Passa ai contenuti principali

ESSERE DIVERSI

Zingari e stranieri rifiuti ad personam di un paese incivile
Luca Fazio
Se fossimo un paese civile, ma non è il caso di formulare ipotesi fantascientifiche, potremmo ragionare su cosa ci stia succedendo e sul perché siamo incapaci di reagire, partendo da tre piccoli fatti che sono più sconvolgenti di tutte le leggi «ad personam» del premier e delle banali pratiche sessuali che allietano la vita, anche parlamentare. Fatti di cronaca, si direbbe nelle redazioni dei giornali per bene che ancora non si sono ripresi per le «cose inaudite» sentite l'altro giorno in piazza Navona.Allora, sentite queste. A Padova, dove la raccolta differenziata funziona a meraviglia, ci sono marocchine - ma pur sempe donne! - piegate sotto il sole e nascoste in un capannone industriale che infilano le mani nude nel nostro schifo quotidiano per separare il secco (pannolini, assorbenti) dall'umido (avanzi putrescenti). Come schiave, e speriamo che almeno non siano sprovviste di permesso di soggiorno, perché in questo caso meriterebbero di essere rinchiuse al più presto in un Cpt per combattere la piaga della clandestinità - alzi la mano il parlamentare che non è d'accordo ad applicare la legge italiana. Inciviltà? Beh, abbassiamo i toni.E allora spostiamoci nella città «più vivibile d'Italia», Mantova. Vijai Kumar, 44 anni, l'indiano «clandestino» che lavorava in nero in un campo di Viadana, non corre più lo stesso rischio delle donne marocchine: è morto, è stato lasciato morire come un cane, ma siamo sicuri che il «mondo del lavoro», o magari il Colle, sapranno lanciare un monito per sensibilizzare gli italiani. Vijai Kumar si è sentito male e il padrone lo ha nascosto lungo un filare di alberi invece che chiedere soccorsi. Omicidio razzista? Beh, non facciamoci prendere la mano dal «populismo d'opposizione», altrimenti rischiamo di non governare mai più. La terza notizia, se possibile, è ancora più vergognosa, ma dobbiamo mantenere la calma perché certe cose ai bambini, a quelli degli altri, noi italiani le stiamo facendo a fin di bene (come dicono il leghista Maroni e il piddino Penati). Le impronte digitali a parole scandalizzano l'Europa, ed è positivo che nelle piazze italiane molti antirazzisti si stiano mettendo in fila per inchiostrarsi i polpastrelli in segno di solidarietà con gli zingari. Però bisogna stare molto attenti, perché il nemico - pardon, l'avversario politico - si sta portando avanti. A Firenze, per esempio, una bambina zingara di 12 anni è stata sottratta ai genitori in un autogrill, e sequestrata per sei giorni in una «struttura protetta», perché somigliava alla piccola Angela Celentano, scomparsa nel 1996. Non era lei, ma non c'è problema: nella «struttura protetta» c'erano psicologi esperti. Quindi, continuiamo pure a parlare d'altro.

Tratto dal Manifesto

Questa è l'italia di oggi (si con la i minuscola). La vita degli altri vale meno di niente. Qui dalle mie parti, si usa dire che un uomo è bravo solo se lavora, solo se ha la cosiddetta voglia di lavorare. Ma un uomo, che lascia morire un Indiano nascondendolo in un filare di alberi, è ancora da considerarsi umano? Lasciare donne lavorare come schiave, per la merda che non siamo capaci di smaltire, è da considerarsi umano? Rapire una bambina zingara per 6 giorni solo perchè assomiglia ad un' altra persona è umano? Che schifo italia.
Quanto è attuale questa poesia di Pasolini:




IO MI DOMANDO ANCHE, CHE PADRI AVETE AVUTO!?

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
ANONIMO: i commenti che istigano all'odio razziale, verranno censurati.
Silvia ha detto…
No, caro, no, non è umano tutto questo, non è umano affatto! Ma questo Paese si è deumanizzato da tempo, ormai. Siamo allo sbando più totale e certa ignoranza porta sempre più a giustificare questo sbando, chiamandolo progresso!

