Passa ai contenuti principali

INIZIAMO A SMONTARE IL GOVERNO

Mutui. Movimento Difesa del Cittadino (MDC): “L’accordo
ABI-Tremonti azzera la concorrenza. E l’Antitrust
incredibilmente applaude…”

“Mentre il mutuatario che sceglie di tornare al 2006 e di cambiare il tasso variabile in
fisso, in realtà, non risparmia neppure un euro, le banche ci guadagnano tre
volte”. Lo afferma il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) commentando le
dichiarazioni del Ministro Tremonti alla conferenza stampa di oggi pomeriggio.
“Il ministro Tremonti e l’ABI – afferma Antonio Longo, Presidente del Movimento
Difesa del Cittadino (MDC) - dovrebbero spiegare come hanno fatto a stipulare
l’accordo sui mutui in poche ore, quando invece l’ABI aveva combattuto per mesi e
mesi lo scorso anno con le associazioni dei consumatori, prima per la riduzione delle
penali in caso di estinzione anticipata del mutuo, poi per azzerare i costi della surroga
e della portabilità dei mutui”.
“Le banche ci guadagnano tre volte. La prima volta – spiega Longo - perché a
fronte di tassi aumentati si riprendono tutto alla fine con gli interessi; la seconda
volta perché in caso di tassi in discesa le somme pagate in più dai mutuatari, e che
dovranno essere restituite agli stessi a fine mutuo, intanto resteranno nella
disponibilità degli istituti bancari per anni e anni, potendo quindi essere impiegate a
tassi 7-8 volte più alti di quello che verrà riconosciuto al mutuatario; ma il guadagno
maggiore sta nel fatto che non saranno più costrette a garantire rinegoziazioni e
surroghe e portabilità a costo zero, come aveva tentato di fare Bersani”.
“Con buona pace del mercato della concorrenza e dell’Antitrust, - conclude il
Presidente del Movimento Difesa del Cittadino - che evidentemente è rimasto
spiazzato dall’annuncio dell’accordo. Stupisce davvero che Catricalà ritenga
corretto questo accordo, che in realtà configura un cartello nascosto: ogni banca si
tiene i suoi, il mercato e la concorrenza possono attendere”.

Inoltre, nell'epoca in cui tutti i personaggi importanti si indignano, io voglio prendere le distanze dall'ultima dichiarazione del papa. Infatti non capisco come si possa dire: gioia per il nuovo clima politico, l'Italia esca dalla crisi. Ora, si può dire tutto tranne che ci sia un buon clima politico. A meno che, non si considerino le manganellate, e un sistema fondato su coercizioni razzismo e atti Xenofobi, come una buona forma di realizzazione per definirsi società civile. Anche Amnesty accusa l'Italia per le politiche discriminatorie e per le violazioni dei diritti umani fondamentali. Inizio a pensare, che questo sia il limite massimo di civiltà da noi raggiungibile. Forse sono io a pretendere troppo.

Commenti

Silvia ha detto…
Sono rimasta anch'io allibita per la dichiarazione papale secondo cui attualmente ci sia un nuovo, meraviglioso clima politico in Italia! Credevo di aver male inteso... ma così non è. Come si può dire che ci sia un buon clima? Sospetto, intolleranza, xenofobia, violenza! Gente che si fa giustizia da sè ritenendosi nel giusto (e del resto, avallata dalle Istituzioni!), la totale, completa impossibilità di riconoscere la Giustizia legittima da quella presunta... il clima di terrore che ci fa aver paura di mettere il naso fuori casa... Dove siamo diretti?? Qualunque sia la risposta, non in una direzione buona...

Ma tutto sommato, è più che giustificato che al Papa e alla Chiesa questo clima faccia piacere... La Chiesa non è nuova ad attestati di stima nei confronti di... certi regimi del sospetto... lo dice la Storia, o no??!

Il limite massimo di civiltà possibile da raggiungere per noi? Io temo che quella che noi abbiamo creduto e chiamato civiltà... di civile abbia ben poco, non siamo affatto civili, questa non è affatto civiltà! Ma no, non sei tu a pretendere troppo... è l'idiozia umana che non ha limite, tutto qui...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Dove siamo diretti non lo so. Dobbiamo sicuramente iniziare a fare qualcosa perchè le cose peggiorano a vista d'occhio.
Silvia ha detto…
Già, dobbiamo fare qualcosa... e subito, prima che sia troppo tardi. Ma a volte ho paura, veramente paura, che nessuno voglia in fondo, in fondo fare qualche cosa... ché questo sistema fa comodo a troppi, dà da mangiare a troppi...

Ma noialtri qualcosa la dobbiamo fare!
il Russo ha detto…
Eccomi al giro serale, anche se oggi non ti ho visto dalle mie parti e quindi temevo che non avessi postato.
Invece sveli l'ennesima bufala del centro(poco) destra(troppo) italiano che, tranne una pausa di 18 mesi per colpa del governo Prodi, continua a fare cagate per un popolo mediamente di merdoni: gli italiani...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Russo, hai dettom tutto. Veramente ho commentato nel tuo blog......

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…