Passa ai contenuti principali

STATO DI DIRITTO?

Purtroppo i casi di razzismo sono in continuo aumento e devo constatare che in Europa il germe maledetto l'abbiamo tenuto noi e rischia di germogliare in tutto il continente...
Intanto ho ricevuto una e mail dove il Gruppo EveryOne che si occupa dei diritti dei Rom sta denunciando una situazione gravissima dove l'odio razziale ha ormai contagiato Istituzioni e autorità. La città di Milano è ancora teatro di una vile, brutale spedizione punitiva nei confronti di un cittadino romeno di etnia Rom, effettuata questa volta da agenti di polizia indivisa. Dopo l'aggressione avvenuta la mattina del 17 giugno nei confronti di Rebecca Covaciu - la bambina che si è aggiudicata il Premio Unicef 2008 per le sue doti artistiche - e dei suoi familiari, ieri sera, 19 giugno 2008, un altro pestaggio, ancora più violento e inquietante, ha colpito il papà di lei, Stelian Covaciu, missionario della Chiesa Cristiana Evangelica Pentecostale. Il problema è che questi agenti hanno minacciato tutti, ricordano molto i fatti di Federico Aldovrandi, ragazzo ucciso dai poliziotti. Ma per fortuna non è scappato il morto. Un dramma quando il razzismo viene praticata dalle forze del (dis) ordine.
24 giugno 2008 12.25




Il testo sopra, è un commento ricevuto nell'articolo di ieri da INCARCERATO il quale ringrazio perchè non conoscevo il fatto. Ho deciso di pubblicarlo perchè, secondo la mia sensibilità e intelligenza, è un fatto di una gravità impressionante che merita molto più spazio di un semplice commento. Cercando informazioni sull'accaduto ho letto anche l' articolo che potete trovare qui , dal quale si può trarre un'attenta disamina riguardo l' aggressione a Rebecca Covaciu. Dopo aver letto il pezzo, oltre ad una voglia irreprensibile di spaccare tutto, la senzazione preminente è lo sconforto che diventa vergogna, quando il testo denuncia che per mano di un ITALIANO viene picchiata una ragazzina incinta solo perchè Rom.

Ora, se questa follia oltre alla gente " normale", interessa anche le forze dell'ordine, che fine faremo? Quelle stesse forze dalle quali dovrebbe venire la tanto agoniata sicurezza, e che troppe volte, si rivoltano contro la gente il cui compito è proteggere.
Troppe volte il suono della parola: "stato civile", è stato interroto dal sordo rumore del manganello.
Troppe volte il suono della parola:" democrazia", è stato interroto dalle urla di manifestanti trattati come in una dittatura sudamericana.
Una volta il suono della parola:"vita", è stato interroto dalla morte del povero Federico Aldrovandi. Non ho citato Federico per caso. Ho voluto arrivare qui, per dire con tutta la mia voce che, al posto di quei Rom o di Federico, potremmo esserci noi. Quindi, se abbiamo perso anche quel briciolo di umanità che permette di indignarci per le cose altrui, l'unica è pensare che al suo posto potremmo esserci noi.
Perchè troppe volte abbiamo dovuto soffocare rabbia e indignazione nei pugni, vedendo queste immagini

Commenti

Come posso non condividere queste paure.