E' una vergogna e ne siamo intrappolati, senza possibilità di uscirne vivi.

Mi viene da fare una considerazione: qui non c'è rispetto per i lavoratori italiani... come può essercene per gli stranieri? Ci comportiamo da bestie con i nostri conterranei... come possiamo pretendere di essere UMANI con gli stranieri?

Questa è la vera domanda inquietante e dolorosa da porci. E se troveremo una risposta... forse troveremo anche la chiave per cambiare le cose...

***

Marco, grazie ancora per il post precedente, grazie, caro!!!!

;-)))
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
ANONIMO: RISPONDI TU ALLE DOMANDE DI SILVIA. TU, CHE DIFRONTE ALLA VIOLENZA CHE HA DISTRUTTO UNA DONNA, MI PARLI DI FASCISMO CHE HA DISTRUTTO UNA NAZIONE. COME VEDI QUESTO BLOG, E' FREQUENTATO DA PERSONE DOLCI E SENSIBILI AI TEMI DELL'UGUAGLIANZA. SILVIA E' MOLTO PIU' INTELLIGENTE DI TE PERCHE' SA PORSI DELLE DOMANDE, SA GUARDARE DENTRO IL SUO CUORE E CAPIRE COSA LO AFFLIGGE. ALL'ITALIA SERVE IL CUORE DI PERSONE COME LEI, E TUTTI QUELLI CHE FREQUENTANO QUESTO BLOG, PER CAMBIARE STRADA. FINO A QUANDO NON SAREMO IN GRADO DI AMARE LO STRANIERO, NON SAREMO MAI IN GRADO DI AMARE LA NOSTRA GENTE.
TU CHE MI FAI COMMENTI SULLA CHIESA DOVRESTI PREDICARE QUESTO E NON IL CONTRARIO.

SILVIA: GRAZIE. LA PARTE SOPRA, è IL MIO RINGRAZIAMENTO AL TUO COMMENTO.
Silvia ha detto…
Grazie a te, caro! Grazie a te e alla tua sensibilità: perchè non ci sono 60 milioni di persone come te in Italia???

Perchè???

***

;-)))
l'incarcerato ha detto…
Non ho nulla da aggiungere al tuo post, volevo rispondere a Silvia che tutti noi che la pensiamo così siamo la minoranza, è vero. Ma abbiamo la forza di ribaltare il mondo intero.
Non è retorica questa, pensa alla rivoluzione cubana(al di là se sia stata giusta o sbagliata)compiuta da 82 persone su una barca sgangherata.

"Bisogna mirare all'impossibile per poter realizzare il possibile."
Herman Hesse.
l'incarcerato ha detto…
e sono contento che ci siano persone come Schiavi o Liberi che ancora si indignano per queste cose!
Anonimo ha detto…
schiavi o liberi voglio farti una domanda..

quanti anni hai? mi sembri giovane, non hai ancora quel cinismo che contraddistingue molte persone. Forse è una cosa positiva.

forse sarò stato un po' crudo nell'esporre i miei pensieri.

però volevo dirti che secondo una vecchia tradizione cristiana i chiodi che crocifissero Gesù furono costruiti da certe persone appartenenti alla popolazione sinti. ti dice niente?

Iddio scaglio su di loro la sua maledizione.

censura pure anche questo messaggio ma se lo farai dovrai censurare Santa Romana Chiesa perché nei codici canonici si riporta questo evento.

in ogni caso rispondi alla mia domanda.

quanti anni hai?
Gap ha detto…
Io con i topi di fogna non riesco a parlare, loro mordono e spargono malattie.
State dedicando solo troppo tempo ad un essere abietto, forse ho più rispetto per i topi e chiedo loro scusa per averli paragonati a quel campione di coraggio che è l'anonimo, talmente coraggioso che non si firma nemmeno con il nick.
Gap
Anonimo ha detto…
tu invece gap sei un supereroe, ora che ti sei firmato "gap" so tutto di te, quanto sei alto, quanto pesi, dove vivi, quanti anni hai...

ma fammi il favore. come se il nick determinasse l'essenza di una persona. firmarsi gap o firmarsi anonimo è la stessa cosa a meno di non usare il proprio nome di battesimo.

