Passa ai contenuti principali

BARLUMI DI VERITA'

Ebbene, sono ancora qui a scrivere, per esprimere ancora una volta il mio dissenso nei confronti di questi barlumi di onestà intellettuale. Di queste mezze verità. Ci lamentiamo della presenza dei pericolosissimi stranieri, quando noi con missioni come Sarissa in Afghanistan andiamo in casa di altri con le bombe. Ma potrei dire benissimo anche Iraq o Balcani nel '99 con la guerra appoggiata da D' Alema. Al termine di questa, nell' indifferenza delle nazioni occidentali, guerriglieri dell’UCK a Kosovska nei pressi di Mitrovica e dintorni, con in mano le cartine delle città in cui risiedevano le varie etnie, bruciarono 1600 case di rom. Anche per questo si sono dovuti spostare nell' Europa occidentale. Quando si parla di fatti oltre a dire le conseguenze, bisognerebbe parlare anche delle cause. E' un pò come festeggiare le vittime delle foibe, senza dire quello che i fascisti hanno fatto prima in Jugoslavia e come consideravano gli slavi. Cioè una razza da sfruttare, inferiore. Certo poi la reazione da parte loro è sindacabile, perchè non tutti gli italiani erano colpevoli, ma cosa stiamo facendo noi? Questo degli stranieri è prima di tutto un problema di sistema economico. Nessuno dovrebbe essere costretto ad abbandonare il proprio paese per mancanza di lavoro. Capisco che in un mondo del genere è un discorso utopistico ma le persone sono persone e non pedine al servizio del capitale. Bisognerebbe dire che per non averli più qui, dovremmo rinunciare a gran parte delle nostre comodità che con trattati come il Wto Organizzazione Mondiale del Commercio , i nostri governi ci garantiscono. Libera concorrenza con paesi che dato la loro povertà, non riusciranno mai a competere con l'Europa o i paesi ricchi prolungando così l' azione coercitiva. Come possiamo spiegarci altrimenti, che continenti ricchissimi di risorse come l' Africa, siano così poveri. Facciamo come gli Stati Uniti che costruiscono muri lungo la frontiera col Messico, e poi con accordi come il Nafta costringono migliaia di contadini messicani, che perdono il lavoro, a protestare conto TLC. Non possiamo continuare a non vedere queste cose! Fino a quando il 13% della popolazione mondiale, consumerà l' 80% delle risorse, ci sarà sempre un problema di immigrazione. A maggior ragione con il nostro stile di vita, che è completamente irrazionale alle esigenze del pianeta e della stessa umanità. Questa è la mostruosità. Possiamo mandarli via ma il problema persiste perchè il mondo è anche suo.
Perchè i media non ci dicono questo? Semplice... come farebbero altrimenti le multinazionali e tutti i gruppi finanziari a lucrare sulle sofferenze della gente?!

Commenti

il Russo ha detto…
Ho appena sentito una frase bellissima di Scalfari in televisione : "I pensieri sono le mie puttane".
Il grave invece é che lo scritto di molte puttane sui giornali viene passato per pensieri...
Silvia ha detto…
"Fino a quando il 13% della popolazione mondiale, consumerà l' 80% delle risorse, ci sarà sempre un problema di immigrazione", già è questo il punto, il nodo irrisolto, il dato di fatto che i più preferiscono ignorare perchè ignorarlo conviene di più! Dici bene: possiamo mandarli via... ma il problema sussiste e se lo affrontassimo seriamente come giustamente merita, beh, forse le cose andrebbero meglio. Ma... "come farebbero altrimenti le multinazionali e tutti i gruppi finanziari a lucrare sulle sofferenze della gente?!", appunto! Questo è il terribile dubbio che assale, è questo! Dovremmo iniziare tutti a riflettere su questo.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Il Russo : Hè si, è proprio questo il problema grave.

Silvia: fa più comodo non vederlo, perchè dovremmo cambiare radicalmente il nostro stile di vita. E quando, la vita della maggior parte delle persone, è ormai improntata sull' avere, anche con enormi sacrifici (lavorare come le bestie) è difficile ammettere che stiamo vivendo di un furto.
Ti dico solo 3 dati
Indiani: 4 Kg circa di carne procapite l' anno. Potrebbero vivere 10 miliardi di persone sul pianeta circa.
Italia circa 87 Kg di carne. 5 o 6 miliardi circa di persone potrebbero vivere.
Stati Uniti circa 125 Kg di carne. 2 miliardi di persone potrebbero vivere.
Per colpa della carne oltre i Bio-combustibili il prezzo dei cereali sale.
l'incarcerato ha detto…
...e infatti io lancio una provocazione:

"Che vengano qui a riprendersi tutte le ricchezze che noi gli deprediamo in continuazione"
Donna Cannone ha detto…
Buongiorno! Vedo che ci sono un sacco di cose interessanti da leggere qui, ti dispiace se ti linko, così prendo la scorciatoia per tornare?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Incarcerato: per quello ci penserà la globalizzazione. Peccato che se non ci svegliamo la ricchezza, come sta succedendo, finirà nelle mani di sempre meno persone.
Buongiorno a te donna cannone. No che non mi dispiace, anch'io volevo chiederti uno scambio di link. Con questo blog intendiamo, come diceva Calvino, cercare in mezzo all' inferno ciò che non è inferno e farlo durare e dargli spazio. Solo unendoci possiamo provare a cambiare.In questa ottica il confronto è sempre utile.
Donna Cannone ha detto…
Ciao Schiavi o liberi,
muito obrigada per lo scambio link.
Condivido ciò che scrivi: "cercare in mezzo all' inferno ciò che non è inferno e farlo durare e dargli spazio. Solo unendoci possiamo provare a cambiare.In questa ottica il confronto è sempre utile".
Uniti possiamo avere una voce più forte e barcollare un po' meno quando resistere si fa difficile.

Saluti

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…