Passa ai contenuti principali

GUERRA DEL PETROLIO

Ieri a Parigi camionisti, pescatori ed agricoltori hanno letteralmente bloccato la città con una manifestazione di protesta contro il caro carburanti che sta mettendo seriamente a repentaglio le loro prospettive di lavoro. Contemporaneamente a Madrid 15.000 tassisti hanno mandato in tilt il traffico della capitale esasperati per il continuo aumento del prezzo dei carburanti che sta erodendo sempre più in profondità i loro margini di ricavo, mentre anche a Manchester un corteo di motociclisti creava problemi alla circolazione. Mercoledì a Bruxelles migliaia di pescatori italiani ed europei hanno manifestato contro il caro petrolio ormai diventato insostenibile e dopo un deludente incontro con i collaboratori del commissario europeo alla pesca Joe Borg hanno ingaggiato una vera e propria battaglia con la polizia che si è protratta a lungo con tanto di cariche, getti d’idranti, vetri infranti e cassonetti incendiati. In Germania, Olanda e Svizzera gli allevatori fortemente contrariati per l’enorme aumento dei costi di produzione (mangimi, carburanti, trasporti) hanno bloccato nei giorni scorsi le forniture per ottenere un aumento dei prezzi del latte. In Italia il 3 giugno i pescatori hanno bloccato il porto di Ancona, mentre proteste e presidi interessavano anche la Liguria e la Toscana e buona parte dei mercati ittici nazionali versano in grande difficoltà perché privi di pesce fresco. Ieri alle porte di Cremona centinaia di allevatori hanno bloccato lo stabilimento Auricchio (di proprietà del presidente di Federalimentari) e istituito un presidio permanente per ottenere un prezzo minimo del latte alla stalla di 42 centesimi al litro, indispensabile per mantenere in vita gli allevamenti rimasti.

Nonostante la “stampa” cerchi di minimizzare il problema, il più delle volte epurando le notizie dal palinsesto dell’informazione, sta emergendo in maniera sempre più evidente il disagio di moltissime categorie di lavoratori posti di fronte all’abnorme incremento dei costi, determinato dall’aumento ormai fuori controllo dei prezzi dei carburanti.
L’Europa dei banchieri e dei funzionari in doppiopetto si sta di contralto manifestando totalmente incapace di fare fronte ad una situazione potenzialmente esplosiva e continua a balbettare senza offrire alcuna prospettiva concreta per incidere nei termini di un problema che sta allargandosi sempre più e rischia di mettere in ginocchio milioni di lavoratori.
Senza la capacità di offrire risposte concrete e strade percorribili nell’immediato, la consorteria mega stipendiata che alligna nei palazzi di Bruxelles rischierà di trovarsi presto a fronteggiare la guerra della benzina, dove pescatori, allevatori, camionisti, tassisti e molti altri lavoratori in procinto di finire “sulla strada” potrebbero trasformarsi in veri e propri “black block” assai difficili da contenere e convincere che tutto va bene.
MARCO CEDOLIN 6 GIUGNO 2008



Ho messo il video sopra perchè spiega in modo simpatico, quello che sta accadendo all' umanità: la fine del petrolio facile e a buon mercato. Come tutti sapete, viene chiamato l'oro nero perchè è il principale motore delle economie industrializzate, perchè il progresso che ha caratterizzato l'ultimo mezzo secolo, deriva dall'utilizzo di questo importante combustibile fossile. Ora però, avendo raggiunto il picco di produzione, detto anche Picco di Hubbert nel 2006, la produzione non soddisfa la domanda mondiale in continuo aumento. Dal 2005 infatti, la produzione è pressochè invariata a 85 milioni di barili al giorno rispetto ad una domanda che invece aumenta di circa il 2% annui. Quest' anno la domanda, per la prima volta, potrebbe superare l'offerta. Detto questo, considero le attuali manifestazioni inutili se la logica di sviluppo resta la stessa, se non ci decidiamo a capire che le risorse della terra non sono infinite contribuendo in questo modo a costruire, un sistema basato sulla decrescita e sul risparmio energetico. Proseguendo in questa direzione, rischiamo veramente di farci una guerra che alla fine non avrà nessun vincitore. Tutto questo mi sembra paragonabile a un pugile ormai alle corde, il quale, pur di difendersi, sferra colpi a caso senza una logica precisa. Infatti, molti protestano pur non sapendo quale sia la reale causa dell'aumento.