cmq se la cosa ti fa piacere puoi chiamarmi pippo

firmato

pippo
l'incarcerato ha detto…
Non rispondergli Schiavi o Liberi, si vede che è un fanatico religioso, tipo opus dei.
E spero, a proposito dell'età, che questo anonimo sia ancora un ragazzino che ancora deve fare esperienza, perchè se ha un età avanzata è preoccupante.
pippo ha detto…
potrai anche essere un troll, non necessariamente un fanatico religioso.

come fai a dirlo.
Gap ha detto…
Pippo no, offenderei l'amico di Topolino. Nemmeno Pippone, offenderi i ricordi adolesceanziali di molti ragazzi. Forse ti va bene stronzo, con la minuscola.
Se ti consola ho 52 anni, una moglie, che rispetto, due figlie, due gatti, che sono sicuramente più umani e di conseguenza più intelligenti di te. Sanno essere affettuosi, capiscono quando qualcuno sta male e si accoccolano per tenergli compagnia. Tu non capisci il dolore degli altri. Se fossimo tutti come te ti dovremmo augurare di passare le stesse cose. Ma non lo facciamo e non lo abbiamo fatto. Si, siamo superiori.
E con questo chiudo, ho perso sin troppo per te.
Gap
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
anonimo: l' età non c' entra niente sul fatto di essere o meno cinici è quello che si è dentro, quello per cui si combatte, gli ideali che contraddistingono l' essere di ogni uomo.
Comunque se ci tieni ho 27 anni e sono abbastanza per capire in che mondo di merda viviamo dove ogni sogno, speranza, umanità, amicizia ecc. vengono spazzate via.
Non censurerò niente anche perchè il blog serve proprio come scambio di idee e poi vedo che ti rispondono un pò tutti per le righe, vedi GAP.
Per quanto riguarda la tradizione dei sinti, nonostante le molte letture su questi argomenti, non ne sapevo niente. Se vuoi citarmi la fonte te ne sarei grato così posso documentarmi.
Comunque volevo dirti che se anche i chiodi fossero stati fatti dai sinti la colpa è di chi li utilizza per fare del male quindi a te le conclusioni. Io posso regalarti un badile perchè ti si è rotto quello vecchio ma se tu lo usi per ammazzare tuo fratello la colpa è mia che te l' ho regalato? Rifletti per piacere.
Volevo anche dirti che se l' uomo uccide, dispezza, violenta, ferisce non è sempre riconducibile alla religione ricordalo siamo noi che decidiamo del futuro ed è sempre l' uomo che sbaglia per colpa del suo egoismo, la sua rabbia, il suo odio e disprezzo verso tuttto e tutti.
Concludo dicendoti: chi è causa del proprio male pianga sè stesso!!!! Cerca di diventare più umano e cerca di cambiare questo tuo odio!!!1
p.s.: può darsi che la risposta del mio amico( siamo in 2 a gestire questo blog) non sia così soft come questa......

incarcerato: grazie del consiglio ma credo che una risposta la meriti nonostante la sua ignoranza o la sua curiosità futile. Da come parla penso non sia un ragazzino quindi preoccupati pure.

Gap: hai risposto fin troppo bene, grazie
Gap ha detto…
Per chi ha letto il post sullo sciacquone.
Ora capite perchè parlavo di una enorme, unica, immensa tazza con relativo sciacquone.
Gap
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Gap: ora capisco tutto.

In ogni caso caro anonimo, hai rotto le palle. Gesù, può essere stato crocefisso anche con chiodi Sinti a me non me ne frega niente.Se fosse questo il metro di giudizio ti dice niente la porrajmos, la Shoah. Se fosse come tu dici, Dio dovvrebbe maledire italiani e tedeschi per aver causato la seconda guerra mondiale che ha portato a 60 milioni di morti e più di 100 milioni di feriti( non uno solo).Se è questo il metro di giudizio, tu per rievocare il fascismo dovresti essere maledetto....

