Passa ai contenuti principali

MANIFESTAZIONE

PORRAJMOS [a forza di essere vento]



La parola Porrajmos, al contraio di Shoà, non reca la stessa indignazione, lo stesso risentimento, per un fatto storico che ha macchiato in modo indelebile l'umanità. Anzi, ai più è sconosciuta. Questo video mi piace, perchè oltre rendere memoria, attribuisce in modo chiaro le colpe dello sterminio a fascisti e nazisti. Ecco come devono essere definiti gli aguzzini che ai giorni nostri perseguitano rom, trans, fanno assalti al diverso, sono fascisti e nazisti. Non importa, se hanno tatuaggi di uomini che non sono nemmeno degni di pronunciare, la loro azione proviene da quella ideologia. Essere di sinistra vuol dire avere il coraggio di lottare, lottare contro ogni forma di prevaricazione dell'uomo sull'uomo, contro ogni ingiustizia.
Vuol dire credere in questo tipo di discorsi:



Ricordo la manifestazione di domenica 8 Giugno a Roma in favore dei Rom.
A questo link: http://www.associazionethemromano.it/newsletter.htm potete trovare ogni informazione.

Commenti

Silvia ha detto…
Nazisti e fascisti, ce ne sono tantissimi tra noi e camminano fieri di esserlo. Come se avessimo dimenticato l'orrore che queste due semplici parole nascondono! Hai ragione: tutti gli intolleranti che perseguitano stranieri/rom/trans ecc. sono della stessa specie di quelli di 60 anni fa... con la differenza che
quelli di 60 anni fa alla fine sono stati annientati... mentre quelli di oggi ricevono applausi/attestati di stima e vengono avallati dallo Stato a perpetrare le loro azioni criminali; questa non è una differenza da poco! Hai ancora ragione, credono che basta avere un tatuaggio per identificarsi con una certa appartenenza di cui sono ignoranti! Di cui non sanno il significato! E agendo come agiscono non solo dimostrano la loro totale ignoranza verso quei valori che pretenderebbero di attribuirsi (a torto), ma che disonorano persino! Essere di sinistra vuol dire non accettare di piegarsi all'ingiustizia... perchè se lo fai (e addirittura te ne rendi complice), beh, vuol dire che non sei tanto diverso dai nazisti/fascisti di cui sopra...

"Le bestialità sono la natura dell'imperialismo", è vero...
l'incarcerato ha detto…
Quanto sono vere le tue parole purtroppo. Si, io mi schiero. Io sono di SINISTRA.

Grazie per aver ricordato la manifestazione!
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
ciao marco,solo una rispostina veloce che debbo scappare.
la storia è piena di persecuzioni, dell'uomo contro altri uomini.SE in qst preciso istante non ci fossero piu in italia ne rom ne rumeni ne nordafricani,insomma nessuno che possa essere chiamato straniero ,stai tranquillo che ci sarebebro i terrun,i magnapolenta i sardi che tornerebbero ad essere chiamati sardagnolo(dispreggiativo)
i siciliani mafiosi,ops scusa quelli ci sono da sempre e non si dovrebebro chiamare cosi,non tutti ,ovvio,insomma non si sa come(anzi si sa) ma l'uomo per vivere ha bisogno di odiare qualcuno,qualcosa,cosi facendo crede di poter
"camparsi il suo orticello"
Non pensa che continua ad accumulare solo karma negativo di cui dovra' dare conto.il bello è che tanti pensano(se...pensano)che debbono dare conto delle loro azioni solo a Dio,in qulunque modo lo sichiami o lo si voglia chiamare,poi cosi basta un finto pentimento tardivo e tutto va a posto,al contrario dovranno darne conto solo a se stessi e lo si dovra' fare in modo pesante,sulla propia pelle ,o meglio sulla nostra anima.Un vecchio fardello di colpe di cui dovremmo "IMPERITUA"liberarci,ed è a questo che serve la vita terrena,intesa in senso lato,ma ormai l'animo dell'uomo,di questo uomo incivile che al contrario si ritiene civilissimo e portatore di democrazia ,DICEVO,ormai L'UOMO è sordo ad ogni richiamo dell'anima .Continua inperterrito a farsi del male e sopratutto a fare del male agli altri,come amo ripetere spesso,l'uomo dimentica troppo in fretta o meglio non ha assolutamente memoria e cosi non impara mai dagli errori gia commessi in passato.Grazie marco,se ti va di linkarmi ne saro' felice e ricambiero'non stasera,domani.Oggi stacco qui perchè ho finito di lavorare sulla rete solo alle 7 del mattino,ora sono passata fra i vari miei blog a vedre doamni a quanti rispondere ,purtroppo oggi la (nottata) è stata pesante,ho provato la costruzione di nu nuovo template per bloghher,(poi cambiero l'immagine e l'impostazione colonne)l'ho fatto per vedre come me la cavavo con i template di bloggher,ho intenzione (piu avanti) di mettere in rete un blog che parlera' di"argomenti particolari"a me molto cari.Ora vado,un saluto gabrybabelle

p.s. grazie della vecchietta,la verita' è che la maggior parte di noi hanno molti piu anni e molte piu vite all'interno del loro background del/nel vissuto terreno!

6 giugno 2008 22.34
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
PURTROPPO QUESTO GOVERNO,DAL MODO IN CUI SI COMPORTA, Dà LORO SEMPRE PIù FIDUCIA IN CIò CHE CREDONO PERCHè LO STATO STA COMBATTENDO OGNI PROTESTA,SE PUR PACIFICA,CON LE FORZE ARMATE RIMANDANDO COSì I NOSTRI RICORDI AD UN REGIME(FASCISMO, NAZISMO) CHE DI DEMOCRATICO NON HA NIENTE. FACENDO CIò PERò QUESTE BESTIE SI SENTONO PROTETTE PERCHè ENTRAMBI,STATO E SEGUACI, PARLANO LA STESSA LINGUA. PER LORO LA VIOLENZA è TUTTO. MI CHIEDO COSA FACCIA AL MONDO QUESTA GENTE...........ABBIAMO BISOGNO DI FRATELLANZA, RAPPORTI UMANI CIVILI NON DELLE LORO ORRENDE IDEE.

CARA SILVIA COME HAI RAGIONE CAMMINANO FIERI TRA NOI, è VERGOGNOSO

gabrybabelle: PURTROPPO LA STORIA RACCONTA QUELLO CHE DICI E CIOè CHE L' UOMO GENERA VIOLENZA GRATUITA ALL' UOMO SOLO PER IL GUSTO DELL' ODIO. ANCHE SE DIFFICILE DOBBIAMO COMBATTERE PER RIAVERE I VERI VALORI DELLA VITA.
il Russo ha detto…
Contro ogni tipo di discriminazione, razzismo, esaltazioni di razze quando l'unica razza esistente é quella umana.
Io sono e sarò sempre contro, loro saranno sempre e solo razzisti e fascisti.

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…