Commenti

Silvia ha detto…
Sai a volte che penso?? Che vorrei che questo petrolio finisse una volta per tutte... se pensiamo che ci ha migliorato la vita, in verità ce la sta via via rovinando e forse, presto, sarà alla base del definitivo tracollo della nostra civiltà (civiltà??!!). Se si esaurisse cosa accadrebbe, quale scenario??

Cosa possiamo fare per non finire come quel pugile??? Cosa possiamo fare???

***

Mi riallaccio a quanto mi hai risposto nel post su Obama: grazie per avermi enumerato le presidenti (ne conoscevo anch'io)!!! E grazie per la "nomination presidenziale" che mi hai accordato... ne terrò presente se dovessi decidermi a scendere in politica, sapendo di avere assicurato almeno un voto!!!!! Grazieee!!!! ;-))
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
SILVIA: Ti consiglio questo video se vuoi :
http://www.youtube.com/watch?v=vve9eCUk5w4&feature=related
L'ultima analisi di un' agenzia tedesca ha previsto che la produzione scenda, entro il 2020, a 59 milioni di barili. Tempo fa ho partecipato, tramite internet, a un forum sull'energia dal nome Aspo a Torino. Ho fatto la domanda di quale scenario fosse possibile nei prossimi anni a un esperto, la risposta è stata: nessuno lo sa di preciso. Lo scenario più probabile vede nel mondo guerre per accaparrarsi le ultime risorse energetiche.
alfa ha detto…
Ti rispondo qua. Nessun problema se inserisci il mio ( /nostro - siamo in due a scriverci :-P ) blog nei tuoi link utili. Anzi, è un piacere! Ricambio volentieri ;-)
il Russo ha detto…
PRODUCI - CONSUMA - CREPA
Passano gli anni ma il leitmotif é sempre lo stesso, peccato che l'ingranaggio "perfetto" si sia inceppato...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
E' un piacere anche per me Alfa.

Russo: forse è un bene che si sia inceppato. Meglio il disordine all'ordine imposto.
Silvia ha detto…
"...Lo scenario più probabile vede nel mondo guerre per accaparrarsi le ultime risorse energetiche", è terribile. Ma non è quello che sta già accadendo?? O quantomeno, ne siamo vicinissimi, praticamente a un passo.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Silvia: è vero sta già accadendo, infatti chi le cose le sapeva ha cercato di premunirsi... forse invano. Tuttavia potrebbe essere ben peggiore rispetto a quello che è stato fino adesso. Non vado oltre perchè non ho ancora sufficienti prove credibili.
Silvia ha detto…
Già, certamente sarà peggiore di quanto non lo sia ora, certamente. Anche se non hai ancora sufficienti prove credibili... ti assicuro che quello che dici è assolutamente attendibile e so che hai pienamente ragione a tracciare uno scenario apocalittico per accaparrarsi le ultimissime risorse. Ma, mi domando, non esiste un modo per limitare (se evitarlo pare impossibile) tutto questo?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Io spero di evitarlo e farò di tutto per evitarlo anche perchè le conseguenze sarebbero catastrofiche. Serve che la gente si svegli, che smetta di inseguire ideali e valori di riferimento opposti ai propri interessi in modo da uscire da questa generale follia che invece di migliorare le condizioni di vita, le peggiora. La strada è lunga, ricca di ostacoli, e forse inacessibile, ma spetta a noi giovani valorizzare una forma di società diversa. Almeno ci avremo provato ad uscire da un sistema che per la ricchezza di pochi, manda all'estinzione l'intera razza umana.
l'incarcerato ha detto…
Il problema è che le prossime guerre si faranno per il "petrolio blu", che è l'acqua. Un bene che comincia a scarseggiare, quello mi preoccupa molto di più.

Anche perchè alla mancanza del petrolio sappiamo tutti che un rimedio esiste, ma all'acqua no!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Infatti incarcerato le emergenze sono 2. Energetica e ambientale
Alessandro Tauro ha detto…
Praticamente non stiamo facendo altro che aspettare la fine del petrolio per capire come andare avanti.
Ricordo a tal proposito la celebre massa di Beppe Grillo, parlando dell'attuale "era del petrolio":
"Ma guardate che l'età della pietra non è mica finita perchè erano finite le pietre!"

Complimenti per il blog! ;)
Fai un salto sul mio quando vuoi!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…