Passa ai contenuti principali

INFLAZIONE

"Da alcuni mesi lanciamo una sorta di allarme sul fatto che la situazione è grave e sta peggiorando". Così il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, sull'ulteriore rialzo inflattivo, a margine del convegno dell'Aspen Institute. "Noi - ha aggiunto Marcegaglia - pensiamo che sia molto importante riprendere ad investire sulle infrastrutture e che sia molto importante che nella trattativa con i sindacati (sulla revisione del modello contrattuale, ndr) prevalga una logica che metta in evidenza che è vero che c'é un'inflazione alta, ma che in buona parte è importata e deriva dagli aumenti del prezzo del petrolio e dei prezzi delle materie prime alimentari". Per questo - ha proseguito Marcegaglia - "chiediamo e pensiamo che sia fondamentale per il Paese non rientrare in quella sorta di spirale prezzi-salari: nel nostro Paese abbiamo già visto in passato che ha provocato molti danni". Bisogna invece - ha concluso - "continuare a lottare contro l'inflazione perché è il nemico di tutti, soprattutto dei ceti deboli".(ANSA).

Dopo questa dichiarazione mi verrebbe da chiedere:"Come fanno i ceti più deboli a combattere l'inflazione, se il loro stipendio non aumenta essendo ritenuto il colpevole di una spirale prezzi-salari?" Attribuisce le responsabilità al caro materie prime, per poi ricadere sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti. Allora di chi è la colpa? E poi, possibile che il mio povero stipendio (poco più di mile euro) sia la causa di questa tremenda inflazione? Ci sono finanzieri di "alto livello", che arrivano a maneggiare miliardi di euro all'anno, loro non provocano la spirale salari- prezzi?
Ma intanto che penso a tutto ciò, vengo confortato dalle parole di Napolitano:"L'Italia ce la farà, ma serve sacrificio" Mi chiedo, anche se scontato, il sacrificio di chi.
Intanto sul lavoro si continua a morire: altri due morti sul lavoro a Taranto e nel Ternano. Lavorare continua ad essere, per troppe persone, l'estremo sacrificio.



Ditemi voi di quei quattro articoli della Costituzione, quale viene rispettato.
Gia' il primo, in un mercato liberista dove lo stato viene forzatamente emarginato, è a mio avviso una contraddizione. "L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro." Inizio a pensare di vivere in una Repubblica fondata sugli schiavi.

Commenti

Matteo L. ha detto…
C'è un premio per te da ritirare nel mio blog.. ti aspetto! Ciao e grazie
La Costituzione è da quel dì che è calpestata.

Morti sul lavoro; quando hai una legge ma non puoi pagare gli ispettori che vadano sul territorio a verificare in via preventiva che le misure di sicurezza necessarie siano state prese, che speranza puoi avere di vederla applicata e quindi di avere dei risultati?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Matteo L.:GRAZIE DAVVERO

Daniele Verzetti il Rockpoeta:HAI PERFETTAMENTA RAGIONE ANCHE SE DOBBIAMO ASSOLUTAMENTE FARLA RISPETTARE PERCHè LA COSTITUZIONE è UNA DELLE PIù BELLE E VALIDE EREDITà CHE CI HANNO LASCIATO.
nespolina ha detto…
vota il mio sondaggio sul grembiulino! nel mio blog in alto a sinistra!
omega ha detto…
Ma della Costituzione tutti se ne fanno un baffo. Esempi a vagonate da questo governo. Voglio proprio vedere dove si va a finire, adesso che stiamo imbarcando acqua da tutte le parti. Mah.
il Russo ha detto…
La Marcegaglia manco sa che cazzo sia il lavoro: bello avere papà che ha un attività ed ereditarla eh? Provassero ad andare per agenzie interinali e non aver lo straccio di una raccomandazione sti paraculi, li vorrei vedere: col piattino in mano in corso Roma, ecco la fine che farebbero sti paraculati di successo!
Silvia ha detto…
Caro, siamo una Repubblica fondata sugli schiavi; le nostre istituzioni poggiano sulle schiene piegate in due e piagate dei poveri lavoratori che prendono due lire di salario, che muoiono senza tutela e che vengono costantemente presi per il culo dai piani alti...

l'inflazione! Di chi è la colpa dell'inflazione??? Che porci ipocriti, ipocriti, ipocriti porci!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Ipocriti, porci, ipocriti porci. Continuo io per te...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…