Passa ai contenuti principali

CHI PAGHERA'

In un momento storico, in cui tutti hanno la fisima di demonizzare qualcuno, anch'io mi sento in diritto di avvalermi di questo privilegio. Certo, essendo contro l'assopimento generale, non posso stigmatizzare gli extracomunitari come la maggior parte degli italiani fa. Infondo, si ascrive come extracomunitario colui, che non ha come paese d'origine uno dei paesi membri dell'unione europea. Partendo dalla convinzione, che nessun paese è fatto solo di reprobi, e le donne italiane forse lo straniero se lo sposano, visto che i dati Istat dicono che nel 69,7% dei casi la violenza arriva dal patner, non voglio rientrare nella normalità perchè in un mondo sbagliato ritengo l'essere normale un errore. Per me il nemico è questa notizia: BANCHE: UTILI RADDOPPIATI IN QUATTRO ANNI. Bella notizia per chi ha un mutuo da pagare. Poi, non so perchè se presto dei soldi ad una persona e gli modifico gli interessi sono un' usuraio, mentre a questi istituti tutto è permesso concedendogli di cambiare i tassi a loro piacimento. O meglio lo so, ma voglio parlare d' altro. Il nostro caro nuovo ministro dell'economia, ha recentemente dichiarato che ora i sacrifici saranno per BANCHE E PETROLIERI. Quanto sarebbe bello poterlo credere? Certo, mi auguro che sia vero, visto che in 4 anni gli utili delle banche ( non oso immaginare quelli petroliferi) sono passati da 15 a 30 miliardi. Leggendo questa fonte Reuters però, mi riappacifico subito con il mio destino iniziando a focalizzare, su chi pagherà il prezzo peggiore per la crisi all'orizzonte. Voglio dire per dovere di cronaca, che l'aver esteso quei 5 miliardi di cuneo fiscale a banche e assicurazioni nella finanziaria del centro sinistra, è stata una delle cause che ha contribuito al tracollo. Tanto per attribuire ad ognuno le proprie responsabilità.

Commenti

Nicole ha detto…
Scusa ma dopo i dati istat il problema delle banche mi sembrava meno importante. Vogliono la sicurezza per le strade, e allora eliminiamo lo straniero; ma la violenza rimarrà sempre. Io non sono nè sociologa o altro, ma la questione fa pensare.
il ricciolo ha detto…
io sto subendo la mia piccola sconfitta: avevo aperto il conto in banca etica, poi l'ho "passato" a mio fratello da quando sono in seminario e lui che fa? lo chiude, perchè dice che alla posta è più comodo... speriamo sia solo una battaglia e non la guerra...
chiara ha detto…
TI LINKO ;-)
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Per me invece, è sempre più un problema da ricondurre alla giustizia sociale. E in questo, le banche hanno un ruolo fondamentale visto che, sono le istituzioni che reggono tutta la struttura economica. La violenza, da quello che posso esaminare, riguarda sempre più fasce della società. Mi sono dato 2 risposte per questo. La prima è che il sistema, essendo avverso alla reale natura umana, fa si che ci attacchiamo con tutte le forze ad una persona per non sentirci soli. Nel momento in cui, questa persona viene a mancare, cadono gli equilibri e tutto degenera nella violenza. La seconda invece, riguarda proprio il sistema stesso il quale, essendo in forte crisi, ha bisogno di persone con sempre meno coscienza per poter perpetrare i suoi crimini. La televisione, come i film, a mio avviso sembrano fatti apposta per abituarci a questo.
Ricciolo non mollare. Sono con te!

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…