Passa ai contenuti principali

PICCOLA CONSOLAZIONE

Guardando l' evoluzione della politica italiana, le prime dichiarazioni, una magra consolazione risale dal mio animo ferito da questo decadimento culturale. Infatti posso dire: " Non sarà colpa mia!" Mi rivolgo ai milioni di precari, che per paura degli immigrati hanno votato per chi ha ampliato la legge 30. Mi rivolgo a chi, dice di non arrivare alla fine del mese, e poi vota per chi vuole aumentargli lo stipendio detassando gli straordinari. Mi rivolgo a quei cittadini della Val di Susa, che hanno dato il proprio consenso a chi vuole fare la TAV. Infine provo una triste compassione che sfocia nel livòre, per quelle famiglie che hanno in casa malati di tumore le quali, non capendo che è da ricondurre per la maggior parte ad un modello di sviluppo inconcepibile, votano per chi promette centrali nucleari, inceneritori e tav. Oggi guardavo un telegiornale in cui si parlava delle sanzioni da attribuire agli immigrati clandestini. Bene, sono proprio contento che il mio paese mandi in prigione i poveracci e non chi ruba miliardi. Infatti con il 95% dei reati che cade in prescrizione, basta avere un buon avvocato e tutto è permesso. Prescrizione a 4 anni per falso in bilancio, tra l' altro, solo se si evade più dell'1% del patrimonio. Dico grazie a tutte quelle leggi come la Cirielli o la Cirami. Per quanto riguarda la detassazione degli straordinari, mi sembra di vivere nel paese dei balocchi. Siamo difronte, ad una crisi economica mondiale dettata anche da troppa sovrapproduzione, di proporzioni ancora abbastanza oscure, e questi ci parlano di lavorare di più. Poi, io considero aumento in busta paga ciò che mi viene garantito nell' arco delle 8 ore. E' logico che se lavoro di più, guadagno di più, ma chi ne trae più beneficio è sempre l' azienda. O forse dobbiamo ascoltare la banca centrale europea, quando dice di non indicizzare i salari all' inflazione? Anche questo triste, sentirsi dire da miliardari che i miei mille euro al mese potrebbero causare una maggiore inflazione. Siamo veramente pedine al servizio del capitale. Guardando la situazione e l' esito delle elezioni però, posso dire che forse è quello che ci meritiamo. In ogni caso non sarà colpa mia.
Vi invito ad andare a vedere Censura Legale un post che descrive una situazione abbastanza grave

Commenti

Nicole ha detto…
Non sarà nemmeno colpa mia.
La cosa che mi fa più rabbia è pensare a che Italia disastrata lasceremo ai nostri figli. noi non la vivremo nel pieno delle sue possibilità, evabbè. ma ai postumi neanche un ricordo sano?
subcomandante1928 ha detto…
Che qualcuno abbia dimenticato?

Verona. Le menzogne di Forza Nuova
Inserito da Anonimo il 9 Maggio, 2008 - 09:20 Antifascismo Italia Notizia
autore:
antifa
Anche se la connessione tra questo omicidio squadrista e le organizzazioni politiche del fascismo istituzionale è ovvia e scontata, apprendiamo un'ulteriore riprova della stessa. Una normalità che uccide, una normalità da debellare.

Federico Perini, uno dei cinque arrestati per il pestaggio mortale di Nicola Tommasoli, si è candidato nelle liste di Forza Nuova alle amministrative di Verona del 2007. Il fatto sconfessa quanto sostenuto da Forza Nuova e dalla destra estrema all'indomani della morte di Nicola, e cioè che i giovani picchiatori non avessero nulla a che fare con la politica. C'è di più: sul sito di Forza Nuova, il coordinatore nazionale Paolo Caratossidis diffida gli organi di informazione minacciando di querelare chi attribuisce qualsiasi responsabilità della vicenda al partito di Roberto Fiore. «I nostri militanti non compirebbero mai un atto di così grave stupidità e cattiveria» prosegue Caratossitidis. Il ragionamento di Fn è semplice: se «il ragazzo» frequenta ambienti ultras o piazze dove si ritrovano i neofascisti, «questo è un altro discorso non minimamente ricollegabile a Forza Nuova». Un piccolo collegamento, invece, esiste: il giovane Perini, residente nel comune limitrofo Bosco Chiesanuova, nella primavera del 2007 risulta candidato di Fn per la seconda e l'ottava circoscrizione.

Laura Eduati

Liberazione 08/05/2008
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie sub, è sempre giusto ricordare. Anche perchè in molti non sono nemmeno al corrente di questi fatti.
Nicole proprio per questo dobbiamo impegnarci per cambiare. Ciao grazie
il Russo ha detto…
Vedi, le cose che dici tipo la faccenda degli straordinari e l'aumento di euro che uno si ritrova in busta paga sembrerebbero lapalissiane, poi ti guardi intorno e scopri che una marea di caproni (che si incazzano pure se gli fai notare che tali sono) ha votato tutto ciò.
Che mestizia...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Il Russo: Hai ragione ma evidentemente non lo sono. O forse, quando la gente prende in mano la matita per votare, in quei secondi spegne il cervello.Speriamo sia la seconda anche se è sempre una triste consolazione. Dici bene che mestizia
Silvia ha detto…
Non sarà neanche per colpa mia, questo è certo.

Grazie per le visite! Ti linko così non ti perdo di vista! ;-)
l'incarcerato ha detto…
Guarda, quello che hai scritto è tutto vero, tutto!

La sinistra ha avuto poco coraggio a portare avanti le proprie idee. Doveva speculare sul coraggio. Quella della paura lasciamola alle destre, loro sono bravi.

Per sinistra intendo quella che non è più rappresentata in parlamento. Il PD non considerarlo nemmeno.

Ciao testa di capra!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
A bè, sinistra è solo quella fuori dal parlamento. Chi candida imprenditori non è più sinistra.
Ciao incarcerato, grazie per la testa di capra.
Gatta bastarda ha detto…
quante verità... ma la gente continuerà a fare così perchè pensa che visto che quelli che ce la fanno sono i furbetti diventano furbetti anche loro in barba a legge e costituzione... L'italiano medio fa schifo e ne ho la riprova tutti i giorni però combatto a finchè si cambino le cose e leggere questi post e i commenti mi solleva di morale.. non sono sola!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…