Passa ai contenuti principali

I PARADOSSI DEL NOSTRO TEMPO.

Il paradosso del momento storico in cui viviamo è che abbiamo edifici più alti, ma tolleranza più bassa; autostrade più ampie, ma punti di vista ridotti; spendiamo di più, ma abbiamo meno; compriamo di più, ma ne godiamo di meno.
Abbiamo case più grandi, ma famiglie più piccole; siamo più agiati, ma abbiamo meno tempo; abbiamo più lauree, ma meno buon senso; sappiamo di più, ma abbiamo meno giudizio; siamo più esperti, ma con più problemi; più medicine, ma meno benessere.
Beviamo troppo, fumiamo troppo, siamo spendaccioni, ridiamo troppo poco, guidiamo troppo veloce, ci arrabbiamo più in fretta, facciamo le ore piccole, ci alziamo più stanchi, leggiamo troppo di rado, guardiamo troppa televisione e preghiamo raramente.
Abbiamo moltiplicato i nostri beni ma ridotto i nostri valori. Parliamo troppo, amiamo di rado e odiamo spesso.
Sappiamo come guadagnarci da vivere, ma non sappiamo vivere; abbiamo aggiunto anni alla nostra vita, ma non vita ai nostri anni.
Siamo andati e tornati dalla luna, ma ci è difficile attraversare la strada per incontrare i nostri vicini. Abbiamo conquistato lo spazio esterno, ma non quello interiore. Abbiamo fatto cose più grandi, ma non migliori. Abbiamo ripulito l’aria, ma inquinato la nostra anima. Abbiamo scisso l’atomo, ma non i pregiudizi.
Scriviamo di più ma impariamo meno; pianifichiamo più cose ma ne otteniamo meno. Abbiamo imparato ad affrettarci, ma non ad aspettare; abbiamo salari più alti, ma moralità più bassa; abbiamo più cibo, ma meno armonia; costruiamo più computers per contenere più informazione, per fare più copie che mai, ma comunichiamo di meno. Abbiamo migliorato la quantità ma non la qualità.
Sono tempi di cibo veloce e di digestione lenta, di uomini alti ma bassi di carattere, di enormi profitti, ma di rapporti superficiali.
Sono tempi di relativa pace nel mondo, ma di guerre interne; più agi, ma meno gioie; più tipi di cibo ma meno nutrimento.
Sono giorni di doppi salari, ma più divorzi; di case sfarzose ma distrutte da separazioni. Questi sono i giorni dei viaggi veloci, dei pannolini usa e getta, della moralità da scarto, di avventure di una notte, di corpi sovrappeso e di pillole che ci esaltano, ci tranquillizzano e ci ammazzano. È il tempo in cui c’è molto in vetrina, ma poco in magazzino.
Il tempo in cui la tecnologia vi ha portato questo articolo, ed è il tempo in cui potete o fare la differenza oppure semplicemente “saltare alla pagina successiva”.

Il Dr. Bob Moorehead, è ex pastore della Overlake Christian Church di Seattle's. (Ritiratosi nel 1998 dopo 29 di attività in tale chiesa). Questo saggio è apparso col titolo "The Paradox of Our Age" in “Words Aptly Spoken” la raccolta del Dr. Moorehead del 1995 di preghiere, omelie e monologhi utilizzati nei suoi sermoni e trasmissioni radiofoniche Titolo originale: "The Paradox Of Our Time"
Tratto dal sito www.comedonchisciotte.org

Fonte: Link

Commenti

stella ha detto…
Questo post mi ha affascinata per le sacrosante verità!
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
Marcolinoooo,scrivi trooppo,non ti sto' dietro,ma come sempre"Parole Zante"siamo una societa' di MagnAccioni,cON il piu grande e vorace Magnaccione,l'ho sempre scritto...ne ho le prove,eh,eh,eh, rido per non piangere!!!bUON WEek GABRYBABELLE
peace and love ha detto…
siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!

il computer non si è bloccato...ma vieniiiiiiii!

quello che hai scritto in questo post...è la pura verità...!
che mondo di ... ci siamo capito no???

ciao ciao!
peace and love ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Luz ha detto…
E' giusto. Siamo tutto e il contrario di tutto. Sai cosa mi fa venire in mente? Una vecchissima canzone di Sergio Endrigo che diceva:
"Un signore di Scandicci,
buttava le castagne, e mangiava i ricci...
tanta gente non lo sa, non ci pensa e non si cruccia, la vita la butta via e mangia soltanto la buccia."
(la cantavamo in macchina quando le nostre figlie erano piccole!)
Mi chiedo come si possa ritornare ad essere più veri e coerenti, forse solo continuando testardamente a dare il buon esempio, senza lasciare che questa folle società ci inghiotta come la balena con Pinocchio!
Un abbraccio. Luz
peace and love ha detto…
OILA COME VA BLA BLA BLA!!!
HAI VINTO UN PREMIO...VIENI DA ME A RITIRARLO!!!
CIAO CIAO!
stellastale ha detto…
quantamerce in vetrina!!!
Lucia Cirillo ha detto…
I paradossi sono l'altra faccia della verità. Io li amo perchè mi rendono il mio tempo più comprensibile...e quindi purtroppo anche più temibile. L'articolo è una carrellata impeccabile di pillole di verità atroci...