Io, ispirato dal tuo post precedente (post linkato), ho purtroppo ipotizzato una paura più vasta. Non limitata forse solo al nostro Paese.
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
il razzismo ha due tipi di padri,uno è quello del disagio sciale,
l'altro è quello del politico che cavalca le paure,le incertezze e sopratutto le poverta' di tanti,per riversarle con rabbia sugli stranieri di qualunque etniaessi siano..Ti ricordo che fino a non piu di ventanni fa le stesse invettive ernao rivolte "ai terroni"e qualora dovessero venire venir meno gli extracomunitari in questo paese si ritornera' a bomba sui terroni,perchè la politica è sporca e si serve sempre delle bassezze dell'animo umano per governare
quando un italiano versa in condizioni economiche che chiamare precarie è qualcosa di eufemistico la dice lunga su come le destre exenofobe hanno gioco facile su menti poco evolute e poco disposte a condividere cio'....che non hanno nememno per loro-
solo l'eguaglianza sociale o qualcosa che almeno gli assomigli puo' aiutare ad essere piu giusti verso gli altri.Dare senza ricevere,in questa societa' è cosa poco nota,o meglio molti clericali cavalcano questo tema ma lo fanno solo ad uso e consmo del loro personale benessere e non per vera carita'ma l'equita' sociale NON è mai stato il primo obbiettivo delle nazioni cosidette capitaliste e forse non lo è nemmeno per quelli del terzo o quarto mondo,purtroppo quando non si riesce a mettere a tavola il pane con il companatico è difficile fra capire certi argomenti
Cesco ha detto…
Il razzismo sta diventando sempre più preocuppante, e la cosa peggiore è che spesso si dice "no, non sono episodi di razzismo, è solo che la gente è stufa"! Ma stufa di cosa? La realtà è che si cerca di scaricare le proprie insensate frustrazioni su chi non si può difendere, certi dell'impunità perchè il sentimento generale è quello di solidarietà con questi figli di puttana che non hanno neanche il rimorso di vedere una bambina spaventata. Di più, la gente non vede neppure una bambina, per loro è solo spazzatura che un giorno sarà una grande spazzatura. Maledetti vigliacchi, pregate di non trovarmi mai davanti alla vostra strada, perchè a costo di passare anni in galera passerete il resto della vostra vita a mangiare con una cannuccia e a respirare con una macchina!
Silvia ha detto…
Ormai il razzismo contro i Rom in Italia è diventato sport nazionale... anzi, piuttosto: la religione preferita, da professare con convinzione e ardore. Purtroppo la diffusa idea che tutti i mali del Paese provengano da un unico gruppo porta ad azioni pinitive/intolleranti/criminali della peggior specie senza senso e senza alcuna giustificazione. Il grosso dell'opinione pubblica crede davvero che il male del Paese venga da una sola parte... peccato che i mali del nostro Paese vengono dagli abitanti ITALIANI e da questa loro vergognosa e ignobile mentalità che non conosce rispetto per nessuno; se solo imparassimo a rispettare e a capire gli altri... tutto questo non accadrebbe, non ci sarebbe sospetto. Ma presumo che nascondersi dietro stereotipi sia più conveniente, più facile fare di tutta l'erba un fascio. E questi sono i risultati. L'aggressione a Rebecca è gravissima e criminale tanto più che ancora una volta è stata compiuta verso individui inermi e indifesi, tipico prendersela con bembini e donne. E la cosa peggiore di questo fattaccio è che QUASI NON SE N'E' PARLATO... poichè in Italia sappiamo bene che i crimini, le violenze, i delitti non vengono compiuti dagli italiani... lo sappiamo bene, no? Gli italiani sono tutti bravi, è risaputo...

Questa follia interessa anche le forze dell'ordine?? Perchè le forze dell'ordine, in Italia, fanno cose illecite???!!! Tranquillo Marco, presto interverrà l'esercito e ci salverà tutti! ;-)

***

Ahhh, e se penso che lo Stato dovrebbe sensibilizzare la gente ad abbattere stereotipi dannosi e criminali e che non solo NON lo fa... ma avalla persino questo sistema basato su un'intolleranza ignorante...
l'incarcerato ha detto…
Caro schiavi o liberi, hai integrato il mio commento benissimo e purtroppo la tua rabbia e anche quella di Cesco non è esagerata... Io non ho fatto un post su di questo perchè mi è impossibile trovare delle parole, grazie mille per averlo fatto!
duccio ha detto…
Anche io scrivo spesso di immigrazione e razzismo, fai un salto
;-) duccio
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Gabry: non dirlo a me sui terroni, sono di origini calabresi dalla parte di mia mamma. Ogni anno o quasi, scendo in Calabria anche perchè ritengo i posti molto migliori rispetto al cemento padano. Quello che dici è verissimo ma il problema è proprio il capitalismo che per funzionare, ha bisogno di profonde disuguaglianze.

Cesco: condivido quello che dici e la rabbia che mostri.

Silvia: cara Silvia, proprio l'esercito non riesco a mandarlo giù. E' vero lo stato dovrebbe sensibilizzare...ma come farebbero a giustificare 20 e più anni di politica contro la gente a favore del dogma mercato? Se lo stato(potere) con i media, non alimentasse fobie utili a distruggere la naturale empatia che dovrebbe esserci tra gli esseri umani, questo sistema sarebbe finito.

Incarcerato: grazie a te carissimo della segnalazione

duccio: arrivo subito
Gatta bastarda ha detto…
spero di non essere l'unica a provare schifo erabbia con dei video così... a piangere per queste scene... in più per una ragazza di genova che si è vista il g8 e ole sue schifezze in casa queste scene hanno un ricordo dall'odore di sangue...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…