Passa ai contenuti principali

Per Verona: Vergogna! Primo Levi: " Chi non conosce la storia, sarà costretto a riviverla!

Con questo post, intendiamo rendere omaggio a Nicola Tommasoli il ragazzo MASSACRATO da 5 giovani neofascisti. Questo episodio, oltre che gettare ogni persona degna di essere chiamata in questo modo, nello sconforto, genera nell' animo un profondo risentimento! Morire a 29 anni per una sigaretta. Tutto questo è accaduto a Verona, la città dei giusti, dei lavoratori. La città di quelle persone, che dall' alto della sua ridicola cultura e superiorità, si sentono in diritto di fare ronde contro il diverso, la città ben integreta in quel Veneto che Galan definisce con uno spot non come Napoli ... Adesso ci sarebbe da fare uno spot all' estero di questo tipo: Non andate in vacanza a Verona, possibili aggressioni da gruppi neofascisti! Vergogna!!!! Vergogna!!! Vergogna!!! E poi smettiamola perpiacere di dire che questo tipo di delinquenti provengono da famiglie per bene. Famiglie che allevano questi, non so come definirli, mostri, sono incapaci di educare. Avere i soldi o una posizione agiata nella società, non vuol dire essere in grado di insegnare i veri valori, e questo a mio avviso ne è un esempio. Inoltre, mi sento anche in dovere di ringraziare quei politici, che ad ogni uscita disseminano odio di qualsiasi tipo, contribuendo, ad instaurare una società sempre più razzista e intollerante. Per ultimo voglio dire, che mi vergogno di essere italiano. Ma soprattutto ritengo aberrante vivere in una pianura padana, che tollera ancora queste vicende. A tutti quelli che definiscono il Nord ricco voglio fare una domanda. E' questa la ricchezza che abbiamo raggiunto? Se per ricchezza si intende questo tipo di società, siamo ben lontani dal mondo civile.

Commenti

il Russo ha detto…
Mi verrebbe di proporre una provocatoria secessione al contrario: il nord est d'Italia é eticamente perduto, lasciamoli andare per i fatti loro...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
La propongo anch'io. Se dovessero dichiarare l' indipendenza come ha fatto il Kosovo mi unisco a chi accetterà.
Anonimo ha detto…
C'è anche un pestaggio a morte di una povera ragazza rumena a Genova, ma non se ne parla forse perchè quel bastardo che l'ha uccisa non si può eticchettarecome di destra ? I faziosi, come voi, sono solo dei perdenti.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Prova a pensare che forse, non ne ho parlato perchè non conosco la notizia. Per me,un pestaggio a morte, è sempre, che sia di destra o sinistra, un' ingiustizia. Nessuno deve assumersi il diritto di fare del male a un altro. Solo con le parole e la discussione, si arriva allo sviluppo delle capacità umane. Ti consiglio prima di fare certi commenti, di chiedere le spiegazioni. Sarò anche un perdente, ma almeno ho il coraggio di metterci la faccia al contrario di te, che ti firmi anonimo! Grazie
NADIA ha detto…
unkovhola vorrei rispondere all'anonimo senza gli attributi per firmarsi, faziosi un corno mio caro il fatto è proprio questo è c'è veramente poco da polemizzare 5 disgraziati hanno ucciso senza pietà un ragazzo per una sigaretta, e sono di destra e per giunta nazisti e tu che ancora li vuoi difendere vergognati come loro!!!!!!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…