Oggi ho letto questo (paradosso pure lui.sic!):
"Molti si sono interrogati su cosa esattamente sia la felicità, e può essere che interrogandosi l'abbiano perduta" (anonimo)
Elia Pirone ha detto…
A mio parere, tutto ciò è dovuto a una certa evoluzione del sistema occidentale (in parte anche in quello orientale). La società moderna è nichilista, mondialista, parassitaria e assolutamente priva di qualsiasi idealtipo ideale e valoriale da seguire.

E' triste ma è così. E' nostro dovere non lasciarci sfiancare da una società di questo genere e di lottare, lottare, lottare per i nostri ideali, contro un sistema depravato e anti-etico.
Cesco ha detto…
Un pò troppo pessimista e semplicistico, però l'idea rende bene, o quasi. Si riferisce a quella casta di persone che se la passano bene, ovvero noi occidentali, e per bene intendo solo economicamente. Cionondimeno, quello che frena un cambiamento in questa direzione, è la stessa indifferenza della gente al cambiamento, preferisce la tranquilla beozia fatta di finti valori, tra cui c'è quello di pregare e le famose "etichette" di comportamento, che logorano l'individuo in una insopportabile routine noiosa. Si perdono i valori veri, quelli di amicizia, di solidarietà e comprensione, che implicherebbero da parte nostra uno sforzo ben più grande di quello dello stare fermi a grattarsi la pancia nella nostra tranquilla casa... ma è un discorso troppo lungo, perchè c'è troppa gente che prima bacia la statua della madonna e si fa il segno della croce, dopodichè picchia la moglie, sputa al rumeno che chiede le elemosina all'angolo della strada e picchia a morte il marocchino reo di essere uno "sporco negro". Spero di aver reso bene l'idea.
Nicola ha detto…
Ciao, sono passato per augurarti una buona giornata e ho avuto l'occasione di leggere un pò di cose......
emanuela ha detto…
Sono i paradossi che quotidianamente sopportiamo e, purtroppo, applichiamo
peace and love ha detto…
oggi abbiamo tutto,ma in realtà è il niente!!perchè non sono i beni materiali,che fanno di una persona la ricchezza...

ti racconto na cosa...

LA MADRE DEI GRACCHI

questa donna era una contadina,era povera.Un giorno si presenta una donna a casa sua e le mostra tutti i gioielli più belli dell'epoca,che possedeva.La contadina,la trattenuta fino all'arrivo dei suoi due figli che erano a scuola.La contadina li mostra alla donna e dice:"ECCO QUESTI SONO I MIEI TESORI!"

ciao ciao!

p.s.:grazie per il premio!!

p.p.s.:fa piacere anche a me di averti conosciuto!

ciao ciao!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Gabry: he..si c'è qualcuno che mangia più di tutti.

Peace and love: Hai visto, ho ridotto la pagina iniziale.
Grazie per la tua storiella e per le tue parole.

Luz: Grazie per aver condiviso quel momento con noi. Un abbraccio.

Stellastale: troppa merce in vetrina, ma non nell'animo.

Lucia:Grazie anche a te. Si.. la realtà è temibile.

Elia: sembra quasi che tu stia leggendo il mio stesso libro. La società è nichilista, priva di valori e troppo individualista. siamo individui solitari in un mare di gente.

Cesco: grazie per il commento. Hai reso perfettamente l'idea.

Emanuela: si, purtroppo a volte cadiamo anche noi in quelle contrddizioni.

Nicola: un caro saluto a te. Benvenuto nel blog.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Stella: grazie per aver apprezzaro il post.
riri ha detto…
Ciao Marco,purtroppo è così..ma non sempre,molto spesso sì...però a volte si scoprono cose,fatti,che ci fanno cambiare si spera in meglio (non è buonismo) è un augurio.Ho letto che Veenhoven(sociologo e prof.all'università di Rotterdam) spiega la sua ricetta sulla felicità:
nasce dalla libertà e non dai soldi,allunga la vita..ecc.
Ecco: è tutto racchiuso nel nome del tuo Blog....
Mentre sono qui assaporo l'attimo che sto vivendo,ascolto i rumori del corso,guardo il mio cortile-giardino-roseto e mi chiedo perchè tutto questo non possa essere armonia condivisa ,è vero che non sempre si è in pace con se stessi,ma se mi guardo intorno...non so,forse mi ritengo fortunata,anche se malinconica...ma è il destino dei grafomani forse,di quelli che si chiedono troppo spesso, troppe cose....
Un saluto sincero
Elia Banelli ha detto…
In Italia c'è un bel movimento culturale e politico che si rifà alle idee di Pallante e altri sulla decrescita economica, l'anti-modernismo, la ricerca coatta del profitto, la mancanza di tempo, la scomparsa di antichi valori sani e genuini, i cittadini ridotti a consumatori, la depressione e il dominio della superificialità.
E' il "Movimento Zero", creato dal giornalista e scrittore Massimo Fini.
www.movimentozero.org
Imagine ha detto…
gran bel post
pansy ha detto…
Un post strepitoso!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…