Passa ai contenuti principali

MOMENTO STORICO

Non so il perchè, ma dopo l' ennesima aggressione fascista a Roma , mi è venuta in mente questa frase:

»Istruitevi perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi perché avremo bisogno di tutta la nostra forza.«


Antonio Gramsci


Gramsci è morto nel 1937 e leggendo ora queste sue parole, sapendo come sono andate poi le cose, sembrano veramente un monito, un avvertimento. Naturalmente spero che non abbiano la stessa funzione oggi, anche se ci troviamo, difronte a crisi molto gravi. Nonostante tutto ciò, devo ammettere di non saper neppure io, il motivo reale per il quale le pubblico. Se è per mettervene a conoscenza, o il mio vuole essere un vero e proprio appello, per trovare un punto di unione nell' affrontare le sempre più impervie sfide ( ci troviamo dinanzi a una forte crisi sociale) che ci aspettano nel futuro. Analizzando la frase, nonostante tutte le sue parti abbiano un notevole impatto sulla mia coscienza, la prima è quella che mi colpisce di più: " Istruitevi perchè avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza." Cosa posso aggiungere? Penso seriamente che l' unica via di uscita sia il sapere, il desiderio di informarsi. Sono fermamente convinto che l' egoismo, la xenofobia e tutte le paure della nostra società, siano figlie dell'ignoranza. Solo attraverso il sapere possiamo partorire una nuova società, renderla tollerante e meno sucube dell' attività commerciale e delle varie prevaricazioni.. Realizzarci come uomini e donne improntati sull' essere e non sull' avere, può essere a mio avviso, l'unica via di uscita da questo dedalo che ci siamo creati. Chi vuole questo tipo di società, sta vincendo perchè noi li vogliamo inseguire. Perchè non siamo più in grado ci sentirci all'altezza se nel garage non abbiamo una macchina da 20 mila euro, o se non possediamo il vestito o il cellulare di moda. Anche questo è figlio dell' ignoranza. Una persona vale in quanto tale, in quanto essere avente il diritto ad una vita dignitosa, indipendentemente da ciò che possiede o non possiede. Il sistema e tutte le sue terribili conseguenze, riusciremo a vincerlo, solo quando ritroveremo la nostra natura di essere umani. Solo a quel punto, scopriremo che non servono poi così tante cose materiali per vivere ed essere felici. Solo a quel punto credo, sapremo accettare le diversità imparando a vivere nel rispetto dell' altro e dell'ambiente.



Commenti

Anonimo ha detto…
grande uomo di grande intelligenza, Gramsci. ce ne fossero di personaggi cosi' in politica oggi!
il Russo ha detto…
Sono qua nel mio solito giretto serale ed eccomi trovare una massima Gramsciana che, per le aspettative sociali e la pochezza etica che girano, cadrebbe probabilmente nel vuoto.
Per quel che mi riguarda invece non possono che spronarmi a sopendere le mie migliori energie per combattere tutta sta porcheria che sta emergendo dalle fogne...
l'incarcerato ha detto…
Gramsci aveva scritto anche una cosa bellissima, l'avevo riportato in un post tempo fa:
"ODIO GLI INDIFFERENTI"

Attualissimo purtroppo.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…