Passa ai contenuti principali

SCHEDIAMO I BAMBINI ROM

Ecco perchè questo governo vuole schedare i bambini:



Ho detto bambini senza specificare l'etnia, perchè per me sono tutti uguali, perchè schedare un bambino Rom è un'offesa anche per un nostro figlio. Mi rivolgo a quei genitori senza più valori i quali, dall'alto della loro esperienza, credono di poter insegnare qualcosa ai figli perchè infondo, basta essere grandi per ritenersi uomini o donne.
Troppe volte insegnamo cose sbagliate, troppe volte quella che riteniamo educazione in realtà è coercizione al naturale sviluppo delle facoltà del bambino. Mi rivolgo a voi genitori:

Non insegnate ai vostri figli
cosa è la paura del diverso,
cosa è la diffidenza,
cosa vuol dire odiare.

Non insegnate a far sentire la nazionalità un peso,
il colore della pelle una vegogna,
la vita degli altri inutile.

Non insegnate ai vostri figli la ricchezza,
a considerarsi in base al vestito,
al paio di scarpe,
alla macchina che possono sfoggiare.

I bambini non pensano a tutte queste cose. Per loro non c'è nazionalità, ricchezza e odio. Siamo noi che con il nostro modo di fare, ormai sempre più privo di veri valori, confondiamo l' educazione per un qualcosa che non lo è. Siamo noi che pretendiamo di insegnare a loro e poi schediamo in base all'etnia. Siamo noi che pur conoscendo le cifre di quanti bambini muoiono di fame, non siamo in grado di cambiare.
Per favore voi genitori non insegnate ai bambini a essere come noi, loro non sarebbero mai capaci di restare indifferenti a tutto questo.

Commenti

Vincenzo ha detto…
Ciao è da parecchio che leggo il tuo nome su vari blog che frequento regolarmente...il tuo blog è interessante e credo che abbiamo molte cose in comune. Ti andrebbe uno scambio di link? Io l'ho già fatto....ciao ciao
Matteo L. ha detto…
Vedo che l'argomento è molto dibattuto in Rete.. Ho scoperto lì il tuo blog e mi piace. Vado a linkarti subito e ti aspetto da me in TEO NEWS per fare lo stesso se vorrai. Saluti e grazie!
luce ha detto…
Al nido bambini di paesi ed etnie diverse giocano tra loro, anche se provengono da culture diverse e parlano lingue incomprensibili riescono a capirsi, si cercano, condividono, sperimentano, amano e ridono insieme. Alcuni genitori invece tengono le distanze e storcono il naso vedendo i loro bambini divertirsi con bambini di etnie diverse. Molte persone ancora oggi continuano a credere che esista una razza superiore ma si sbagliano esistono solo meravigliose diversità che certe volte possono sembrare incomprensibili e possono spaventarci, ma non dobbiamo aver paura dobbiamo fare come i bambini capirci senza neanche il bisogno di parlare, accettare gli altri per condividere con loro le nostre emozioni.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
LUCE: condivido in pieno le tue parole....
l'incarcerato ha detto…
Condivido in pieno quello che hai scritto, è una vergogna questa legge.
Un ritorno all' idea di razza, è semplicemente questo.

ps ma come ho scritto nel mio blog c'è gente di buon senso che non vuole applicare questa cosa sui bambini. Ho fiducia nel buon senso.
il Russo ha detto…
Schiavi o liberi, sai come si dice dalle mie parti (in "padania")? Chi sà fà, chi non sà insegna.
Capisci perchè in questa zona di merda che si chiama settentrione dove la Lega prende un pacco di voti i bambini vengono tirati su come coglioncelli razzisti fin da piccoli?
Donna Cannone ha detto…
Ciao, ho letto oggi una lettera su un giornale locale, di questa "iniziativa" - dove posso recuperare uno dei simpatici libricini??
Silvia ha detto…
Come si dice? La Storia è fatta di corsi e ricorsi: se avessimo imparato qualche cosa dagli errori del passato, beh, l'evoluzione (morale) ci avrebbe investito da un pezzo...

Schedare i bambini Rom è aberrante: da questo ai ghetti (se non peggio...) il passo è davvero breve. Pare di rivedere scene da libri di Storia, da Europa anni '30 e '40. Che vergogna.

"Non insegnate ai vostri figli..." le tue parole sono molto profonde e vere, che questi genitori possano insegnare la tolleranza e il Rispetto ai figli!

Ma...

Forse i genitori stessi dovrebbero essere i primi cui insegnare tali valori.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Incarcerato: speriamo che le tue speranze trovino sempre più spazio nella realtà.

Il russo: capisco...ormai la padania la considero quasi irrecuperabile.Mi fa pena abitare in una zona del genere.

Donna cannone: Ciao, io aggiungerei iniziativa da idioti.

Silvia: vero, purtroppo bisognerebbe insegnare le cose prima ai genitori....sempre meno in grado di esserlo.
Silvia ha detto…
Sì, ma chi le insegnerà ai genitori???
Pellescura ha detto…
I leghisti di oggi hanno figli che saranno classe dirigente tra 30-40 anni, è un bel guaio.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Silvia: a questo punto noi con delle martellate in testa. Per adesso viene criminalizzato il diverso, ma quando il sistema come sembra collasserà a tal punto da non riuscire a garantire mai più la qualità di vita attuale, bisognerà svegliarsi per forza.

Pellescura: fra 30-40 anni, la situazione sarà profondamente diversa in ogni caso. Chissà cosa ci aspetta?
alfa ha detto…
Una vergogna...

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…