Passa ai contenuti principali

GIOVANNI E PAOLO PER SEMPRE

23 MAGGIO-19 LUGLIO 1992 SONO LE DATE CHE DEVONO RESTARE STAMPATE NELLA NOSTRA MEMORIA PER SEMPRE

23 MAGGIO-19 LUGLIO 1992 SONO LE DATE IN CUI LA MAFIA HA VINTO ANCORA

23 MAGGIO-19 LUGLIO 1992 SONO LE DATE PER RIPARTIRE E COMBATTERE COME LORO HANNO INSEGNATO, SENZA PAURA NE TIMORE


HO VOLUTO ACCOSTARE LE DUE DATE PERCHè CREDO SIA INIMMAGINABILE DIVIDERLE.



GUARDANDO QUESTO VIDEO MI SONO COMMOSSO A TAL PUNTO DA PIANGERE, SENZA NULLA TOGLIERE AGLI ALTRI EROI CHE HANNO FATTO TANTO CONTRO LA MAFIA, PERCHè LORO SONO L’ EMBLEMA DELLA LOTTA ALLA MAFIA DEGLI ULTIMI ANNI.UOMINI VERI CHE NON HANNO AVUTO PAURA DI PORTARE A TERMINE IL LORO LAVORO ANCHE DI FRONTE ALLA MORTE, CHE HANNO LOTTATO FINO ALLA FINE A FIANCO DI VERI IDEALI, PROPOSITI DI LEALTà E VERITà, I QUALI POTEVANO RIDARE ALL’ ITALIA LA DIGNITà CHE MERITEREBBE SE NON FOSSE PER LA GENTE CHE LI HA UCCISI ANCORA , ANCORA E ANCORA. PARLO DEL POPOLO CHE, NONOSTANTE SIA SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI, HA RIELETTO QUEI POLITICI CHE HANNO ASSASINATO QUESTI GRANDI UOMINI. SONO INCAZZATO. CARI ITALIANI SONO MAFIOSI NON EROI. NON RIESCO PROPRIO A CAPIRE PERCHè Più I POLITICI SONO DISONESTI, ANTI LIBERALI, ANTI COSTITUZIONALI E ASSASSINI E Più RIESCONO A RISCUOTERE FIDUCIA, PROPRIO NON CAPISCO. MI CHIEDO COME SI POSSA CAMBIARE SE NOI STESSI NON RIUSCIAMO NEMMENO A CAPIRE LA VERITà DALLA MENZOGNA, SOLO PERCHè NON VOGLIAMO APRIRE GLI OCCHI O SEMPLICEMENTE PERCHè ACCETTIAMO QUESTA VERITà PER CODARDIA . MERITIAMO TUTTO QUESTO E BASTA. ITALIANI SVEGLIATEVI!!!!!!!!! L’ UNICO MODO PER COMBATTERE QUESTO SISTEMA è L’ INFORMAZIONE E IL LOTTARE TUTTI UNITI PER UN UNICO OBIETTIVO: RIPORTARE LA VERA DEMOCRAZIA. VOGLIO RIBADIRE IL FATTO CHE QUESTO GOVERNO è ASSOLUTAMENTE DI REGIME FASCISTA CHE UTILIZZA LA TELEVISIONE E I GIORNALI SOLO PER MANOVRARCI COME MARIONETTE PER I LORO SCOPI. DOBBIAMO RIBELLARCI, DOBBIAMO MANDARLI NELL’ UNICO POSTO CHE LORO COMPETE E CHE FALCONE E BORSELLINO STAVANO PER AVVIARE: LA GALERA A VITA. DOBBIAMO CAPIRE CHE TUTTO Ciò CHE CI CIRCONDA E CHE RECA DANNO SI Può E SI DEVE MIGLIORARE PER IL BENE DI TUTTI. NON DOBBIAMO AVERE TIMORE DI ESSERE LIBERI MA ANZI DOBBIAMO ESSERE LIBERI. CREDO CHE RIGUARDERò QUESTO VIDEO UN MILIONE DI VOLTE PERCHè LA VERITà SI SCALFISCA PER BENE NELLA MIA MEMORIA PERCHè NON VOGLIO ASSOLUTAMENTE ESSERE PLAGIATO COME L' OTTANTA PER CENTO DELLA POPOLAZIONE D' ITALIA.
IO VOGLIO LOTTARE PER LA VERITà .



GRAZIE GIOVANNI, GRAZIE PAOLO.


« Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l'essenza della dignità umana. »
(Giovanni Falcone)

« La lotta alla mafia dev'essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell'indifferenza, della contiguità e quindi della complicità. »
(Paolo Borsellino)

« Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola. »
(Paolo Borsellino)

Commenti

l'incarcerato ha detto…
Si dice che sono morti invano, ma noi sappiamo benissimo che non è così.
Non esiste una morte invana quando si combatte per un ideale, è vero come dice Borsellino che chi non ha paura muore una volta sola. Ma risorge mille volte in volti nuovi. Di questo ne sono certo.
Nicole ha detto…
e come si dice, NON SONO MORTI, MA LE LORO IDEE CAMMINANO SULLE NOSTRE GAMBE. La loro morte è straziante, per noi che ci identifichiamo così profondamente in ideali di libertà, verità, giustizia, ma sappiamo bene, come di incarcerato, che è servito a qualcosa.
il Russo ha detto…
Sì, penso che la loro morte, se rapportata a quello contro cui combattevano, sia stata invano.
Per i nostri ideali, per le nostre speranze di giustizia e libertà invece, loro non moriranno MAI.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
CREDO PERò CHE NOI TUTTI DOVREMMO RIPERTIRE DALLE LORO IDEE, DAL LORO ATTACCAMENTO ALLA GIUSTIZIA PER PROVARE A CAMBIARE PERCHè NON è POSSIBILE CHE LA MAFIA VINCA ANCORA E PER NON RENDERE LA LORO MORTE VANA.
l'incarcerato ha detto…
A proposito dell'indifferenza, vorrei che tu e gli amici blogger sensibili al tema mi aiutassi a diffondere l'iniziativa del primo giugno.
Non è tempo di rimanere a guardare, c'è anche l'altra Italia che non accetta tutto questo.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…