Passa ai contenuti principali

MORALE

Devo dire che questo , per le mie seppur giovani coronarie, è veramente troppo. Oggi la nostra Italia è stata per l'ennesima volta offesa, in quel che resta della sua moralità, da questo discorso. Troppe volte ormai politici definiti "liberali", economisti che difendendo un dogma ormai alla frutta e i soliti industriali da rapina, fanno discorsi che viòlano i principi sui quali dovrebbe essere eretto uno stato civile. Qualche settimana fa, durante l'inaugurazione della fiera del mio paese, Steno Marcegaglia padre di Emma ha tenuto un discorso nel quale ringraziava tutti coloro che hanno lottato per la libertà, perchè con il loro sacrificio hanno reso possibile lo sviluppo di tante imprese come la sua. Durante il suo intervento la domanda che mi sono posto è stata: " E' veramente questa la libertà per la quale hanno lottato?" A giudicare dalla costituzione no. Non è libertà andare al supermercato e scegliere quello che vuoi o fare 20-30 anni di mutuo per avere una casa, la quale spetterebbe in quanto diritto fondamentale. La stessa condizione di lavoratore dipendente esclude la libertà. Infatti quando per vivere, mangiare, mantenere figli dipendi da qualcuno, sei asservito al suo volere. Per come intendo io, l'essere libero vuol dire poter criticare il tuo datore di lavoro senza paura di venir licenziato, aver garantito il cibo, una vita dignitosa e una casa, senza dover vendere gran parte della tua vita lavorativa ad una banca. Detto questo, discorsi come quello tenuto da Berlusconi oggi, sono liberali solo per i ricchi che possono e potranno continuare a rubare senza paura di venir scoperti e tantomeno condannati. Quello che più mi altera però, è vedere come riescono ad abbindolarci facendoci credere di essere liberi, quando ogni aspetto della nostra vita è controllato, sottoposto ad una subdola repressione e manipolazione mediatica fino negli istinti. Fino a quando, non riusciremo a liberarci da tutto ciò, saremo sempre schiavi.



Commenti

emanuela ha detto…
"metastasi della democrazia"
linguaggio inaccettabile.
Sui fischi... non mi illuderei molto. I concetti di libertà cambiano secondo le convenienze e i punti di vista
il Russo ha detto…
Quando si parla di regime leggero non é casuale, questa é la condizione nella quale ci fanno stare....
l'incarcerato ha detto…
Carissimo qui mi piace cosa ha scritto emanuela, anche io sui fischi non mi illuderei molto.
Che desolazione.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Io per libertà intendo sempre poter vivere dignitosamente, mangiare e avere un 'abitazione, senza dover dipendere da qualcuno...Oltre a questo, libertà è poter scegliere il proprio futuro assieme, partendo tutti dalla stessa posizione cosa che in questo tipo di società non accade....
Silvia ha detto…
Siamo schiavi più che mai! schiavi di un regime che non ha nome, che si mimetizza abilmente, che ci vende una sorta di "libertà a buon mercato" e ci induce a sentirci onorati e fieri di questa pseudo-libertà. E' ovvio che il sig. Steno Marcegaglia ringrazia i lavoratori per aver fatto arricchire la sua azienda e tutte le altre: la loro ricchezza spropositata poggia sulle schiene di tutti i lavoratori...

"...Per come intendo io, l'essere libero vuol dire poter criticare il tuo datore di lavoro senza paura di venir licenziato, aver garantito il cibo, una vita dignitosa e una casa, senza dover vendere gran parte della tua vita lavorativa ad una banca...", anch'io la intendo così, Marco! Libertà vuol dire avere diritto a farsi sentire e a pretendere migliorie se la nostra condizione è precaria, rivendicare il diritto ad essere tratatti con dignità e Rispetto in quanto individui e non numeri da statistica! Libertà sono salari decenti, mai più morti sul lavoro per colpa dell'indifferenza dei datori di lavoro, mai più persone che s'indebitano con quei strozzini leciti che sono gli istituti bancari...

Libertà vuol dire non farci manipolare dall'alto, dalla tv, dalla Chiesa e da qualsiasi potere forte...
luce ha detto…
Per essere davvero liberi dovremmo riuscire a leggere tra le righe, riflettere su tutto ciò che ci dicono, stare attenti, osservare con attenzio ma che fatica la libertà, sembra un aspetto scontato nel nostro mondo ma siamo meno liberi di quel che pensiamo, le notizie sono sempre filtrate, gli acquisti indirizzati, il lavoro che vorresti un utopia, insomma siamo "liberi" ma solo tra virgolette.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Silvia: il fatto che tu la pensa come me, non può farmi altro che piacere...
"Libertà vuol dire non farci manipolare dall'alto, dalla tv, dalla Chiesa e da qualsiasi potere forte..."
Perfetto...

Luce: è vero la libertà richiede fatica, ma è uno sforzo che vale sicuramente la pena fare...
Vergognoso ma vorrei sottolineare che anche con la Sinistra al potere ha fatto ed ottenuto quello che voleva

Si potrebbe quasi dire che Berlusconi governa da almeno tre legislature: in proprio o con mandato con rappresentanza.... sic.
Silvia ha detto…
Il fatto che la pensiamo allo stesso modo... non può che farmi piacere!!! ;-))
Cesco ha detto…
Berlusconi è un cancro per il buonsenso di questo disastrato paese, che in questi cinque anni vedrà uno dei periodi più bui della seconda repubblica. Libertà? E' libertà quando non puoi eleggere chi vuoi tu? E' libertà quando un imputato decide di auto scagionarsi facendo il giudice di se stesso? E' libertà quando il capo del governo detiene il 90% della stampa televisiva e cartacea? E' libertà quando una persona può decidere di legare le mani alla magistratura affinchè non si indaghi sulle malefatte degli anni trascorsi? E' libertà quando viene fatto un censimento razzista dei rom, come facevano i nazisti e i fascisti con gli ebrei? Oggi le impronte digitali, domani? Vernice rossa con la scritta "ROM" per indicare ai fancazzisti italiani che lì abitano dei pericolosi nomadi? Dopodomani? Filo spinato per contenere in un campo di concentramento le etnie straniere? Si dice che Dio abbia creato l'universo in sette giorni, credete che un dittatore come Berlusconi non riesca in un paio di mesi a trasformare l'Italia in un lagher nazista?

Questa non è libertà, non è democrazia. E', ancora una volta, una dittatura...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…