Passa ai contenuti principali

FALSA CIVILTA'

Sabato, il Manifesto apriva con questa pagina nel narrare quello che sta accadendo ormai nel nostro paese da troppo tempo. Infatti leggendo queste due notizie : Pulizia in stile Alemanno e Nelle reti dei pescatori i cadaveri degli immigrati, sembra veramente che il corpo del reato sia il poveraccio in cerca di fortuna. Voglio mettere in risalto la notizia, voglio che entri nelle viscere di chi si commuove osservando bambini morire di fame in Sudan, Congo e altri paesi, per poi esultare nel guardare il mediterraneo diventare il cimitero di chi non ha più speranze. Di chi abbandona la propria terra, famiglia, affetti, per chiudere il libro, terminare il racconto della sua vita in mare. Ho sentito persone dire : " il mare ci aiuta". A questi esseri che non saprei come definire, auguro solo di trovarsi un giorno a dover abbandonare l'Italia accompagnati dalla disperazione di chi non ha futuro. Mi vergogno di un popolo che dimentica quello che è stato.
Italiani, vi siete già dimenticati i vostri nonni partire con valige di cartone in cerca di un futuro migliore?
Vi siete dimenticati che all'estero ci sono 60 milioni di persone di origine italiana? Ma forse siete talmente ignoranti da non saperlo neanche.
Sapete che in Argentina, più del 40% della popolazione è figlia dell'Italia?
E potrei andare avanti con Australia, America tutta nord e sud, Germania. Che strano?! Un popolo di migranti che rifiuta gli immigrati. Troppo comodo cari miei, comodo chiedere aiuto quando si ha bisogno e poi annegare nell'indifferenza quando si vive nella "FALSA RICCHEZZA". Ricordatevi però quello che diceva il grande Karl Marx: " la realta non è immutabile, è tutto un divenire." Ricordatevi che un giorno la storia potrebbe ripetersi.



Purtroppo quando si è ignoranti si è destinati a soccombere.

Commenti

il Russo ha detto…
Ma cosa vuoi che sappia un popolo di bestie che al nord inneggia ai celti quando manco sa come son fatti, al centro al nazismo quando l'italiota medio tutto sembra fuorchè di razza ariana e al sud con Lombardo all'"autonomia": ma da chi????
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
giusrto Marco,come dice russo ma di chi?ma de che? un amassa di caproni ignornati,bellissimo sto video,io ti avevo portato questo,per ircordarci anche di lui,ormai zittito dlla massa dei media...

http://www.youtube.com/v/G24_vXfQu3s&hl=it

ora mi acchiappo il video poi domani li giro in giro per i vari blog sia miei sia degli amici
gabrybabelel
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
A entrambi dico che sinceramente non lo so da chi. Loro dovrebbero essere i primi a volere uno stato forte anche perchè, se dovessero fare il federalismo fiscale, ci rimetteranno sicuramente.

Gabrybabelle. grazie per il video è davvero interessante. Corrado ha ragione, più che deriderlo, sarebbe ora di prendere sul serio chi sta lentamente ma inesorabilmente distruggendo il nostro paese.
alfa ha detto…
In effetti l'ignoranza dilaga...

La prima pagina di Il Manifesto di sabato è stata davvero una mazzata pazzesca... così come il foglio-inchiesta che ieri ricopriva la prima pagina de l'Unità... ma di queste cose si parla sempre meno, in televisione...
NADIA ha detto…
hola "chi non ha memoria non ha futuro" quello che stanno facendo i nostri politici mi fa veramente vergognare...................
hasta siempre!!!!!!!!!!!!!!
l'incarcerato ha detto…
Io continuo a confidare nell'uomo,specialmente dopo la giornata di domenica. Io dai politici non mi aspetto niente perchè oggi, come nel passato, dobbiamo essere noi i protagonisti del cambiamento.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…