Passa ai contenuti principali

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non riusciamo a realizzare, che il tuo stato di salute è fondamentale per la nostra esistenza e ogni goccia d' acqua, ogni particella d' aria inquinata, oltre che essere un danno per te, lo è per noi. Io abito come sai nella Pianura Padana. Qui nessuno sembra pensarti. Continuano a soffocarti di cemento, strade e ormai, gran parte dei corsi d' acqua sono inquinati. Con le polveri sottili, siamo costantemente sopra il livello di guardia e il rimedio che per ora sembra più efficace sai qual è? Aspettare che piova! Si hai capito bene. Tu dirai:" Ma il problema non si risolve anzi, l' inquinamento si deposita sulla terra e piano piano filtra nelle falde." Hai ragione, ma non hai ancora capito che dobbiamo crescere! Il sindaco Chiamparino, ha detto che quando la tangenziale è intasata, è contento perchè vuol dire che la città cresce. Capisco che queste cose ti rattristano, ma è la realtà. Ora che sai, hai tutto il diritto di lamentarti, di urlare il tuo dolore per non essere stata ricambiata, e tanto meno rispettata, per quello che ci hai donato. Una frase che mi rabbrividisce è questa: " Solo quando non ci saranno più piante, animali o corsi d' acqua puliti, l' uomo si renderà conto che i soldi non si mangiano." Non voglio crederci anche perchè, ci estingueremmo molto prima di arrivare a quel punto. In ogni caso, sarà nostra la responsabilità. Forse ho capito perchè ti scrivo: chiederti scusa per ogni danno che gli esseri umani fanno alla tua salute.

Commenti

il Russo ha detto…
L'unico regalo che possiamo fare al nostro pianeta dopo averlo distrutto scientemente pezzo dopo pezzo, sarebbe quello di autodistruggerci.
E allora forse il nostro pianeta ritroverebbe il suo equilibro...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
O iniziare a promuovere uno stile di vita differente. Anche se visto l' andamento, è più probabile che sia la tua ipotesi ad avere la meglio.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…