giovedì 29 maggio 2008

I FASCISTI SERVONO

Visto i fatti recenti, pubblico questo articolo di Radio Città Aperta. Sempre per cercare di fronteggiare questo strisciante revisionismo storico.

Non si erano ancora placate le polemiche per il doppio raid del fine settimana - uno contro un attivista del movimento omosessuale, l'altro contro alcuni commercianti del Pigneto - che la violenza fascista è diventata di nuovo protagonista nella città di Roma.Quella che anche per le agenzie di stampa e i maggiori media era inizialmente un'aggressione squadristica in piena regola ai danni di una decina di inermi studenti, è diventata con il trascorrere delle ore una “rissa”, uno “scontro tra bande giovanili” o tra “opposte fazioni”…
Un copione, quello della giustificazione mediatica delle aggressioni fasciste, già visto alcune settimane fa nella copertura dell'assassinio di Nicola Tommasoli a Verona, o ancora prima di Renato Biagetti. E poi ancora per l'aggressione di Casalbertone, o quella al termine del concerto della Banda Bassotti a Villa Ada la scorsa estate. Una strategia, quella dei principali media, che tende a sminuire o addirittura a negare il carattere politico di una strategia di violenza e sopraffazione di cui le organizzazioni neofasciste si stanno rendendo protagoniste in maniera esplicita. I picchiatori fascisti sono irrimediabilmente derubricati a bulli, a violenti. O a “imbecilli”, come ha ribadito ancora una volta il neosindaco di Roma Gianni Alemanno, che certamente non parlava per sentito dire.
Media, politica e per ultima la magistratura - che processa due degli aggrediti messi così anche dal punto di vista giuridico sullo stesso piano dei picchiatori - marciano parallelamente. La negazione della matrice politica dei raid si ripete incredibilmente anche quando gli stessi aggressori si impegnano affinché la loro identità politica e organizzativa emerga il più chiaramente possibile: cos'è se non una vera e propria “rivendicazione” l'organizzazione di un agguato in pieno giorno in una via contigua all'Università gremita da studenti e passanti? Per l'estrema destra i contenuti delle proprie iniziative sono spesso secondari rispetto all'effetto provocatorio che queste hanno all'interno dei quartieri, delle città, delle scuole. D'altronde, a sdoganare la versione fantascientifica e revisionista delle foibe “come olocausto etnico italiano” e a proporla come versione storica incontestabile ci hanno già pensato, a livello di massa, la giornata del Ricordo sul fronte istituzionale e la fiction fantascientifica di Rai Uno “La luna nel pozzo”.
Ciò che interessa a chi scatena i picchiatori è intorbidire il clima, sospendere l'agibilità per i movimenti sociali, gli studenti, gli immigrati. Obbligare gli attivisti a guardarsi le spalle e a preoccuparsi della propria incolumità piuttosto che cercare di costruire coscienza, mobilitazione e organizzazione nei territori. D'altronde a questo sono sempre serviti i fascisti, nel nostro paese, dopo la fine del secondo conflitto mondiale. I picchiatori e gli squadristi di turno non sono poi tanto diversi dalle mazze e dai coltelli che usano contro il nemico, il diverso, l'oppositore. Sono strumenti, meri utensili al servizio di una strategia più grande e complessa di loro.
L'opposizione parlamentare ha preso la palla al balzo per attaccare le coperture e le contiguità di cui i neofascisti possono godere all'interno del Popolo delle Libertà. Sacrosante verità. Ma i maestri dell'equidistanza tra le organizzazioni neofasciste e le loro vittime - che in realtà è sempre più
complicità con gli aggressori e garanzia di impunità - sono stati e continuano ad essere gli esponenti del centrosinistra e del Partito Democratico. Antifascisti la domenica ma assai distratti il resto della settimana. Pronti alla polemica mediatica quando Gianni Alemanno propone di dedicare una strada della capitale a Giorgio Almirante, ma ben lieti di partecipare alle celebrazioni dello stesso personaggio nelle aule del Parlamento. Un Almirante ideologo del razzismo e della pulizia etnica, fucilatore di partigiani e poi dirigente della destra eversiva e stragista che improvvisamente diventa una sorta di padre della patria, di fondatore della Repubblica e degno quindi di essere celebrato in maniera bipartizan dai deputati di tutti i gruppi.
Sia il clima di xenofobia sia i recenti provvedimenti sulla sicurezza varati dal governo con un vasto consenso da parte dell'opposizione, rischiano di fare dell'Italia "un paese pericoloso" non solo per i rom e per alcune comunità immigrate, ma "potenzialmente per ognuno di noi". A dirlo è Amnesty International che critica sia il centrodestra che il centrosinistra e accusa i politici italiani - in testa il leader del Pd Veltroni e il presidente della Camera Fini - di avere "una gravissima responsabilità" nel clima razzista che si respira in Italia. Per non parlare di un controllo e di una repressione sistematica che disarmano e imbavagliano i movimenti sociali e impediscono alla parte più sana della società di far fronte ad un imbarbarimento di cui le continue aggressioni fasciste e razziste sono un segnale evidente. Chi ha fatto della sicurezza, della tranquillità e della governance un dogma al quale sacrificare ogni altro valore e la democrazia stessa, dovrebbe essere cosciente del fatto che il dilagare della violenza fascista nelle metropoli e l'impunità di cui essa gode non possono non provocare conseguenze.

5 commenti:

l'incarcerato ha detto...

Ottimo questo articolo che hai riportato, non c'è da aggiungere nulla. E tanto meno togliere!
perchè a toglierlo già ci hanno pensato gli uomini del centrosinistra, scusa ora è solo centro. Dimenticavo che la sinistra non c'è più. E la mancanza si fa sentire...

NADIA ha detto...

hola sacrosante parole............
mi sembra di essere ritornata al clima che si respirava negli anni 75-78 quando a Roma era una scazzottata continua tra sinistra e destra con tutte le conseguenze che sappiamo............
brutto troppo brutto da ricordare ma soprattutto da dover rivivere...
hasta siempre!!!!

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

La sinistra non c'è più ma ci siamo noi. Bisogna ripartire dalla strada e non smettere mai di crederci.
Incarcerato la frase la conosco :
Sono partigiano, odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.
Antonio Gramsci, scritti giovanili

Nadia purtroppo il nosstro è un popolo di ignoranti, e questo porta a rifare errori del passato.

il Russo ha detto...

Eccheme qua!
Hai ragione a dire che negli ultimi anni (l'omicidio fascista a Biagetti su tutti gli altri) é stata scandalosa la sottovalutazione al limite dell'omissione della notizia da parte dei giornali, ancora l'altra sera il direttore del Tempo a Primo Piano incolpava di tutti i casini degli ultimi due anni l'indulto, che pena..
Oggi a sparigliare ancor più le carte é arrivato l'"Ernesto tatuaggio Guevara" de li skin romani, i giornali on line di destra sono stati meno peggio di quel che temevo, la base s'è dimostrata ben peggio.
Io c'ho un disturbato mentale che continua a battere su sta cosa quasi fosse una questione personale...

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Russo hai tutta la mia solidarietà. Riuscirà a leggere le pagine dove lo rimandi?