SOLO l'AMORE INFINITO VERSO OGNI POPOLO POTRA' SALVARCI.
Gap ha detto…
Ognuno di noi che ha risposto all'anonimo ha un blog, ha un posto dove è identificabile perlomeno su come la pensa, accetta di essere messo in discussione sul proprio blog e su quelli degli altri. Tu caro (per modo di dire) anonimo non rispetti nemmeno queste piccole, elementari, basilari regole di chi accetta di confrontarsi con gli altri anche se tramite internet. Dirti che abito a Roma o a Genova, che il mio nome è Arturo o Calogero, in questo caso non cambia l'essenza di ciò che si dice. Questa è la differenza tra noi. Puoi venire nei nostri blog e discutere, puoi vedere i nostri profili personali, più o meno completi, ma ti puoi fare un'idea delle persone con cui stai parlando. Della lora sensibilità, cultura, preparazione.
Di te, purtroppo, ci siamo fatti un'idea limitata, per tua esclusiva colpa. Invece di cointinuare a provocare, cerca di instaurare un discorso serio, documentato e cerca di guardarti dentro. Pensa ad applicare ciò che dici ai tuoi cari, e vedrai che non acceteresti per te ciò che dici sia valido per gli altri.
Come vedi dopo la difesa e l'attacco cerco anche di trattare, in fondo in fondo spero sempre che un barlume di umanità nel tuo cuore e cervello si possa trovare ancora.
Tieni duro, puoi farcela a tirarti fuori dal pantano in cui sei.
Gap
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
E poi Gap, avrà anche solo il nick, ma io posso andare nel suo blog e capire il suo pensiero non come te che vieni dal nulla.

Silvia: Perchè senza persone come te, e tutti quelli che vengono a commentare in questo blog( a parte anonimo) non sarei quello che sono.
La mia sensibilità, è tutto il rispetto che ho per voi.
pippo ha detto…
in ogni caso il punto è questo:

delle donne sono state violentate e io sostengo che a farlo siano state persone di una certa estrazione al che vi incazzate come iene.

mai e poi mai ho detto che non provo pietà per loro e disprezzo per lo stupratore ma a voi fa comodo capire quello che vi pare ovviamente.

poco me ne frega se lo stupratore è di sinistra o di destra meriterebbe l'ergastolo. se poi in quello che dico voi vedete disprezzo per le donne stuprate allora vuol dire che siete dalla parte dello stupratore e non delle stuprate.

il che sinceramente è molto più agghiacciante e disumano di quanto voi pensiate lo sia io.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
GAP: solo per questo tuo discorso, verrei a trovarti anche se abitassi in Lapponia.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Anonimo: il tuo discorso di adesso mi convince appena di più. In quel commento, quello che mi ha fatto male, è vedere il tuo voler strumentalizzare a fini politici quello che è una tragedia. Il dolore, almeno quello, deve essere al di fuori di ogni stupida strumentalizzazione. Poi, anche se fosse stato un comunista a stuprare, sarebbe da condannare come lo sarebbe un fascista.
pippo ha detto…
e difatti non mi interessa se di destra o sinistra se è un criminale è un criminale.

ora possiamo sotterrare l'ascia di guerra?

il tuo sito mi piace altrimenti non starei qui a scriverci.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Anonimo: io non voglio fare nessuna guerra. Con la guerra, arriva solo morte e disperazione.Quello che voglio è arrivare a un ragionamento che possa essere il più possibile giusto. Io non ho paura a confrontarmi con te,però deve essere una cosa seria e su contenuti. Non puoi dirmi di chiodi Sinti...Anche gli italiani sono fra i primi produttori di mine antiuomo, dovremmo essere tutti maledetti allora?
Gap ha detto…
In un impeto maieutico, cercherò di commentare le tue affermazioni:

purtroppo questo è il segnale che il bolscevismo continua a produrre guasti al punto tale da permettere tutto ciò. ma ora con Berlusconi cambierà tutto me lo sento.

Cosa c'entra il bolscevismo con uno stupro e con le conseguenze di questo particolare caso? Oppure vogliamo fare la conta di quanti stupratori sono di destra e quanti di sinistra?

Intanto comincia te a cambiare qualcosa. puoi levare per cortesia "ora e sempre resistenza", quello fu scritto per glorificare Stalin e mi pare un pochino obsoleto in un contesto di un blog, rinvangare il passato.

