Passa ai contenuti principali

NOI SIAMO IL MONDO

Oggi è domenica e non ho voglia di parlare delle solite cose brutte. Posterò una canzone che ho sempre ascoltato, fin da piccolo, perchè mi da speranza e voglia di reagire a tutto il male ed egoismo che ci circonda.





Siamo il Mondo

Arriva un momento in cui abbiamo bisogno di una chiamata,

quando il mondo deve tornare unito

C’è gente che muore

ed è tempo di aiutare la vita, il più grande regalo del mondo.


Non possiamo andare avanti fingendo di giorno in giorno

che qualcuno, da qualche parte, presto cambi le cose.

Tutti noi siamo parte della grande famiglia di Dio

e, lo sai, in verità l’amore e tutto quello di cui abbiamo bisogno.


Noi siamo il mondo, noi siamo i bambini

noi siamo quelli che un giorno porteranno la luce,

quindi cominciamo a donare.

E’ una scelta che stiamo facendo,

stiamo salvando le nostre stesse vite,

davvero costruiremo giorni migliori, tu ed io


Manda loro il tuo cuore

così sapranno che qualcuno vuol loro bene

e le loro vite saranno più forti e libere.

Come Dio ci mostrò, mutando la pietra in pane,

così tutti noi dovremmo dare una mano soccorritrice.


Noi siamo il mondo, noi siamo i bambini

noi siamo quelli che un giorno porteranno la luce,

quindi cominciamo a donare.

E’ una scelta che stiamo facendo,

stiamo salvando le nostre stesse vite,

davvero costruiremo giorni migliori, tu ed io


Quando sei triste e stanco, sembra non ci sia alcuna speranza,

ma, se tu hai fiducia, non possiamo essere sconfitti.

Rendiamoci conto che le cose potranno cambiare solo

quando saremo uniti come una cosa sola.


Noi siamo il mondo, noi siamo i bambini

noi siamo quelli che un giorno porteranno la luce,

quindi cominciamo a donare.

E’ una scelta che stiamo facendo,

stiamo salvando le nostre stesse vite,

davvero costruiremo giorni migliori, tu ed io


Noi siamo il mondo noi siamo la vita. Il mondo non è delle multinazionali, delle banche, dei vari politici sempre più lontani dai bisogni della gente, ma nostro. Dell'italiano che ogni mattina si alza e va a guadagnarsi un pezzo di pane, dell'americano che si vede pignorata la casa, dell'iracheno che vede ogni giorno qualcuno morire per attentati, del filippino che non ha più i soldi per comprare il riso, del sudanese che fa 3 Km per raggiungere un pozzo d'acqua, ecco di chi è il mondo. Arriva il giorno in cui dobbiamo rispondere alla chiamata, iniziando ad assumerci le nostre responsabilità e smettendola di delegare la nostra vita ad altri, per diventare uomini e donne con in mano il nostro futuro. Non dite che è utopia, le cose possono cambiare, lo hanno dimostrato 1 milione di irlandesi tenendo in scacco l'intera Europa delle banche e delle multinazionali. Basta non continuare a credere che qualcuno debba risolvere le cose per noi, basta non avere paura del mondo come invece accade ormai troppo spesso. Il voto delle ultime politiche ne è la dimostrazione, un consenso dato a partiti dalle forti radici locali, caratterizzati da una chiusura a riccio nei confronti del diverso e da tutto ciò che esula dal contesto geografico. Io dico: "Cosa conta tutto ciò quando il tuo ministro dell'economia è a Tokyo per un vertice G8?" Niente, perchè per quanto tu possa averne timore prima o poi il mondo con i suoi problemi, in un modo o nell'altro, arriva, cogliendoci così sempre impreparati. Arriva con il volto dei disperati in cerca delle nostre briciole, con la crisi dei mutui, con il caro petrolio, la crisi alimentare, il riscaldamento globale e ne saremo travolti con o senza paura. Apriamoci al mondo, abituiamoci a sentire come nostri i problemi di chi vive anche a migliaia di Km da noi, ad assumerci le nostre responsabilità come cittadini italiani, ma anche di un mondo sempre più bisognoso di prese di coscienza. Mai come ora l'umanità ha bisogno anche di noi, della nostra voglia di giustizia e libertà.


Commenti

Silvia ha detto…
Hai ragione, è proprio ora che ciascuno di noi si assuma le proprie responsabilità, poichè i problemi del mondo che ci attorniano ci riguardano molto di più di quanto pensiamo! Vero, dobbiamo smettere di farci abbindolare dall'alto credendo a "verità" che ci vengono spacciate troppo gratuitamente... così facendo stiamo perdendo la cognizione della realtà e non sappimo più distinguere le verità reali dalle verità apparenti; il sospetto ci comanda a bacchetta e tutto sta andando a rotoli... "Mai come ora l'umanità ha bisogno anche di noi, della nostra voglia di giustizia e libertà", appunto!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Silvia: Sperimo solo che le persone inizino a prendere coscienza di tutto ciò.
Silvia ha detto…
Già, lo spero anch'io che questo processo di "presa di coscienza" investa tutti...
Silvia ha detto…
Ahhhhh, ho visto le nuove immagini che hai messo nel blog: complimenti!! E ti ringrazio in maniera particolare per l'immagine della manifestazione contro le violenze sulle donne, GRAZIE!!! Lo dico a nome di tutte noi... ;-))
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Silvia: Figurati...bisogna portare avanti le battaglie su tutti i fronti. Ogni discriminazione di genere, razza e qualsiasi altro, deve essere combattuta. Tutto ciò diventa NECESSARIO e FONDAMENTALE per provare a raggiungere il tipo di società che sognamo.

Grazie a te del complimento.
Silvia ha detto…
Hai ragione! ;-))
il Russo ha detto…
Noi siamo il mondo, é vero, però alcuni ne hanno le leve del potere e spesso é gente come noi a dargliele..
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Russo: Quello che dici accade troppo spesso purtroppo. Infatti il nostro compito, deve essere riuscire a far si che la gente si responsabilizzi.Che acquisisca maggoiore consapevolezza, che smetta di vivere nell'indifferenza e nel: "tanto non cambierà niente"
Gatta bastarda ha detto…
quanti ricordi... chissà se c'è chi ascolta ancora questa canzone tra i bambini di oggi...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…