Passa ai contenuti principali

BOCCIATI

Lo so cari amici, la situazione è grave! Siccome però, a me piace farmi del male, ho deciso con un pizzico di masochismo di seguire i primi provvedimenti del nuovo governo. Partendo dal presupposto che tutti noi sappiamo qual è l'emergenza principale che attanaglia il nostro martoriato paese, sfogliando le notizie scopro che, riguardo ai rifiuti, l 'Ue boccia il decreto Berlusconi anche se per ora la commissione non si esprime in modo definitivo. Il motivo , sarebbe da ricondurre alla mancata compatibilità della legge rispetto alle normative europee di trattamento e smaltimento dei rifiuti. Bene... abbiamo già una procedura di infrazione aperta a nostro carico, ma forse non è sufficiente. La questione di Napoli, a me dimostra tutto il degrado Italia. Guardando la città mi sembra di vedere il paese in mignatura, un paese che per svegliarsi deve affondare, deve soccombere sotto i colpi del suo individualismo e del:" tanto qualcuno lo farà per me". Purtroppo siamo ancora più portati a credere a un bel sogno rispetto che ad una triste verità. Il comportamento del governo poi, lascia perplessi soprattutto quando Berlusconi afferma:" lo stato con mano ferma, userà anche la forza se sarà necessario". Ma chi è lo stato? Lo stato sono i cittadini, lo stato è chi paga le tasse e si vede accatastare una montagna di merda vicino a casa. In questo contesto, tutto deve essere fatto con la forza, la prevaricazione, quasi per svuotare le persone della propria autostima facendogli credere che tanto ogni cosa facciano non cambierà niente, che le proteste sono un ostacolo al "progresso", riducendoli così ad una minoranza che rifiuta il bene del paese. Io invece penso che debbano essere i residenti ad avere potere decisionale, a decidere il proprio futuro locale con forme di collaborazione tra stato e autorità locali. Altrimenti, sono solo imposizioni dall'alto, sospensioni dei fondamentali diritti democratici, coercizioni utili a fomentare rabbia e odio nei confronti delle istituzioni sempre più lontane dai bisogni dei cittadini. Se rifletto noto un filo logico in tutto ciò. Al sistema attuale, per poter continuare a perpetrare i suoi crimini, serve gente sempre meno interessata alla vita pubblica. Con questo, cosa può dissuadere il cittadino dalla partecipazione se non prendere delle sane manganellate? Niente! Perchè poi, la maggior parte di noi (fortunatamente non tutti) tra solidarietà e propria incolumità, sceglie la seconda ipotesi.

Commenti

Anonimo ha detto…
Ciao. Grazie per i complimenti al mio blog, ma mi limito solamente a duplicare articoli che ritengo interessanti. Ma come hai fatto a scovarmi, sono appena atterrata su questo pianeta. Ho creato volentieri un link al tuo blog, che sto sbirciando. A presto.
Anonimo ha detto…
Ci tengo a precisare che il post che hai letto è tratto da liberamenteservo di qualche tempo fa, ma che ora non è più online (o almeno io non riesco a trovarlo). Sono riuscita però a duplicare una copia in html da google. Poiché sull'argomento, di cui non sapevo nulla, non ho trovato molto su internet, ho pensato di ripubblicarlo.
Anonimo ha detto…
Me ne sono accorta. Ho appena lasciato lì un messaggio per Paolo Russo, poiché non riesco a trovare il suo blog. Ciao.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Per quanto mi riguarda, non importa dove tu l'abbia trovato, hai comunque il merito di averlo pubblicato e nel tuo piccolo hai fatto in modo che venisse conosciuto. L' importante, a mio avviso, è non perdere mai la voglia che abbiamo di inseguire la verità. Grazie comunque per la precisazione...
Anonimo ha detto…
E' proprio lo scopo del mio blog. Far girare le informazioni che ritengo interessanti, quanto più possibile. Andate (su internet) e moltiplicateli (i siti). Amen
il Russo ha detto…
Aprire una discarica ad Arcore nel terreno della nota dimora di un noto signore' E poi in Sardegna, anche lì il noto signore ne ha di spazio!
Insomma, un paio di discariche in quei siti a mio giudizio perfetti e almeno l'emergenza rifiuti per st'estate a Napoli l'abbbiamo risolta...

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…