Passa ai contenuti principali

PERCHE'

Ieri sera, ho partecipato al comitato politico della mia federazione a Mantova, presidiato da Alfio Nicotra, segretario regionale del PRC. La situazione che è emersa, è al quanto preoccupante. Il selvaggio imbarbarimento, che ormai dilaga nella nostra società, ha aperto un dibattito sullo stato democratico del nostro paese e non solo. Oltre a questo, è stata un' occasione per evidenziare gli errori che una classe dirigente dimostratasi troppo autoreferenziale, ha commesso allontanandosi dai movimenti . Certo, l' esito del voto è da attribuirsi anche ad altri fattori, la campagna di paura dei media, assopimento generalizzato del senso civico e dal fatto, che ormai il sistema, con il suoi valori, ha condizionato gran parte delle persone. Quando penso, che la maggior parte dei lavoratori dipendenti ha votato centro destra, piango. Ora dopo quasta batosta, ricominciare è difficile ma non impossibile. La cosa importante è non ricommettere più gli stessi errori, facendosi carico, di una maggiore coerenza con gli ideali che si vogliono rappresentare. Questo è stato il filo conduttore pressochè unanime, che ha regolato l' assemblea. Il voler essere una reale alternativa. Anche perchè, a stare nella zona grigia si rischia di venir risucchiati da un sistema che tende a divorare tutto, diritti pensieri e persone. Ripartire dal basso , dalla strada, e non scelte fatte in modo quasi dittatoriale dall' alto. Mi viene in mente questa frase di Mayakowski, poeta e comunista: “Esci partito dalle tue stanze, torna amico dei ragazzi di strada”.

Commenti

NADIA ha detto…
hola se i partiti di sinistra fossero stai più vicino alla gente questa sconfitta forse non ci sarebbe stata..in qualche maniera si sono venduti ai padroni........
un mea culpa fatto anche da Bertinotti e non solo........
mai parole furono più giuste in questo momento......che i partiti tornino tra la gente.....belle parole se venissero messe in pratica............
Hasta sempre!!!!!!!!!!!
Nicole ha detto…
concordo in pieno, bisogna ricominciare dal basso, e dare alle persone quell'identità che un secolo fa faceva scendere in piazza ad urlare i propri diritti.
il problema oggi credo che sia proprio l'identificazione assente in una comunità, politica o sociale che sia.
Ciao!
il Russo ha detto…
"Avrei voluto una Rivoluzione,
per il momento,
faccio movimento per il Movimento"...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Dobbiamo iniziare ad essere noi i partiti. La società siamo noi e non , chi ci rappresenta.
l'incarcerato ha detto…
Carissimo, io non riesco ad essere amico di questi ragazzi di strada, vieni a vedere nel mio post cosa è successo l'altra notte a Roma.
Io mi indigno sempre di più!

Ricominciamo dal basso, giustissimo. Dovremmo far rinascere quella che un tempo si chiamava"coscienza di classe"!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…