Se permetti uno il proprio spazio se lo gestisce come vuole, e per quel che ti dicevo prima, questo spazio (che non ha bisogno di difensori) è connotato, se non ti sta bene gira a largo, nessuno ti obbliga a frequentarlo, ma non mettere bocca sulle scelte personali dei singoli. Il non aver rivangato abbastanza il passato ha portato a questa situazione.

siete ottenebrati dal massimalismo marxista. mi spiace molto.

Fai uno sforzo e non parlare per frasi fatte e luoghi comuni. Elabora pensieri compiuti con la tua testolina, forse dirai cose meno banali.

comincio a pensare che siate rom e non italiani
In questo particolare momento, anche non condividendo le scelte di vita dei rom, mi sento più vicino a loro che a te e a quelli che stanno attuando una persecuzione razziale, a proposito di rivangare il passato.
Sui chiodi ti hanno già risposto.

Caro(??) anonimo,
lo sai che la maggior parte degli strupri avviene in famiglia, da parte di amici di famiglia e amici in genere? Lo sai che per anni lo stupro non è stato considerato un delitto verso la persona? Potrei andare avanti, però potresti dire che sono dati detti e scritti da una persona di parte. Ti consiglio di andare a leggere i rapporti Istat o il riepilogo delle indagini delle forze dell'ordine.
Nonostante tutto , ciao
Gap
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Gap: domani farò un post. Almeno così vediamo. Ti invito a passare Grazie
Silvia ha detto…
Ci tengo a sottolineare una cosa: lo stupro/violenza/omicidio di una donna non viene da "una certa estrazione sociale"! Poiché la violenza maschile, questo è il suo nome, NON ha nazionalità, NON ha età, NON ha classe sociale! NON ci sono uomini che ne sono esenti per questione di "origine" rispetto ad altri che ne sono "naturalmente portati". Dire il contrario è ipocrisia. Ipocrisia inaccettabile!

***

Ringrazio Gap per aver citato i ben noti dati sulla violenza domestica e sullo stupro considerato "crimine contro la morale e non contro la PERSONA" fino a pochissimi anni fa.

***
Per l'incarcerato: lo so che siamo in pochi a pensarla così e veniamo visti con sospetto. Eppure sì, dici bene, se un manipolo di persone è riuscito a fare una rivoluzione... beh, noialtri anche possiamo ribaltare il mondo intero...

***

Marco, e noi non saremmo quello che siamo senza le tue parole e la tua sensibilità!!!

;-))
Io commento il tuo post. E dico una cosa: bravo per non accettare con la resa dei cinici o degli ipocriti questo pericolo tutt'altro che latente di un regime dittatoriale e razzista. che si sta manifestando sempre più.
Anonimo ha detto…
Tutti dal Russo, ci sono un paio di idioti che attendono le vostre sagge considerazione.
Gap
alfa ha detto…
Polemiche a parte, l'articolo di Fazio mi ha fatto venire i brividi. Ti ringrazio per averlo segnalato, l'avevo perso il 12, alla sua uscita, purtroppo non riesco a stare dietro a tutta la stampa italiana e, a volte, mi perdo dei gran pezzi, veritieri, realistici, sentiti, d'informazione, di critica alla società, molto più di quanto fanno i tg-merda nazionali.
Tutte e tre le situazioni descritte sono vergognose... ma quella che più mi fa rabbia, quella che mi ha lasciato più di stucco quando l'ho letta, è stata quella dell'indiano lasciato lì a morire... non c'è limite alla crudeltà umana, il rispetto è sempre meno... mi vergogno per quelli che fanno queste schifezze... perchè loro non sanno nemmeno cos'è la vergogna.
il Russo ha detto…
Non so che padri abbiano avuto, ma sul mestiere delle loro mamme non ho dubbi...
Pellescura ha detto…
Sono piuttosto indignato dal clima di intolleranza che si fa avanti anche con una certa protervia.
Gatta bastarda ha detto…
gli stupratori sono di una certa estrazione?razza?
ma che schifo è questo... ma leggiti le statistiche che dicono chiaramente che la maggior parte delle violenze sulle donne avviene in famiglia!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…