sabato pomeriggio alla palazzina Liberty di Largo Marinai d'Italia, luogo storico della sinistra milanese. La provocazione è resa ancora più evidente dal fatto che questo concerto si svolga in contemporanea ad una manifestazione nazionale antifascista organizzata a Verona proprio per denunciare il pesante clima di intolleranza e di legittimazione della destra nazifascista che ha portato all'omicidio di Nicola Tommaselli da parte di cinque neonazisti. Questo fatto rappresenta l'episodio tragicamente più eclatante di un clima culturale e politico xenofobo ed intollerante provocato dalle campagne sIcuritarie dei governi sia di centro-destra che di centro-sinistra, che speculando sul senso d'insicurezza dei ceti più deboli hanno seminato e fatto sedimentare razzismo e discriminazione,fomentato fobie e distribuito a piene mani paura e conseguentemente odio, determinando così un evidentissimo spostamento a destra sul piano ideologico, culturale e comportamentale, di cui queste organizzazioni neofasciste e neonaziste rappresentano solo la punta di un iceberg. Poco ci interessa che le iniziative programmate degli antifascisti milanesi abbiano costretto la questura e il governo della città a spostare il concerto in altro luogo per problemi di ordine pubblico,cercando di salvarsi la faccia nella forma, ma non nella sostanza. L'assemblea antifascista milanese garantirà quindi la vigilanza per tutta la giornata di sabato, riaffermando la volontà di non delegare a nessuno la difesa degli spazi di movimento e delle iniziative. Invitiamo tutti a partecipare al corteo di Verona, dando appuntamento alla Stazione Centrale per le ore 11.00 e, vista la volontà della skinhouse di svolgere comunque l'iniziativa, a rafforzare la partecipazione al presidio che si terrà al CSA Vittoria dalle 15.00 durante il quale verrà proiettato il film "Nazirock" e, al ritorno dal corteo, a mantenere una presenza attiva alle iniziative serali in programma alla Cascina Torchiera e al Centro Sociale Vittoria.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Ciao Tuya: solo il disprezzo per certa gente possiamo aggiungere.
Ciao Sub, grazie per l' informazione. Aiuta a rendersi sempre più conto, contro che tipo di gente abbiamo a che fare.
Alèxandros ha detto…
Questi del PD ci vogliono far morire tutti democristiani!
NADIA ha detto…
Hola non resta che fare mea culpa!!!!!
Hasta siempre!!!!!!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Ciao Nadia: è semplicemete ora che tutti si assumano le proprie responsabilità. Chi sbaglia deve pagare ma non si può accusare un intera etnia per gli errori di qualche persona. Se fosse così, dopo i fatti di Verona in Italia dovremmo essere tutti fascisti.Non credo proprio! Hasta siempre
l'incarcerato ha detto…
Quante volte avevo messo in guardia la gente a non votare il PD, IO ANCHE HO SBGLIATO PERCHè ALLA FINE NON HO VOTATO! L'avevo scritto in un post e ho fatto autocritica!
Ma almeno non ho contribuito a ingrossare le fila del Pd, almeno quello!
Tuya ha detto…
ciliegina sulla torta: hanno spostato "primo piano" a mezzanotte, sarà forse perchè hanno parlato di interessi della camorra sui campi nomadi incendiati?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Incarcerato purtroppo non sei l' unico.Io ho votato primo, perchè anche se la differenza tra destra e sinistra è meno evidente , comunque c'è. Secondo, per rispetto nei confronti di chi, ha lottato per aver quel diritto che a noi sembra scontato.
Tuya, per la libertà di informazione idietreggeremo sicuramente.Fra poco nelle ore di punta metteranno solo programmi con ricette culinarie...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…