Passa ai contenuti principali

PICCOLA CONSOLAZIONE

Guardando l' evoluzione della politica italiana, le prime dichiarazioni, una magra consolazione risale dal mio animo ferito da questo decadimento culturale. Infatti posso dire: " Non sarà colpa mia!" Mi rivolgo ai milioni di precari, che per paura degli immigrati hanno votato per chi ha ampliato la legge 30. Mi rivolgo a chi, dice di non arrivare alla fine del mese, e poi vota per chi vuole aumentargli lo stipendio detassando gli straordinari. Mi rivolgo a quei cittadini della Val di Susa, che hanno dato il proprio consenso a chi vuole fare la TAV. Infine provo una triste compassione che sfocia nel livòre, per quelle famiglie che hanno in casa malati di tumore le quali, non capendo che è da ricondurre per la maggior parte ad un modello di sviluppo inconcepibile, votano per chi promette centrali nucleari, inceneritori e tav. Oggi guardavo un telegiornale in cui si parlava delle sanzioni da attribuire agli immigrati clandestini. Bene, sono proprio contento che il mio paese mandi in prigione i poveracci e non chi ruba miliardi. Infatti con il 95% dei reati che cade in prescrizione, basta avere un buon avvocato e tutto è permesso. Prescrizione a 4 anni per falso in bilancio, tra l' altro, solo se si evade più dell'1% del patrimonio. Dico grazie a tutte quelle leggi come la Cirielli o la Cirami. Per quanto riguarda la detassazione degli straordinari, mi sembra di vivere nel paese dei balocchi. Siamo difronte, ad una crisi economica mondiale dettata anche da troppa sovrapproduzione, di proporzioni ancora abbastanza oscure, e questi ci parlano di lavorare di più. Poi, io considero aumento in busta paga ciò che mi viene garantito nell' arco delle 8 ore. E' logico che se lavoro di più, guadagno di più, ma chi ne trae più beneficio è sempre l' azienda. O forse dobbiamo ascoltare la banca centrale europea, quando dice di non indicizzare i salari all' inflazione? Anche questo triste, sentirsi dire da miliardari che i miei mille euro al mese potrebbero causare una maggiore inflazione. Siamo veramente pedine al servizio del capitale. Guardando la situazione e l' esito delle elezioni però, posso dire che forse è quello che ci meritiamo. In ogni caso non sarà colpa mia.
Vi invito ad andare a vedere Censura Legale un post che descrive una situazione abbastanza grave

Commenti

Bionicole ha detto…
Non sarà nemmeno colpa mia.
La cosa che mi fa più rabbia è pensare a che Italia disastrata lasceremo ai nostri figli. noi non la vivremo nel pieno delle sue possibilità, evabbè. ma ai postumi neanche un ricordo sano?
Anonimo ha detto…
Che qualcuno abbia dimenticato?

Verona. Le menzogne di Forza Nuova
Inserito da Anonimo il 9 Maggio, 2008 - 09:20 Antifascismo Italia Notizia
autore:
antifa
Anche se la connessione tra questo omicidio squadrista e le organizzazioni politiche del fascismo istituzionale è ovvia e scontata, apprendiamo un'ulteriore riprova della stessa. Una normalità che uccide, una normalità da debellare.

Federico Perini, uno dei cinque arrestati per il pestaggio mortale di Nicola Tommasoli, si è candidato nelle liste di Forza Nuova alle amministrative di Verona del 2007. Il fatto sconfessa quanto sostenuto da Forza Nuova e dalla destra estrema all'indomani della morte di Nicola, e cioè che i giovani picchiatori non avessero nulla a che fare con la politica. C'è di più: sul sito di Forza Nuova, il coordinatore nazionale Paolo Caratossidis diffida gli organi di informazione minacciando di querelare chi attribuisce qualsiasi responsabilità della vicenda al partito di Roberto Fiore. «I nostri militanti non compirebbero mai un atto di così grave stupidità e cattiveria» prosegue Caratossitidis. Il ragionamento di Fn è semplice: se «il ragazzo» frequenta ambienti ultras o piazze dove si ritrovano i neofascisti, «questo è un altro discorso non minimamente ricollegabile a Forza Nuova». Un piccolo collegamento, invece, esiste: il giovane Perini, residente nel comune limitrofo Bosco Chiesanuova, nella primavera del 2007 risulta candidato di Fn per la seconda e l'ottava circoscrizione.

Laura Eduati

Liberazione 08/05/2008
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Grazie sub, è sempre giusto ricordare. Anche perchè in molti non sono nemmeno al corrente di questi fatti.
Nicole proprio per questo dobbiamo impegnarci per cambiare. Ciao grazie
il Russo ha detto…
Vedi, le cose che dici tipo la faccenda degli straordinari e l'aumento di euro che uno si ritrova in busta paga sembrerebbero lapalissiane, poi ti guardi intorno e scopri che una marea di caproni (che si incazzano pure se gli fai notare che tali sono) ha votato tutto ciò.
Che mestizia...
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Il Russo: Hai ragione ma evidentemente non lo sono. O forse, quando la gente prende in mano la matita per votare, in quei secondi spegne il cervello.Speriamo sia la seconda anche se è sempre una triste consolazione. Dici bene che mestizia
Silvia ha detto…
Non sarà neanche per colpa mia, questo è certo.

Grazie per le visite! Ti linko così non ti perdo di vista! ;-)
Unknown ha detto…
Guarda, quello che hai scritto è tutto vero, tutto!

La sinistra ha avuto poco coraggio a portare avanti le proprie idee. Doveva speculare sul coraggio. Quella della paura lasciamola alle destre, loro sono bravi.

Per sinistra intendo quella che non è più rappresentata in parlamento. Il PD non considerarlo nemmeno.

Ciao testa di capra!
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
A bè, sinistra è solo quella fuori dal parlamento. Chi candida imprenditori non è più sinistra.
Ciao incarcerato, grazie per la testa di capra.
Gatta bastarda ha detto…
quante verità... ma la gente continuerà a fare così perchè pensa che visto che quelli che ce la fanno sono i furbetti diventano furbetti anche loro in barba a legge e costituzione... L'italiano medio fa schifo e ne ho la riprova tutti i giorni però combatto a finchè si cambino le cose e leggere questi post e i commenti mi solleva di morale.. non sono sola!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…